8 ore fa:Longobucco ancora isolata, chiesto un incontro ai vertici Anas e della regione
7 ore fa:Rapani (FdI) chiede un riferimento unico per coordinare le azioni di prevenzione e gestione dei fiumi
10 ore fa:Il Comune di Policoro si illumina di verde in occasione della Giornata Mondiale delle Malattie Rare
9 ore fa:Ritardi di spesa del Pnrr, Scutellà (M5s): «Basta scarica barile, il Governo si assuma la responsabilità»
9 ore fa:È nato il Comitato regionale "La Via Maestra"
8 ore fa:Nello storico Maria De Rosis si ritornerà a giocare a pallone: partiti i lavori per il centro sportivo
11 ore fa:Forza Italia Cassano dice "No" alla bretella di Sibari
10 ore fa:Prende forma la rete delle Comunità Ospitali di Calabria: Un modello nuovo, ma dal cuore antico
7 ore fa:Il Punk non è morto! Al Castello Ducale la celebrazione di un cult
6 ore fa:Giornate FAI di Primavera: appuntamento il 24 e 25 marzo

«I sogni ci fanno sentire vivi. Bisogna lottare contro le difficoltà sul percorso»

1 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO - «Se si crede fermamente nei propri sogni, nulla è impossibile. Chi ci blocca, ci limita non va visto come una cosa negativa, ma come una sfida. Può essere visto come un percorso che bisogna intraprendere per forza per giungere alla propria meta. Gli ostacoli ci sono, ma una volta superati diventano infimi».

Agostino Carrozza, in arte “Crazy Trinidad”, è un ragazzo di 22 anni con un obiettivo ben preciso in mente: raccontare la sua storia e le sue esperienze attraverso il rap.

Il Rapping, spesso abbreviato come Rap, è un genere musicale nato negli Stati Uniti intorno agli anni ’60 e direttamente correlato a quello dell’Hip Hop. Nato dalla strada, è stato ‘strumento’ di «rivalsa sociale» per le persone che avevano tanto da raccontare, ma nulla da perdere. Può essere descritto, molto superficialmente, come il ‘parlare a tempo su una base musicale con l’utilizzo di rime’.

Agostino inizia a muovere i primi passi nel rap il 2017, anche se il suo interesse risale ai primi anni adolescenziali. Iniziato per gioco, le sue capacità narrative gli permettono di comprendere il suo talento musicale e di volere intraprendere questo suo sogno.

Vuole riportare ai giorni nostri il «vecchio rap» in quanto «il nuovo rap si è “corrotto” abbracciando ed esaltando principalmente tematiche come l’assunzione di sostanze stupefacenti, di arricchirsi il più possibile e di circondarsi di belle donne».

Decide di trasferirsi in Portogallo nel periodo 2019-2020 per le scarse opportunità lavorative che la realtà locale e nazionale offrono ai giovani e anche per «apprendere nuove culture, nuove lingue. Avere una visione più ampia di quello che era un’esperienza sociale, musicale e di vita».

Continua Agostino: «Mi ha aiutato a crescere sia come artista che come persona. Un incentivo a mettermi in gioco per crescere sotto il profilo artistico e sotto quello sociale-culturale. Il Portogallo è una realtà in continua crescita, ma con radici ben profonde; un paese molto simile all’Italia ma con un potenziale, a differenza di quest’ultima che in venti anni non mi ha offerto niente».

Costretto a ritornare in Italia per aver perso il lavoro a causa dell’emergenza sanitaria mondiale Covid-19, decide di riprendere quel suo sogno avviato quattro anni fa. «l’Italia è il mio paese. Voglio mettermi in gioco e dimostrare il mio valore».

Agostino ci ha infine rivelato l’uscita di alcune collaborazioni e di una traccia da solista per questa Estate, saranno disponibili per l’ascolto sulle maggiori piattaforme musicali.

a.g.l.

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.