6 ore fa:Record di pale eoliche in Calabria. Allora perché non siamo energeticamente autonomi?
5 ore fa:Corigliano-Rossano conclude il suo mandato di capitale mondiale della Fisica Nucleare e Subnucleare
8 ore fa:Mazza ringrazia quanti lo hanno votato e annuncia la nascita del Progetto Jonia
10 ore fa:Il Pollino, scrigno di una pluralità alimentare dal gusto variegato e dalla potenzialità turistica straordinaria
6 ore fa:Amazon per la Calabria: in vista un progetto di collaborazione che la renderà internazionale
8 ore fa:“Calabria Terra dei Padri”: attivo da oggi il sito che punta al turismo di ritorno
10 ore fa:Bollette alle stelle, protesta degli agricoltori: «Situazione insostenibile»
7 ore fa:A due passi dal cielo
9 ore fa:Il cosentino Scola, campione italiano di velocità in montagna, ricevuto dalla Succurro
8 ore fa:Caro biglietti, la proposta: «Non date altri soldi a Trenitalia, dateli ai pendolari»

Una voce di Corigliano tra i finalisti del Festival "New York Canta 2022"

1 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO – Scorre anche sangue calabrese nelle vene del giovane Antonio Straface, cantante classe ‘91 scelto tra i dieci finalisti del prestigioso Festival “NY Canta”, il festival musicale, dedicato alla musica italiana che da dodici anni si svolge a New York.

Il giovane e talentuoso cantante, infatti, ha il papà originario di Corigliano e la mamma di Mirabella Imbaccari, e nonostante sia nato e cresciuto a Heilbronn, nel sud della Germania, si sente al 100% italiano.

Antonio, fin da piccolo, ha coltivato la sua passione per la musica, tanto da poter dire che «non ha iniziato a parlare, ma a cantare… ancora in fasce, ha preferito esercitare l’ugola cantando al posto di provare a dire “mamma”».

Cresciuto ascoltando la grande musica, da Elvis Presley a Michael Jackson, da Stevie Wonder a Lucio Battisti questo enfant prodige si è avvicinato Funk, al Pop e al Rhythm and Blues, tanto da portarlo a soli tre anni sul palco a cantare Superstition e, addirittura, vederlo a dieci anni compositore.

«L’infanzia e l’adolescenza di Antonio Straface, - si legge nella sua biografia - si è riempita di tour in discoteche e in locali regionali in tutta la Germania. La sua voce, conosciuta in tutto il Paese grazie al suo timbro riconoscibile e la capacità di cantare in tedesco, italiano, inglese, francese e spagnolo lo ha consacrato una young star».

A soli sedici anni ha partecipato a “Deutschland sucht den Superstar” (versione tedesca di “American Idol”) classificandosi tra i migliori a Berlino.

«Nel 2016 è uscito il primo album di Antonio, #IAM, mentre nel 2019, con il singolo “Il vero amore” ha vinto il premio della critica al Festival della canzone italiana a Stoccarda classificandosi, inoltre, al secondo posto e la hit estiva “Un giorno di sole” è stata trasmessa nelle radio internazionali. Ha collaborato con artisti e Vocal Coach importanti come Luca Jurman, Grazia de Michele, Luca Sala, Ramazzotti e Laura Pausini. Ha oltre 500 mila di visualizzazioni su YouTube ed è attivo sui social».

Sempre nella “Grande Mela”, Antonio prenderà parte alla parata del “Columbus Day”.

In breve, Antonio è un giovane talento dal futuro promettente, un artista per il quale fare il tifo il prossimo 9 ottobre per l’attesissima finale newyorkese.  

Giusi Grilletta
Autore: Giusi Grilletta

Da sempre impegnata in attività per il prossimo, è curiosa, gentile e sensibile. Laureata in Scienze Umanistiche per la Comunicazione, consegue la magistrale in Teoria e Metodi per la Comunicazione presso l’Università degli Studi di Milano. Continua oggi i suoi studi in Pedagogia per ampliare le sue conoscenze. Ha lavorato presso agenzie di comunicazione (Lenin Montesanto Comunicazione e Lobbing) e editori calabresi (Falco Editore). Si è occupata di elaborare comunicati stampa, gestire pagine social, raccogliere e selezionare articoli per rassegne, correggere bozze e valutare testi inediti. Collabora come specialista SEO e comunicazione presso sviluppatori di siti internet. Appassionata di scrittura, partecipa a corsi creativi presso il Giffoni Film Festival e coltiva la sua passione scrivendo ancora oggi racconti (editi Ilfilorosso) che trasforma in audio-racconti pubblicati sul suo canale YouTube. Ama la letteratura, l’arte, il teatro e la cucina.