5 ore fa:Co-Ro, in consiglio approvata all'unanimità l'adesione alla strategia "Rifiuti Zero"
8 ore fa:A Co-Ro consegnate le borse di studio “Alessando Amarelli”. Alboresi: «Evento di cui andare fieri»
7 ore fa:Cassano, sul possibile rincaro della spazzatura l'amministrazione rassicura: «Nessun aumento»
7 ore fa:Rischio concreto di chiusura per il Centro di salute mentale di Corigliano-Rossano
8 ore fa:Cassano, parte il progetto “Questo non è Amore”: arriva il camper della Polizia contro la violenza di genere
6 ore fa:Torna a Corigliano-Rossano "La camminata tra gli olivi" tra degustazioni ed escursioni. Ecco il programma
6 ore fa:Co-Ro, a rischio le proroghe al 2033 per il demanio marittimo
6 ore fa:A Villapiana arriva l’App del Comune: per fare segnalazioni e informarsi sulle opportunità di lavoro
7 ore fa:Scoperte le “impronte digitali del cervello”, possono essere utilizzate per identificare le persone
6 ore fa:Cassano presenta “Differenze”: laboratori sperimentali di educazione di genere nelle scuole medie superiori

Depurazione Corigliano-Rossano: nessuna falla sulla condotta sottomarina di Sant'Angelo

CORIGLIANO-ROSSANO - Rimane ancora avvolta dal mistero l'entità della chiazza nera rinvenuta in mare a metà novembre, proprio nello specchio d'acqua antistante il depuratore di località Sant'Angelo, nell'area urbana di Rossano.

Una foto, fatta da un drone a circa 100 metri d'altezza evidenziava la presenza di un alone molto scuro in mare. All'inizio si era pensato che fosse esplosa la nuova condotta sottomarina per lo scarico delle acque depurate dall'impianto allocato a due passi dal Fondaco rossanese. La stessa che, ricordiamo, è stata interamente ricostruita durante l'estate scorsa ad opera di una società edile specializzata del territorio (la ditta Antonio Pranteda).

Nonostante, però, la chiazza nera in mare avrebbe dovuto far pensare ad un problema ben più serio rispetto alla "semplice" rottura della condotta - atteso che in quei tubi dovrebbe scorrere acqua depurata al cento per cento - l'Amministrazione comunale ha inteso comunque procedere all'ispezione dell'opera idraulica. La quale, ricordiamo, è posata e ancorata per oltre 100 metri di lunghezza sul fondo dello Jonio, raggiungendo la profondità di sfiato di 52 metri.

Richiesta che è stata subito assolta dalla ditta Pranteda che, in poco meno di 24 ore, ha organizzato l'ispezione incaricando i tecnici nell'espletamento di tutte le verifiche del caso

L'esito delle verifiche subacquee

Il 20 novembre, quindi, il team subacqueo della Sub Service Sapri srls, su incarico della ditta esecutrice dei lavori di messa in opera della condotta sottomarina, effettuava un'attenta analisi del tracciato. Al momento dell'ispezione erano presenti, tra gli altri, anche funzionari e dirigenti del Comune di Corigliano-Rossano ed il direttore tecnico dell'opera.

Una lunga verifica che, così come si evince dal verbale di accertamento sopralluogo, ha portato ad esito negativo: «Non si rilevano anomalie - è scritto nel verbale - né danneggiamenti sulla condotta». 

L'ispezione è stata effettuata fino allo sbocco del tubo anche se i rilevamenti video/fotografici effettuati (che siamo riusciti ad avere in forma esclusiva) sono visibili fino ad una profondità di 30,4 metri. E questo perché - hanno spiegato i sub - «oltre quella profondità l'acqua era torbida e scura e non ha consentito rilievi visivi». Sta di fatto, però, che più dei tre quarti della tubazione sono stati puntualmente fotografati e non hanno messo in evidenza alcuna anomalia.

Il mistero di quella foto dall'alto

L'ispezione, però, è avvenuta anche lungo lo specchio d'acqua. «Nel corso del tragitto sull'imbarcazione - si legge ancora nel verbale - non è stato rilevato sulla superficie dell'acqua alcun tipo di macchie e/o segni che potessero far pensare, per quanto possibile, ad eventuali malfunzionamenti della condotta».

Insomma, nessuno ad oggi si spiega cosa abbia potuto provocare quella chiazza nera in mare: se uno sfiato non depurato del collettore (ma in questo caso anche se la condotta sottomarina fosse stata danneggiata sarebbe stato il male minore), se una differente temperatura delle acque, oppure - come sostiene qualcuno - una montatura da Photoshop.

Certo è che quella misteriosa chiazza nera ha mandato in allarme un'intera città.