3 minuti fa:Corigliano-Rossano: si organizzano pullman per le cure termali
33 minuti fa:Gemellaggio Vaccarizzo-Berat, Straface: «Iniziativa di qualità e buon governo locale»
16 ore fa:Anche Co-Ro ricorda Massimo Troisi: Anna Pavignano arriva al Castello Ducale
12 ore fa:Popolo della notte, ha riaperto la discoteca Cleopatra!
13 ore fa:Nel Bosco, la Sila Greca diventa inaspettato set cinematografico
15 ore fa:Spoke di Co-Ro, 10 nuovi posti per Oncologia e un nuovo primario per Ginecologia
14 ore fa:Si schianta un elicottero antincendio dei Vigili del Fuoco: tragedia sfiorata
12 ore fa:Corigliano-Rossano: presentata la rete dei servizi di facilitazione digitale
15 ore fa:Firmato il Patto di Amicizia fra la Provincia, il Dipartimento di Kaolack e Assocultura Confcommercio Cosenza
13 ore fa:Sibari-Crotone, una soluzione semplice e veloce: ora tutti attendono la posizione della Regione

Inaugurata a Co-ro la mostra “Invisibili” di Umberto Romano

1 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO - Si è aperta venerdì 29 ottobre presso la sede dell’associazione Terra e Popolo, nel centro storico di Rossano, la mostra di pittura “Invisibili”, con opere di Umberto Romano.

«Le opere – spiega Donatella Novellis, ex assessore alla cultura di Corigliano-Rossano - raccontano immagini di memoria, di vita vissuta. Sono frutto di esperienze che l’autore ha realizzato in prima persona in luoghi che hanno segnato la sua vita attraverso le esperienze, le emozioni che lo hanno così segnato, da portarlo a esprimerle su tele, quelle tele che lui ama “imbrattare”, con colori vivaci, pennellate intense, decise, che spesso conferiscono alle immagini una tridimensionalità che porta l’opera fuori dai limiti fisici della cornice, fino all’animo dell’osservatore attento, come ben espresso da Tina Achiropita Morello, nella bella presentazione dell’artista e della mostra».

«Le opere – continua - ci portano dalle dune sabbiose sahariane, alle città metropolitane americane, alle traversate cariche di speranza su acque spesso insidiose. Le opere restituiscono visibilità e dignità agli ultimi, ai dimenticati, a chi, per salvare se stesso ed i propri cari, rischia la vita. Le opere narrano di migrazioni obbligate, dettate da contesti storico-politici in cui prevalgono dinamiche conflittuali».

«Nell’anno in cui si celebra il settecentenario dalla morte di Dante Alighieri, - aggiunge - l’analogia non poteva essere più pregnante ed immediata: perciò l’evento inaugurale ha avuto come tema di riflessione “Dante il migrante”».

Dopo la lettura introduttiva di poesie di Umberto Romano, attraverso la guida magistrale e gli approfondimenti del Professor Giuseppe De Rosis, Gli Amici dell’Arte hanno interpretato brani tratti - fra gli altri - dalle opere di Dante Alighieri, di Giuseppe Ungaretti, di Ovidio e di autori locali quali Salvatore Martino ed Ermanno Marino, che hanno condotto il pubblico numeroso attraverso un viaggio letterario metaforico tra migrazioni, partenze, fughe, ospitalità, luoghi del mondo, con un focus sui migranti di ieri e di oggi e sul valore ed il significato della spartenze, ma altresì sulle opportunità che aprono, nella consapevolezza del valore imprescindibile che riveste la cultura, nell’intervento di Donatella Novellis.

La mostra sarà visitabile fino al 27 novembre nella sede dell’Associazione Terra e Popolo, «alla quale va un ringraziamento autentico per l’ospitalità e l’attenzione a tematiche sociali, politiche e culturali di drammatica attualità» conclude.

(foto di Mena Romio)

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.