2 ore fa:Vaccini in Calabria, Cgil denuncia gravi ritardi: «Intervenga il Governo centrale»
16 ore fa:Calcio: Castrovillari, esonerato Mister Franceschini
4 ore fa:Al Paolella di Corigliano-Rossano in scena il V° canto della Divina Commedia
2 ore fa:Corigliano-Rossano, la rossanese Verdiana Zangaro torna a Sanremo come ospite
1 ora fa:Russo (Cisl): «Condividiamo le affermazioni di Nesci sul Recovery Fund»
3 ore fa:Cariati, 29enne trovato con 20 dosi di marijuana: arrestato
3 ore fa:Cassano, consiglieri di maggioranza sulla sentenza della Cassazione: «Giustizia è stata fatta»
1 ora fa:Solidarietà alimentare, a Caloveto pubblicato un nuovo avviso per l’erogazione del pacco spesa
18 ore fa:Corigliano-Rossano, una statua che trasmette speranza dimora davanti all'oratorio di Maria Madre della Chiesa
4 ore fa:Cosenza, produce grappa di contrabbando: denunciato uomo di nazionalità cinese

Esonda il Crati: il fiume ha rotto gli argini in contrada Foggia. Ingenti danni - VIDEO

CORIGLIANO-ROSSANO - È esondato il Crati. In contrada Foggia, nel comune di Corigliano-Rossano, a valle della nuova Statale 106 e delle contrade di Thurio e Ministalla, l'argine destro del grande fiume della Calabria Citra non ha retto all'impatto dell'acqua e ha ceduto. L'acqua ha praticamente invaso gli agrumeti della zona e in questo momento si sta lavorando per evacuare alcune aziende zootecniche del posto dove insistono allevamenti di bestiame (bovini, suini, ovini perlopiù).

Le preoccupazioni stamani erano per un'altra "sponda" del fiume, quella a ridosso proprio del centro abitato, dove il 28 novembre 2018 aveva avuto origine la prima grande esondazione, che al momento sembra reggere. Nessuno, però, si aspettava che il Crati potesse "sbucare" dalla falla creatasi a valle, nella zona dove inisistono - dicevamo - diversi agrumeti, aziende agricole e zootecniche e a ridosso della grande area turistica di Thurio. 

Sono ingenti i danni provocati al momento dalla piena ma, per fortuna, non si registrerebbero vite umane in pericolo. Ma ci sarà da operare e verificare anche perché in quell'area risiedono, nel periodo invernale e di raccolta degli agrumi, nuclei di cittadini stranieri che solitamente alloggiano in ricoveri di fortuna. La speranza è che l'acqua abbia fermato la sua corsa nel canale di contenimento a ridosso dell'argine.

Il sindaco Flavio Stasi, pur non essendo in sede, sta monitorando attimo dopo attimo l'evolversi della vicenda.

- IN AGGIORNAMENTO