7 ore fa:Cassano, sul possibile rincaro della spazzatura l'amministrazione rassicura: «Nessun aumento»
8 ore fa:A Co-Ro consegnate le borse di studio “Alessando Amarelli”. Alboresi: «Evento di cui andare fieri»
7 ore fa:Scoperte le “impronte digitali del cervello”, possono essere utilizzate per identificare le persone
6 ore fa:Torna a Corigliano-Rossano "La camminata tra gli olivi" tra degustazioni ed escursioni. Ecco il programma
8 ore fa:Cassano, parte il progetto “Questo non è Amore”: arriva il camper della Polizia contro la violenza di genere
7 ore fa:Rischio concreto di chiusura per il Centro di salute mentale di Corigliano-Rossano
6 ore fa:Co-Ro, a rischio le proroghe al 2033 per il demanio marittimo
5 ore fa:Co-Ro, in consiglio approvata all'unanimità l'adesione alla strategia "Rifiuti Zero"
6 ore fa:Cassano presenta “Differenze”: laboratori sperimentali di educazione di genere nelle scuole medie superiori
6 ore fa:A Villapiana arriva l’App del Comune: per fare segnalazioni e informarsi sulle opportunità di lavoro

Esonda il Crati: il fiume ha rotto gli argini in contrada Foggia. Ingenti danni - VIDEO

CORIGLIANO-ROSSANO - È esondato il Crati. In contrada Foggia, nel comune di Corigliano-Rossano, a valle della nuova Statale 106 e delle contrade di Thurio e Ministalla, l'argine destro del grande fiume della Calabria Citra non ha retto all'impatto dell'acqua e ha ceduto. L'acqua ha praticamente invaso gli agrumeti della zona e in questo momento si sta lavorando per evacuare alcune aziende zootecniche del posto dove insistono allevamenti di bestiame (bovini, suini, ovini perlopiù).

Le preoccupazioni stamani erano per un'altra "sponda" del fiume, quella a ridosso proprio del centro abitato, dove il 28 novembre 2018 aveva avuto origine la prima grande esondazione, che al momento sembra reggere. Nessuno, però, si aspettava che il Crati potesse "sbucare" dalla falla creatasi a valle, nella zona dove inisistono - dicevamo - diversi agrumeti, aziende agricole e zootecniche e a ridosso della grande area turistica di Thurio. 

Sono ingenti i danni provocati al momento dalla piena ma, per fortuna, non si registrerebbero vite umane in pericolo. Ma ci sarà da operare e verificare anche perché in quell'area risiedono, nel periodo invernale e di raccolta degli agrumi, nuclei di cittadini stranieri che solitamente alloggiano in ricoveri di fortuna. La speranza è che l'acqua abbia fermato la sua corsa nel canale di contenimento a ridosso dell'argine.

Il sindaco Flavio Stasi, pur non essendo in sede, sta monitorando attimo dopo attimo l'evolversi della vicenda.

- IN AGGIORNAMENTO