14 ore fa:U' San Giuvanni e quell'antico "patto" del comparaggio che nasce da... U' Pùpulu
Ieri:La Calabria sotto i riflettori della Rai: domani la prima delle due puntate di “Linea Verde”
7 ore fa:Rocca Imperiale nel Decennio francese, il Risorgimento e l’Unità d’Italia
8 ore fa:A Trebisacce nasce un emporio solidale per far fronte alla crisi e alla povertà
6 ore fa:Schiavonea, Polizia locale in azione: maxi sequestro di migliaia di bijoux
5 ore fa:"Quella sera a Parigi" di Isabella Freccia è una storia d'amore che si divide tra passione e nostalgia
12 ore fa:Per il CoRo Family Fest arriva "Zampalesta, u cane tempesta"
15 ore fa:8 ore e 35 minuti da Reggio Calabria a Sibari, in una regione che vuole fare turismo. Ma fate sul serio?
13 ore fa:Inizia la movida estiva a Co-Ro ma la strada di Fabrizio Piccolo è piena di immondizia
9 ore fa:Accusati di spaccio di droga, sono stati assolti due giovani di Corigliano-Rossano

Fondi per nuove assunzioni in ambito sanitario, accolta dal governo la mozione di Sapia (Alt)

1 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO - «Senza risorse immediate per le assunzioni di personale (leggi qui), le nuove strutture di assistenza territoriale previste nel Pnrr saranno scatole vuote e non verrà risolto alcun problema».

Lo afferma, in una nota, il deputato di Alternativa Francesco Sapia, componente della commissione della Camera Sanità, il quale in Aula ha illustrato una mozione, a sua prima firma, sulla riforma in corso dell’assistenza sanitaria territoriale.

«Con la nostra mozione, come Alternativa – prosegue il deputato – avevamo chiesto l’impegno del governo ad istituire subito uno specifico Fondo per garantire le assunzioni necessarie al funzionamento della sanità territoriale, per la quale verranno spesi sette miliardi del Pnrr, in cui, tuttavia, non c’è un solo euro destinato a reclutare altro. L’esecutivo ha accolto la nostra richiesta nei limiti dei vincoli di bilancio».

«Come Alternativa – sottolinea il deputato – continueremo quindi a batterci perché, date anche le ristrettezze del bilancio dello Stato, le risorse disponibili vengano impiegate per assumere giovani medici, infermieri e Oss, non per comprare armi, che non servono a curare i malati. Oggi, poi, il governo ha condannato i territori montani e quelli disagiati, specie del Sud, a non avere un’assistenza territoriale adeguata. L’esecutivo ha infatti respinto la nostra richiesta di privilegiarli in ragione del loro isolamento geografico e della povertà sociale che lì si registra. Il governo l’avrebbe invece accolta, se l’avessimo riformulata inserendovi, come limite al potenziamento dell’assistenza territoriale, il parametro della densità di popolazione, per noi inaccettabile. È fin troppo ovvio, difatti, che quei territori sono poco abitati e soggetti a continuo spopolamento».

«Questa scelta del governo comporta, di fatto, che dai territori montani e disagiati dovrà continuare una pesante emigrazione sanitaria, anche considerato che, con la propria riforma dell’assistenza territoriale, il governo sta riducendo l’assistenza ospedaliera puntando sulla sanità di prossimità. Non smetteremo mai di ripetere – conclude Sapia – che va invece trovato un punto di equilibrio, perché gli abitanti delle zone montane e delle zone disagiate, in particolare del Mezzogiorno, non sono figli di un dio minore».

 

(fonte: comunicato stampa del deputato di Alternativa Francesco Sapia)

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.