29 minuti fa:La Calabria a Casa Sanremo, dal 9 febbraio al PalaFiori per promuovere la pesca e l'agricoltura
5 ore fa:Antonio Benvenuto: insegnante, giornalista, scrittore ed editore
7 ore fa:«Meno povertà e più benessere». Prevenire lo spreco alimentare
1 ora fa:Sottrae senza consenso le figlie minori al padre: il tribunale ordina il loro rientro nella casa paterna
59 minuti fa:Senza pianificazione non c’è sviluppo: verso un Masterplan del territorio
1 ora fa:Questa sera brillerà nel cielo la Luna Piena della Neve! Pronti per lo spettacolo?
2 ore fa:VOLLEY MASCHILE - Sconfitta per Perla di Calabria contro la capolista Bisignano
4 ore fa:Don Ciro, il sacerdote che fece conoscere il Codex Purpureus Rossanensis al mondo
2 ore fa:Nasce un comitato civico per avviare una class action contro le bollette del Consorzio di Bonifica
3 ore fa: Concorsi al comune di Cariati, osservazioni e proposte dell’ex amministratore Salvati

Il ricordo della tragedia di Schiavonea avvenuta 48 anni fa

2 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO - All’alba di San Silvestro di quarant’otto anni fa, era il 31 dicembre 1974, si consumava la tragedia di Schiavonea.

Dodici pescatori inghiottiti dalla furia del mare perdettero la vita, lì, a pochi metri dalla spiaggia, sotto gli occhi impotenti dei congiunti e dell’intera popolazione del borgo marinaro.

Unico superstite di quella tragedia fu Cosimo Marghella, le cui condizioni di salute, purtroppo, da allora non furono mai buone, e che il 23 febbraio 2021 ha raggiunto in cielo quei dodici compagni di lavoro e di viaggio terreno.

Su quel grave fatto di cronaca che segnò profondamente la comunità di pescatori di Schiavonea, e non solo, nel corso degli anni abbiamo registrato tutta una letteratura, nonché varie iniziative tese proprio a ricordare quell’immane sacrificio e non solo. Qualche giorno su questo sito il direttore, Marco Lefosse, ha voluto ricordare la prima emittente libera calabrese nata in questa nostra terra, TeleRossano, del dott. Ignazio Sabatini. Ricordo quello che nella giornata del primo gennaio 1975 e nei giorni successivi questa storica emittente fece, per raccontare la tragedia

Ricordo, tra gli altri, Ernesto Paura ed il compianto Gaetano Noce, che non lesinarono energie per tenere costantemente informati i telespettatori. Ricordo, anche perché me lo ha raccontato lui, che tra i primi a giungere sulla spiaggia di Schiavonea fu il caro amico Ernesto Paura, testimone vivente di quei drammatici avvenimenti e soprattutto testimone di una comunità piombata in pieno dramma, amareggiata, ma mai vinta nell’orgoglio e nello slancio umano di aiutarsi l’uno con l’altro. Una comunità che imprecava contro chi avrebbe potuto realizzare delle piccole opere che avrebbero certamente evitato il compiersi di quella tragedia.

Su quello che avvenne la notte del 31 dicembre 1974  riportiamo alcuni brani del libro “Schiavonea” scritto dall’allora consigliere comunale, Giacinto Casciaro, edito nel 1984. Casciaro, morto nel febbraio del 2015,  fu consigliere comunale per tre consiliature nonché presidente del Comitato per Sibari provincia. Il brano del libro che riportiamo cerca anche di far capire, a futura memoria, come in effetti quella tragedia poteva essere evitata se gli sfortunati pescatori avessero potuto disporre anche di un semplice faro per orientarsi in mare.

“Il tempo era splendido il giorno prima, quando son partiti, e il mare, tranquillo e bello come non mai, avrebbe assicurato una buona vigilia di capodanno. Il pesce, secondo le usanze locali, si sarebbe venduto ad un buon prezzo in una vigilia delle feste natalizie e ce ne sarebbe stato per tutti. Francesco, Rocco, Nicola, Carlo, Angelo e Cosimo Celi (gli ultimi due rispettivamente di 17 e 15 anni), e Stefano, Luciano, Salvatore, Antonio, Marino e Giuseppe Curatolo (gli ultimi due rispettivamente di 20 a 17 anni) erano partiti come Bastianazzo Malavoglia, col cuore gonfio di speranza, ma intorno alla mezzanotte di quel 30 dicembre accadde l’irreparabile. La paura, la corsa disperata sulla spiaggia dei parenti, degli amici, dei colleghi, di tutti nell’impotente rifiuto della tragedia, mentre la tempesta s’impadroniva ormai del cielo, della terra e del mare. All’alba tutto era compiuto. Man mano che passavano le ore, così come accade in simili casi, la discesa della silenziosa pietà e il rumoroso volteggiare di avvoltoi d’ogni genere. I Celi e i Curatolo erano, purtroppo, partiti senza radio a bordo. A terra non c’era neppure un faro; il buio era totale e poteva, in quella tremenda circostanza atmosferica, essere pure comprensibile. Se ci fosse stato qualcosa di noto che illuminasse da terra si sarebbero potuti salvare: avrebbero capito che avvicinarsi a Schiavonea sarebbe stato pericoloso. Segnalazioni con luci artificiali da terra? Non ne esistevano perché se ne sconosce il linguaggio. Non esisteva a Schiavonea un qualsiasi rifugio”.

Giacinto De Pasquale
Autore: Giacinto De Pasquale

Classe 1958, ha profondo rispetto per il lettore, da qui il motto “prima la notizia e poi il resto”. Giornalista dal 2002. È dal lontano 1976 che inizia a scrivere sul “Giornale di Calabria” di Pietro Ardenti. Inizialmente si occupa solo di cronache sportive. Sempre dal 1976 con “Radio Libera Corigliano” e poi con varie emittenti quali TLC, Video Erre e TeleA1 Corigliano. Nel corso degli anni si occupa anche di cronaca nera, politica e culturale. Ha collaborato con Gazzetta dello Sport, Gazzetta del Sud e Il Quotidiano della Calabria. È direttore della prestigiosa rivista culturale “Il Serratore” e gestisce il blog ilcoriglianese.it. Nel 2014 è nella redazione fondante de “L’Eco dello Jonio”. Oggi ritorna con l’entusiasmo di chi sa che fare informazione in questa nostra terra di Calabria è difficile, ma grazie all’Eco dello Jonio tornerà a raccontare in maniera sincera quello che accade, per contribuire alla crescita sociale e culturale di questo nostro fantastico territorio