8 ore fa:Il presidente di Mondiversi Antonio Gioiello nominato componente dell'osservatorio regionale sulla violenza di genere
9 ore fa:Omicidio Aquino: una contrapposizione tra gruppi criminali per il controllo del territorio
8 ore fa:Co-Ro, «a Via Cannata la situazione è peggiorata»
10 ore fa:Al Teatro Sybaris di Castrovillari va in scena "Mi è scappato il morto"
9 ore fa:Incontriamoci al Museo, Cariati inaugura il cartellone degli eventi natalizi
10 ore fa:Bevacqua (Pd) annuncia la partecipazione allo sciopero generale del prossimo 12 dicembre
10 ore fa:Morano, le musiche di natale accompagneranno la presentazione del libro “Giunto è il tempo della Luce”
7 ore fa:Lotto, scommesse e slot machine: alcuni vincono tutti gli altri restano in mutande
6 ore fa:Dicembre di eventi a Corigliano-Rossano: parte la stagione teatrale con tutte le manifestazioni natalizie
9 ore fa:Lavatrici, frigoriferi, pneumatici e anche contenitori di pesticidi… ecco cosa ci hanno restituito i fiumi

I DATI - Astensionismo nella Sibaritide-Pollino? Siamo un popolo di residenti all’estero

3 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO – Domani si torna alle urne per il rinnovo del Parlamento italiano. Un momento epocale per le sorti del Paese ma soprattutto per indirizzare la rotta sul futur,o dopo due anni di pandemia e sei mesi di guerra ai confini dell’Europa che ha investito in pieno anche la nostra economia. Anche il territorio della Sibaritide-Pollino è atteso dall’importante appuntamento con le urne. Un’area, quella della Calabria del nord-est, che da anni combatte con un male silenzioso, doloroso e implacabile: l’emorragia di vita.

Un vero e proprio cancro di questa terra che probabilmente ci aiuta a dare una risposta sul perché al sud e soprattutto in questo lembo di area calabra la gente appare sempre più disinteressata alle dinamiche della democrazia, a quello che accade nell’universo della vita pubblica appena fuori l’uscio di casa; sul perché rimane lontana dalle ure. Semplicemente perché i calabresi non vivono più in Calabria e i cittadini della Sibaritide-Pollino insieme a quelli di tutta l’area orientale ionica sono quelli che più di tutti hanno deciso di andare via.

Sono persone che non ci sono ed esistono solo sulla carta. Soprattutto su quella che certifica il corpo elettorale. Parliamo degli emigrati, i cosiddetti expat, che sono diventati un vero e proprio ormone delle liste elettorali. Si tratta di cittadini con i quali la loro terra natia non è stata generosa, gente che ad un certo punto della loro vita ha dovuto fare le valige e andare, scappare all’estero in cerca di fortuna. Sembra una storia di due secoli fa ma ancora oggi è più viva che mai. Una “emorragia di vita” di cui la politica non si occupa. E non se n’è mai occupata.

E sono numeri importanti, dicevamo. Basti pensare che nei 50 comuni che compongono la costellazione della Sibaritide-Pollino, da Acquaformosa a Villapiana, da Rocca Imperiale a Cariati, gli expat iscritti nelle liste elettorali (e che quindi dovrebbero votare) rappresentano – pensate – il 25 percento dell’intero corpo elettorale; che – tranne in rarissime eccezioni – non si presenterà mai alle urne e, di fatto, continuerà a far crescere il dato dell’astensionismo.

Non solo gli expat. Se il 25% degli elettori oltre confine rimane iscritto nelle liste elettorali e quasi mai ritorna per votare, c’è un’altra uguale parte che continua a vivere in Italia ma non più in Calabria. Parliamo degli studenti e dei lavoratori fuori sede che vivono nelle grandi regioni del centro e del nord (la maggior parte) ma che mantengono ancora la residenza nel loro comune d’origine. Sono tantissimi, almeno il 20% della popolazione elettrice che, anche in questo caso, non sempre “torna a casa” per votare (poco meno del 50%).  

Quindi, a conti fatti, ad ogni tornata elettorale il meridione e le aree come la Calabria del nord-est partono con un handicap non indifferente: avere di default quasi 5 cittadini su 10, potenziali astensionisti.    

Ma per avere un’idea di questo dato quasi sempre sottaciuto è necessario leggere i numeri, quelli del registro dei cittadini italiani iscritti nelle liste elettorali estratto dal portale del Ministero dell’Interno (rilevazione semestrale del 30 giugno 2022).

I Comuni che abbiamo posto in esame sono 50 e comprendono l’intera area della Sibaritide-Pollino ricompresa, a sua volta, nel Collegio Uninominale della Camera dei Deputati di Corigliano-Rossano. (di seguito la tabella con i dati Comune per Comune)

Il corpo elettorale totale della Calabria del nord-est, quello atteso domani alle urne, è di 259.132 votanti. Il Comune con più elettori è quello di Corigliano-Rossano (69.768); quello con meno elettori, invece, è Castroregio (279).

Quanti sono, invece, gli expat iscritti nelle liste elettorali del loro comune d’origine? Sono 64.171 e rappresentano il 24,7% dell’intero corpo elettorale in esame. Anche in questo caso il Comune con il maggior numero di cittadini residenti all’estero e iscritti nelle liste elettorali è quello di Corigliano-Rossano che ne conta addirittura 12.656 (18,1% del corpo elettorale). Il Comune con la percentuale più alta di expat iscritti alle liste elettorali, invece, è Paludi: su una popolazione votante di 2.515 elettori ben 1.697 (67,4%) abitano fuori dai confini nazionali; praticamente 3 cittadini su 5.

Paludi non è un caso isolato. Infatti, proprio l’area della Sila greca e del basso Jonio cosentino – da sempre zona disagiata ed economicamente depressa – pare essere quella più afflitta da questa costante emorragia di vita (e di elettori). Insieme a Paludi, infatti, percentuali altissime di elettori residenti all’estero si registrano a Bocchigliero (58,3%), Caloveto (43,1%), Cariati (38,9%); Scala Coeli (62%) e Terravecchia (61,8%). Altre zone in cui si evidenzia una concentrazione medio alta, sopra il 50%, di elettori residenti all’estero è quella del Pollino (Morano, Civita, Frascineto su tutti).

In questa particolare graduatoria, infine, abbiamo inserito anche la popolazione dei diciottenni, i nuovi elettori che per la prima volta si recheranno alle urne. Su una popolazione di quasi 260mila elettori saranno soltanto 1.621 i new voters, che a loro volta rappresentano solo lo 0,62%.

Insomma, siamo un popolo vecchio (ad oggi senza futuro) e con un piede e mezzo fuori sede!

CITTADINI ITALIANI ISCRITTI NELLE LISTE ELETTORALI TERRITORIO SIBARITIDE-POLLINO

 Comuni

Iscritti alle liste elettorali

di cui 18enni

di cui all’estero (%)

Acquaformosa

1.357

5

537 (39,57)

Acri

20.375

118

4.225 (20,8)

Albidona

1.674

12

604 (36)

Alessandria del Carretto

684

0

342 (50)

Altomonte

4.789

31

1.362 (28,4)

Amendolara

3.237

19

727 (22,4)

Bocchigliero

2.354

13

1.374 (58,3)

Calopezzati

1.552

4

495 (31,9)

Caloveto

1.647

16

710 (43,1)

Campana

2.120

7

784 (36,9)

Canna

744

5

173 (23,2)

Cariati

9.912

85

3.852 (38,9)

Cassano all'Ionio

15.949

116

2.813 (17,7)

Castroregio

279

0

69 (24,7)

Castrovillari

20.575

123

3.210 (15,6)

Cerchiara di Calabria

2.321

13

527 (22,7)

Civita

1.350

7

653 (48,3)

Corigliano-Rossano

69.768

502

12.656 (18,1)

Cropalati

1.461

9

625 (42,8)

Crosia

9.142

65

1.864 (20,4)

Firmo

2.358

12

758 (32,1)

Francavilla Marittima

2.534

14

333 (13,1)

Frascineto

3.061

23

1.397 (45,7)

Longobucco

4.116

11

1.748 (42,4)

Lungro

2.645

12

691 (26,1)

Mandatoriccio

3.311

23

1.185 (35,8)

Montegiordano

1.882

13

476 (25,2)

Morano Calabro

6.767

26

3.289 (48,6)

Nocara

347

1

56 (16,1)

Oriolo

2.028

8

326 (16)

Paludi

2.515

18

1.697 (67,4)

Pietrapaola

1.504

13

660 (43,9)

Plataci

1.111

7

545 (49)

Rocca Imperiale

3.385

20

841 (24,9)

Roseto Capo Spulico

2.154

8

577 (26,8)

San Basile

1.269

3

453 (35,7)

San Cosmo Albanese

540

0

115 (21,2)

San Demetrio Corone

3.734

21

1.086 (29)

San Donato di Ninea

1.580

5

543 (34,3)

San Giorgio Albanese

1.357

6

273 (20)

San Lorenzo Bellizzi

636

2

144 (22,7)

San Lorenzo del Vallo

3.066

17

506 (16,5)

Saracena

4.457

15

1.452 (32,5)

Scala Coeli

1.879

9

1.165 (62)

Spezzano Albanese

6.846

46

1.429 (20.9)

Terranova da Sibari

4.903

29

1.063 (21,7)

Terravecchia

1.392

13

861 (61,8)

Trebisacce

8.147

44

1.214 (14,9)

Vaccarizzo Albanese

3.537

16

1.149 (32,5)

Villapiana

4.781

36

537 (11,2)

TOTALE

259.132

1.621

64.171 (24,8)

 

Marco Lefosse
Autore: Marco Lefosse

Classe 1982, è schietto, Idealista e padre innamorato. Giornalista pubblicista dal 2011. Appena diciottenne scrive alcuni contributi sulla giovane destra calabrese per Linea e per i settimanali il Borghese e lo Stato. A gennaio del 2004 inizia a muovere i passi nei quotidiani regionali. Collabora con il Quotidiano della Calabria. Nel 2006 accoglie con entusiasmo l’invito dell’allora direttore de La Provincia, Genevieve Makaping, ad entrare nella squadra della redazione ionica. Nel 2008 scrive per Calabria Ora. Nell’aprile 2018 entra a far parte della redazione di LaC come corrispondente per i territori dell’alto Jonio calabrese. Dall’1 giugno del 2020, accoglie con piacere ed entusiasmo l’invito dell’editore di guidare l’Eco Dello Jonio, prestigioso canale di informazione della Sibaritide, con una sfida: rigenerare con nuova linfa ed entusiasmo un prodotto editoriale già di per sé alto e importante, continuando a raccontare il territorio senza filtri e sempre dalla parte della gente.