12 ore fa:Cariati, studenti in piazza per ricordare l’Olocausto e allontanare ogni forma di discriminazione
22 minuti fa:Il “Movimento per la Vita” di Co-Ro compie 36 anni: da marzo diversi appuntamenti per celebrare l’evento
15 ore fa:Fondi del Piano Nazionale, occasione di sviluppo per i trasporti calabresi
16 ore fa:Calabresi che brillano: Matteo Bonacci è l'Art Director della cantante Laura Pausini
52 minuti fa:Nasce la Confederazione Pasticceri italiani Calabria: «Una bella e dolce realtà»
16 ore fa:Campionato italiano Bocce, al via la serie A2 di raffa: 4 squadre calabresi pronte a stupire e a far divertire
13 ore fa:Un francobollo per Giovanni Verga, così Poste italiane omaggia lo scrittore del "verismo"
15 ore fa:Una goccia di "Mambisa" per sconfiggere il Covid: Nato il vaccino a somministrazione nasale
14 ore fa:SS106, sempre più concreta la progettazione sulla Crucoli-Kr-Cz: la Sibaritide ora rischia il sorpasso
15 ore fa:Giovane ragazzo legato e segregato in casa dalla mamma: orrore calabrese

Regionali 2021, ecco come si vota in tempo di Covid. A Co-Ro 2 seggi speciali per i quarantenati

2 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO – Che fosse un turno elettorale anomalo e per certi versi unico lo avevamo capito sin dalle prime battute della campagna elettorale. Una sensazione che con il passare dei giorni si è andata sempre più concretizzandosi e oggi siamo arrivati alle porte delle elezioni. Ma come sarà il ritorno alle urne, a distanza di un anno e mezzo dalle ultime regionali? Ci sarà una parvenza di normalità ma anche il voto non sarà come prima.

Siamo andati a capire come si sta preparando la grande città di Corigliano-Rossano all’appuntamento con le urne, parlando con il responsabile dell’ufficio elettorale, Enrico Graziano.

Come sempre, a seguito della fusione, saranno allestiti su tutto il territorio comunale ben 74 seggi elettorali più 3 sezioni speciali (due ospedaliere e una per la casa circondariale). Rispetto al passato, però, ci saranno altre due sezioni “speciale Covid” destinate proprio a consentire ai cittadini affetti da Sars-Cov-2 e in regime di isolamento o quarantena di esercitare il loro diritto al voto.   

L’organizzazione nei seggi

«Gli ingressi alle singole sezioni – spiega Enrico Graziano – saranno contingentati da personale comunale dedicato esclusivamente a questo servizio. Si occuperanno di far mantenere il distanziamento tra gli elettori e vigileranno affinché tutti prima di entrare nella sezione siano dotati di presidi di protezione individuale e che abbiano sanificato le mani». Tutti gli ingressi dei seggi, infatti, saranno dotati di gel sanificante mentre gli stessi dipendenti comunali saranno forniti di una scorta di mascherine da distribuire a quanti si presentassero all’appuntamento con il voto privi di dispositivi di protezione.

I seggi speciali Covid gestiti dalle Usca

Diverse le procedure, invece, per i seggi speciali Covid. Per questi – come ci ha spiegato sempre Graziano – è stata messa su una vera e propria organizzazione parallela in sintonia con gli uffici della prefettura e dell’Asp di Cosenza.

«Avremo personale delle Usca – ci spiega a riguardo il direttore sanitario dell’Asp di Cosenza, Martino Rizzo -  che si occuperà di far votare le persone che sono a casa in quarantena». Nei giorni scorsi tutti i quarantenati hanno dovuto presentare un’apposita istanza al comune per esprimere la volontà al voto domiciliare.

«Il personale specializzato – ha aggiunto Rizzo – in queste ore sta prendendo contatti con le persone in isolamento per votare nelle giornate di domenica e lunedì, secondo i criteri stabiliti dal Ministero dell’Interno, gli stessi si porteranno nelle abitazioni a consegnare la scheda elettorale e a compiere tutte le formalità di rito».

E le "formalità di rito", da quanto se ne sa, non saranno del tutto semplici. Dal momento che anche le schede dei quarantenati finiranno nell’urna del seggio elettorale assegnato. E considerato che – secondo i protocolli – anche gli oggetti possono essere veicolo di infezione, gli elettori in stato di isolamento, al momento del voto, dovranno utilizzare guanti e mascherine in modo da ridurre al minimo il rischio di contagio. Inoltre, per ogni procedura di voto saranno utilizzate particolari misure di disinfezione per limitare al minimo ogni probabile rischio. Insomma, quest’anno andare a votare non sarà affatto una passeggiata di salute, nel senso stretto del termine!

Marco Lefosse
Autore: Marco Lefosse

Classe 1982, è schietto, Idealista e padre innamorato. Giornalista pubblicista dal 2011. Appena diciottenne scrive alcuni contributi sulla giovane destra calabrese per Linea e per i settimanali il Borghese e lo Stato. A gennaio del 2004 inizia a muovere i passi nei quotidiani regionali. Collabora con il Quotidiano della Calabria. Nel 2006 accoglie con entusiasmo l’invito dell’allora direttore de La Provincia, Genevieve Makaping, ad entrare nella squadra della redazione ionica. Nel 2008 scrive per Calabria Ora. Nell’aprile 2018 entra a far parte della redazione di LaC come corrispondente per i territori dell’alto Jonio calabrese. Dall’1 giugno del 2020, accoglie con piacere ed entusiasmo l’invito dell’editore di guidare l’Eco Dello Jonio, prestigioso canale di informazione della Sibaritide, con una sfida: rigenerare con nuova linfa ed entusiasmo un prodotto editoriale già di per sé alto e importante, continuando a raccontare il territorio senza filtri e sempre dalla parte della gente.