6 ore fa:Le strade joniche della morte: tre ventenni perdono la vita vicino Pisticci
20 minuti fa:Covid, in Calabria calano i contagi e i ricoveri ma si registrano 7 vittime
5 minuti fa:Rapinò una banca, incastrato dalle prove biologiche rimaste sulla calzamaglia usata per nascondere il volto
5 ore fa:Psicosi da Covid-19 e aumento dei pazienti in cura: Ecco cosa emerge da una ricerca calabrese
5 ore fa:A Cariati un monumento temporaneo fatto da un cumulo di scarpe per la Giornata della Memoria
6 ore fa:Hai sempre preferito il camice alla cravatta, la trincea ai tavoli di comando
7 ore fa:Lavoratori sempre più più poveri. «Introdurre il costo minimo del salario a 9,66 euro l'ora»
4 ore fa:Coro di cordoglio per la prematura scomparsa del dottor Cataldo Romeo
4 ore fa:I due calamai... verso le elezioni del tredicesimo Presidente della Repubblica
6 ore fa:Trasporto interregionale, a rischio il comparto. «Servono ammortizzatori sociali e blocco dei licenziamenti»

Zona Arancione, la paura dilaga e la crisi pure - VIDEO

CORIGLIANO-ROSSANO – Domenica 11 aprile la provincia di Cosenza ha raggiunto il suo picco di contagi da sars-cov2 con 323 positivi al virus registrati in un solo giorno. Un dato allarmante che, unito alle immagini che giungono dagli ospedali e ai dati poco confortanti delle terapie intensive, fa sembrare ancor più paradossale il passaggio della Calabria da zona rossa a zona arancione.

Ma, paradossale o meno che sia, il passaggio da una fascia all’altra si è verificato e comporta alcuni cambiamenti. Alcuni esercizi commerciali possono tornare ad aprire le proprie saracinesche, anche se sembra (secondo quanto dichiarato dai commercianti stessi ai nostri microfoni) che l’affluenza nei negozi sia davvero scarsa.

Poca gente nei negozi, forse per via del timore dei contagi crescenti, ma sicuramente è un comportamento dettato anche da una crisi economica in atto.

Abbiamo raccolto le testimonianze di alcuni commercianti di Corigliano-Rossano che hanno espresso le loro perplessità su questa riapertura in piena crisi pandemica.