19 ore fa:Bloccato sull’autostrada del Mediterraneo con 60 chili di cocaina, arrestato dalle Fiamme Gialle
17 ore fa:Incidente a Mirto, divelto (ancora una volta) il passaggio a livello
11 ore fa:La Vignetta dell'Eco
13 ore fa:A Saracena ritornano le danze fiammeggianti della Notte del Fuoco
10 ore fa:Il Roseto Jazz Festival ’22 prosegue nel segno della musica di Rossana Casale
10 ore fa:A Co-Ro un week-end immerso nella tradizione: domani mare e montagna in festa
9 ore fa:La festa nella festa: a Schiavone la banda musicale improvvisa una deliziosa performance
11 ore fa:Paura a Cariati, un anziano bagnante investito da un motoscafo
17 ore fa:Alle persone che rispettano le regole è impedito andare al mare... dagli incivili
11 ore fa:La Trasfigurazione di Cristo e la polemica di un monaco calabrese sulla luce increata

Un segreto, vi presentiamo (e sveliamo) sua maestà 'u sacchiettu

1 minuti di lettura

LONGOBUCCO - Se questa storia l'avesse raccontata chef Rubbio l'avrebbe sicuramente derubricata tra quelle dedicate a chi ha le "coronarie forti e a pranzo mangia pane e colesterolo". È la storia di sua maestà 'u sacchiettu, il vero, inimatibile e irripetibile salume della Valle del Trionto. Una unicità tutta longobucchese di cui non si trova traccia in nessun'altra tradizione culinaria al mondo. In tanti ne hanno sentito parlare, in pochi (solo i più fortunati) lo hanno assaggiato, nessuno - se non chi lo prepara - ne conosce i segreti della preparazione. Ecco, oggi insieme a Natalino Stasi, cerchiamo di sdoganare questo mistero. Andiamo a vedere come si prepara 'u sacchiettu, un salume della tradizione, un alimento dei pastori e del popolo della Sila che mette alla prova chi veramente continua a tenere radici forti con questo territorio

Natalino Stasi
Autore: Natalino Stasi

Videomaker, classe 1990, orgogliosamente longobucchese. Natalino Stasi è diventato con i suoi video, un appuntamento fisso su youtube. Nelle sue corde ci sono le storie della Calabria che racconta puntualmente attraverso l'obiettivo della sua camera: dalla statale 106 ai mestieri che vanno scomparendo. Un modo per raccontare da un altro punto di vista e in maniera "nuova e alternativa" i lati della nostra regione che spesso vengono dimenticati