1 ora fa:Giallo a Mandatoriccio: donna trovata morta in casa con numerose ferite sul corpo
6 ore fa:Mormanno tra i vincitori del premio “Piccolo Comune Amico”: seguono altri tre comuni calabresi
2 ore fa:In Commissione anti 'ndrangheta Laghi difende la sicurezza della Sibaritide e del Pollino, presente anche Lo Polito
6 ore fa:Mormanno, s’insedia il sindaco Paolo Pappaterra: ecco la squadra di Governo
5 ore fa: La cipolla bianca di Castrovillari: simbolo identitario del nostro territorio
2 ore fa:Strade provinciali a Cassano, l'assessore Falbo chiama in causa la Presidente Succurro
3 ore fa:Nasce la rete informatica integrata tra Spoke e Hub nella provincia di Cosenza
5 ore fa:Il nuovo piano antincendi boschivo: dalla regione un nuovo sistema di prevenzione
4 ore fa:La studentessa Unical che vince la sfida sulla sovrapproduzione energetica
4 ore fa:A Co-Ro la tutela della costa e del mare passa dalla buona volontà di chi viene in vacanza

Zona Arancione, la paura dilaga e la crisi pure - VIDEO

CORIGLIANO-ROSSANO – Domenica 11 aprile la provincia di Cosenza ha raggiunto il suo picco di contagi da sars-cov2 con 323 positivi al virus registrati in un solo giorno. Un dato allarmante che, unito alle immagini che giungono dagli ospedali e ai dati poco confortanti delle terapie intensive, fa sembrare ancor più paradossale il passaggio della Calabria da zona rossa a zona arancione.

Ma, paradossale o meno che sia, il passaggio da una fascia all’altra si è verificato e comporta alcuni cambiamenti. Alcuni esercizi commerciali possono tornare ad aprire le proprie saracinesche, anche se sembra (secondo quanto dichiarato dai commercianti stessi ai nostri microfoni) che l’affluenza nei negozi sia davvero scarsa.

Poca gente nei negozi, forse per via del timore dei contagi crescenti, ma sicuramente è un comportamento dettato anche da una crisi economica in atto.

Abbiamo raccolto le testimonianze di alcuni commercianti di Corigliano-Rossano che hanno espresso le loro perplessità su questa riapertura in piena crisi pandemica.