13 ore fa:Crosia, giovedì 12 ottobre ripartirà il servizio mensa nelle scuole
13 ore fa:L'Ordine degli ingegneri in visita ai cantieri del Terzo Megalotto
14 ore fa:In Calabria migliaia di lavoratrici e lavoratori sfruttati e sottopagati. «Salario Minimo per dar loro dignità»
14 ore fa:Presto potrebbe nascere la "Fiera della Sibaritide e del Pollino"
15 ore fa:Cassano, Arrical vuole riunire le 4 buche della discarica di Contrada La Silva per abbancare ulteriori rifiuti
9 ore fa: Alla guida o al traino? Pd e FdI verso le Amministrative 2024 di Corigliano-Rossano
12 ore fa:Dal 2024 sulla jonica arriveranno anche gli Intercity Blues: saranno possibili nuove tratte interregionali
13 ore fa:«I Carabinieri in Calabria conseguono risultati eccellenti nonostante un’inadeguata forza organica e una penalizzazione economica»
10 ore fa:World Tourism Event 2023, Torino celebra la biodiversità calabrese
11 ore fa:Dall'Australia alla Calabria: a San Marco Argentano arrivano i turisti esperienziali

A rischio i fondi dell'Unione europea per la pesca: senza l’accordo, in Calabria il settore si fermerà

1 minuti di lettura

CATANZARO - «I fondi dell'Unione europea destinati al settore della pesca sono a rischio. Se non ci sarà un accordo tra Stato e Regioni per la ripartizione delle risorse, i lavoratori e le imprese della Calabria, come del resto d'Italia, si troveranno costrette a fermare le attività».

È l'allarme lanciato da Gennaro Scognamiglio, presidente nazionale dell'Unci Agroalimentare.

«Sarebbe davvero grave e paradossale – ha proseguito il rappresentante dell'associazione di categoria del mondo cooperativo – che i pescatori italiani non percepiscano i contributi del fermo pesca 2021, a causa di problemi di ordine burocratico e di mancato coordinamento tra le istituzioni coinvolte. Un durissimo colpo, soprattutto in una fase di crisi e di enorme difficoltà del comparto, oltre che dell'intera economia del Paese, determinata da diversi fattori che stanno rendendo sempre più problematica la vita degli addetti e delle imprese ittiche. Ed ancora una volta a pagare un prezzo salatissimo sarebbero le piccole attività e le migliaia di pescatori, con le proprie famiglie, che vi lavorano. Una situazione assolutamente inaccettabile».

«Anche l'erogazione dei sostegni per il caro carburante, inoltre, è legata alla partenza dei finanziamenti del Fondo Europeo per gli Affari Marittimi, la Pesca e l'Acquacoltura, così come è emerso al Tavolo istituzionale permanente presso il Ministero. Insomma, senza il completamento delle procedure previste, si rischia un dannoso ed insostenibile effetto a catena che penalizzerebbe duramente la categoria, mettendola sul lastrico».

«Sollecitiamo ufficialmente – ha concluso Scognamiglio -  la Commissione Politiche Agricole, affinché venga messa all'ordine del giorno la discussione sulla ripartizione delle risorse Feampa fra le Regioni e che con la massima rapidità si giunga alla conclusione dell'iter, con l'obiettivo di portare a casa risultati concreti».

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.