4 ore fa:Co-Ro, a rischio le proroghe al 2033 per il demanio marittimo
5 ore fa:Scoperte le “impronte digitali del cervello”, possono essere utilizzate per identificare le persone
5 ore fa:Cassano, sul possibile rincaro della spazzatura l'amministrazione rassicura: «Nessun aumento»
4 ore fa:Cassano presenta “Differenze”: laboratori sperimentali di educazione di genere nelle scuole medie superiori
6 ore fa:A Co-Ro consegnate le borse di studio “Alessando Amarelli”. Alboresi: «Evento di cui andare fieri»
3 ore fa:Co-Ro, in consiglio approvata all'unanimità l'adesione alla strategia "Rifiuti Zero"
6 ore fa:Cassano, parte il progetto “Questo non è Amore”: arriva il camper della Polizia contro la violenza di genere
4 ore fa:A Villapiana arriva l’App del Comune: per fare segnalazioni e informarsi sulle opportunità di lavoro
5 ore fa:Rischio concreto di chiusura per il Centro di salute mentale di Corigliano-Rossano
4 ore fa:Torna a Corigliano-Rossano "La camminata tra gli olivi" tra degustazioni ed escursioni. Ecco il programma

Happiness… quando la solidarietà ti cambia la vita

1 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO – Tutti noi almeno una volta nella vita abbiamo incontrato un mendicante. Possiamo aver incrociato il suo sguardo davanti a un supermercato, o a un semaforo, oppure sul ciglio della strada. Alcuni di noi gli avranno lasciato una moneta, altri qualcosa da mangiare, altri ancora lo avranno semplicemente ignorato, ma di sicuro pochissimi si saranno fermati a parlare con lui o lei.

Ed è proprio questo che ha fatto Antonio Fazio. Un gesto tanto semplice quanto rivoluzionario, perché prova a rompere quel muro fatto di paure che spesso viene eretto quando ci si ritrova dinanzi a un emigrato. Quella mattina gelida di inizio anno, Antonio ha fatto proprio questo: si è fermato a chiacchierare con un giovane nigeriano che se ne stava all’ingresso del supermercato per racimolare qualche euro.

«Gli ho chiesto come stava. – racconta - Gli ho detto che avrebbe potuto scegliere dal supermercato quello che gli serviva. Quando mi ha detto di chiamarsi Happiness qualcosa si è accesa dentro me. Volevo che quella felicità racchiusa nel suo nome potesse esplodere. Che potesse riprendere in mano la sua vita».

Così è iniziata un’amicizia, una collaborazione, una storia di rinascita. «Ci sentivamo spesso. Appena ero a conoscenza di qualche lavoro, glielo proponevo. Sono convinto, infatti, che la crescita di un essere umano sia legata anche all'indipendenza economica. Happiness non può e non deve chiedere l’elemosina per sempre».

È nato così, quasi per caso, un vero e proprio progetto sostenuto da un gruppo di amici il “Team Happiness”: Pierluigi Russo (il procacciatore di impieghi); Andrea Gelsomino (il supporto tecnico); Salvatore Smaldone (il consulente legale) e Antonio Fazio (l’ideatore).

Un gruppo il cui unico scopo è aiutare Happiness a costruire il proprio futuro.

Così quel giovane ventisettenne è diventato prima bagnino e poi bracciante. Ma il Team non si ferma di certo qui: «Abbiamo lanciato un crowdfunding: una raccolta fondi per sostenere questo progetto di rinascita. (Per donare clicca il LINK )».

«Ma, prima ancora che denaro, chiediamo a quanti vogliano offrire un posto di lavoro al nostro amico, di farsi avanti telefonando al numero 351 8053960 o scrivendo alla mail rossano.happiness@gmail.com ».

Un’iniziativa lodevole, che dimostra con i fatti che è possibile andare oltre la paura e l’indifferenza.

«Vogliamo sfidare il sistema, dimostrando con i fatti che il razzismo attecchisce lì dove c’è ignoranza. Vogliamo dare l’esempio: È possibile aiutare il prossimo, anche con poco. È possibile con le proprie azioni cambiare il destino di un uomo. Perché non farlo?».

Giusi Grilletta
Autore: Giusi Grilletta

Da sempre impegnata in attività per il prossimo, è curiosa, gentile e sensibile. Laureata in Scienze Umanistiche per la Comunicazione, consegue la magistrale in Teoria e Metodi per la Comunicazione presso l’Università degli Studi di Milano. Continua oggi i suoi studi in Pedagogia per ampliare le sue conoscenze. Ha lavorato presso agenzie di comunicazione (Lenin Montesanto Comunicazione e Lobbing) e editori calabresi (Falco Editore). Si è occupata di elaborare comunicati stampa, gestire pagine social, raccogliere e selezionare articoli per rassegne, correggere bozze e valutare testi inediti. Collabora come specialista SEO e comunicazione presso sviluppatori di siti internet. Appassionata di scrittura, partecipa a corsi creativi presso il Giffoni Film Festival e coltiva la sua passione scrivendo ancora oggi racconti (editi Ilfilorosso) che trasforma in audio-racconti pubblicati sul suo canale YouTube. Ama la letteratura, l’arte, il teatro e la cucina.