1 ora fa:Giuseppe Pallone su Rai 2 sarà protagonista della Performer Cup
9 ore fa:Mormanno accoglie i giovani del Servizio Civile
4 ore fa:Scatta la mobilitazione di Coldiretti Calabria: «Basta cinghiali e fauna selvatica»
6 ore fa:Sicurezza, sindacati chiedono a Occhiuto di «vietare le attività di lavoro nelle ore più calde»
2 ore fa:La Vignetta dell'Eco
7 ore fa:Intelligenza Artificiale e chirurgia al servizio dei territori. Straface: «Una svolta importante per il diritto alla salute»
3 ore fa:Campana, presto verrà rifatta parte della rete idrica comunale
5 ore fa:Cariati, in arrivo 576 mila euro per l'asilo nido: garantiti ulteriori 24 posti
3 ore fa:Ora bisogna aprire una vertenza generazionale
8 ore fa:La scuola dell'Infanzia G. Rizzo conclude l'anno con una festa dedicata ai "Remigini"

Cassano aderisce alla rete della "Città per la Vita e Città contro la pena di Morte”

1 minuti di lettura

CASSANO JONIO - Riunitasi sotto la presidenza del sindaco Gianni Papasso, la giunta comunale, assistita dal segretario generale Ciriaco Di Talia, ha discusso e approvato, tra l’altro, su formale richiesta avanzata dal professore Marco Impagliazzo, presidente della Comunità di Sant’Egidio, di aderire alla rete della “Città per la Vita/Città contro la pena di Morte” - “Cities for life/Cities against the Death Penalty” in calendario per la giornata di sabato 30 novembre 2021.

Giornata cittadina “Città per la Vita/Città contro la pena di Morte”. L’amministrazione comunale cassanese, fermamente convinta che ogni comunità cittadina, per voce dei propri organi rappresentativi, possa operare quale soggetto collettivo capace di concorrere all’ accrescimento del rispetto della vita e della dignità dell’uomo in ogni parte del mondo, preoccupata per il permanere in molti Stati della pratica disumana della pena capitale, con il deliberato si è impegnata a fare di questa adesione motivo di accresciuta responsabilità, operando in tutti gli ambiti di propria competenza perché siano assicurati spazi di adeguata informazione e sensibilizzazione sulle motivazioni del rifiuto di tale pratica e sul progresso della campagna abolizionista nel mondo.

La giunta Papasso, con l’atto di adesione alla manifestazione, ha, dunque, riconosciuto la validità della proposta della Comunità di Sant’ Egidio, fondatrice della rete di Municipalità “Città per la Vita/Città contro la Pena di Morte” - “Cities for life/ Cities against the Death Penalty”, che rappresenta, in Europa e nel mondo, la comune volontà di accelerare la definitiva scomparsa della pena capitale dal panorama giuridico e penale degli Stati, dando all’atto immediata esecutività.

Veronica Gradilone
Autore: Veronica Gradilone

26 anni. Laurea bis in Comunicazione e Tecnologie dell’Informazione. Mi piace raccontare le storie, non mi piace raccontare la mia