17 ore fa:Cosa si dice nella Calabria del nord-est: una settimana di notizie
6 ore fa:La Straface inaugura nuova punto politico a Rossano e parla di turismo: «Ci ispireremo a Tropea»
14 ore fa:Era stato stato accusato di violenza, assolto un agente di polizia
15 ore fa:VOLLEY FEMMINILE - Sconfitta interna "indolore" per la Caffe San Vincenzo: quarto posto blindato
8 ore fa:Conte arriva a Corigliano-Rossano e con Stasi è amore a prima vista: «È una garanzia»
13 ore fa:La Lega Navale incontra l'Esecutivo: in vista nuovi progetti per Corigliano-Rossano
12 ore fa:Imposte e Documento unico di Programmazione, torna a riunirsi il Consiglio comunale
16 ore fa:Viaggio tra i Feudi della Sila Greca - Calopezzati, dai Caputo alla scomparsa di Covella Ruffo
9 ore fa:Fu la Panaghia la prima chiesa di Rossano? C'è un indizio storico
9 ore fa:Il purgatorio è finito: la Rossanese è l’Eccellenza

Ospedali Co-Ro, Rapani contro il “trasloco” dei reparti: «Serve organizzazione»

2 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO – Che l’organizzazione degli ospedali spoke di Corigliano-Rossano non si possa semplicisticamente ridurre allo “spostamento tattico” di qualche reparto dall’uno all’altro presidio lo avevamo già scritto una settimana fa, auspicando che la politica possa mettere nelle giuste condizioni i manager della sanità, caricarli delle loro responsabilità, in modo che si arrivi ad una concreta (e non fittizia) riorganizzazione dello spoke.

Un appello – l’ennesimo partito dalle pagine della nostra testata rispetto al bisogno concreto di rimettere mano al sistema sanitario della Sibaritide - che, a dire il vero, questa volta non è caduto nel vuoto. Già domenica scorsa erano stati alcuni rappresentanti dell’opposizione consigliare di Corigliano-Rossano a rilanciare la questione.

Sen. Ernesto Rapani

Oggi ad essere ancora più incisivo sull’argomento è il senatore di Fratelli d’Italia, Ernesto Rapani, che non solo chiede e auspica l’applicazione toutcourt di quanto prevede l’ormai arcinoto Dca64, e quindi la “scomposizione” in area fredda e area calda dei presidi del “Compagna” e del “Giannettasio” sottolineando che «non è traslocando reparti che si risolve il problema degli ospedali di Corigliano-Rossano». E questo, probabilmente, è anche un messaggio sotteso a chi, negli ambienti politici locali, pensa di poter risolvere il problema con questo strumento. Che già in passato ha prodotto solo disastri.

Non solo. La necessità di Rapani di procedere ad un’azione profonda di risanamento seguendo i dettami del Decreto commissariale 64 e quindi di procedere ad una sana riorganizzazione dei due presidi, nasce  - di fatto – da un’altra preoccupazione: i tempi incerti del nuovo ospedale della Sibaritide, sul cui futuro si addenserebbero «nubi – parole di Rapani - sempre più nere».

«Da sempre – prosegue il senatore di FdI – pavento i problemi. Oggi per me sarebbe facile sottolineare di essere stato facile profeta. Ho sempre sostenuto che un progetto approvato nel 2009 difficilmente si sarebbe potuto realizzare dopo oltre 10 anni. La motivazione era semplice: l'aumento dei prezzi. Considerato che successivamente alla pandemia e in concomitanza con il conflitto russo-ucraino i materiali hanno avuto un ulteriore rincaro dei prezzi, oggi il fermo lavori è sempre più reale».

«Sono sempre stato dell'idea – aggiunge - secondo cui si sarebbe dovuto specializzare i nosocomi di Cariati e Trebisacce, oppure investire preventivamente nei due ospedali "Giannettasio" e "Compagna" di Corigliano Rossano, perseguendo l'ormai celeberrimo Dca 64 con cui il presidio rossanese dovrebbe fungere da polo chirurgico e quello coriglianese da polo medico. La preoccupazione è, dunque, doppia se consideriamo che ad oggi non vantiamo strutture degne di essere definite ospedali al passo con i tempi sulla realizzazione dell'ospedale della Sibaritide restano un rebus».

«Confido, però, grande fiducia – prosegue il senatore di Fratelli d'Italia – nel lavoro del presidente della Regione e commissario alla sanità, Roberto Occhiuto. Auspico, quindi, un suo intervento immediato, finalizzato a verificare lo stato di "salute" dei lavori dell'ospedale nuovo e nel frattempo a potenziare le due strutture esistenti, partendo dalle fondamenta del Dca 64. Non è più tempo di rimandi e rinvii in attesa del polo d'eccellenza sanitaria che sta sorgendo in contrada Insiti. I circa 200mila abitanti della Sibaritide e gli oltre centomila dell'Alto Crotonese e Basso Jonio Cosentino, con le relative aree interne, che gravitano per lo più sullo spoke di Corigliano Rossano (soprattutto per le urgenze) meritano risposte immediate. E poi i traslochi di reparti dal "Giannettasio" al "Compagna" e viceversa non risolvono il problema, anzi lo acuiscono – conclude Ernesto Rapani – perché effettuati senza criteri di riferimento che si devono basare unicamente sulla tutela degli utenti del territorio».

Marco Lefosse
Autore: Marco Lefosse

Classe 1982, è schietto, Idealista e padre innamorato. Giornalista pubblicista dal 2011. Appena diciottenne scrive alcuni contributi sulla giovane destra calabrese per Linea e per i settimanali il Borghese e lo Stato. A gennaio del 2004 inizia a muovere i passi nei quotidiani regionali. Collabora con il Quotidiano della Calabria. Nel 2006 accoglie con entusiasmo l’invito dell’allora direttore de La Provincia, Genevieve Makaping, ad entrare nella squadra della redazione ionica. Nel 2008 scrive per Calabria Ora. Nell’aprile 2018 entra a far parte della redazione di LaC come corrispondente per i territori dell’alto Jonio calabrese. Dall’1 giugno del 2020, accoglie con piacere ed entusiasmo l’invito dell’editore di guidare l’Eco Dello Jonio, prestigioso canale di informazione della Sibaritide, con una sfida: rigenerare con nuova linfa ed entusiasmo un prodotto editoriale già di per sé alto e importante, continuando a raccontare il territorio senza filtri e sempre dalla parte della gente.