1 ora fa:Operazione trasparenza Co-Ro, l'opposizione chiede un gruppo consiliare di vigilanza
2 ore fa:Risanamento strada Macrocioli a Longobucco: partiti i lavori di pavimentazione stradale
4 ore fa:FAI Cisl e Cisl FP regionali incontrano Rsa e lavoratori della sorveglianza idraulica
5 ore fa:Incendio negli uliveti storici di Rossano: minacciati due frantoi
1 ora fa:Gdf e Polizia, eseguite misure cautelari nei confronti di una società di vigilanza operante nel cosentino
4 ore fa:Laghi di Sibari, Papasso: «L’acquedotto deve essere pubblico»
3 minuti fa:Riesplode la paura radiazioni tossiche a Longobucco: i dati Arpacal preoccupano
3 ore fa:Crosia, Russo: «Il Consiglio Comunale torna ad operare nel rispetto dello Statuto»
5 ore fa:Fede e cultura popolare: a Co-Ro una mostra dal titolo "Ricordi della Passione"
5 ore fa:La fine di Ulysse: «Uccisa in canile piuttosto che affidata»

NUGAE - Una capriola indietro nel tempo alla ricerca di memoria e ricordi. Dedicato alle famiglie

1 minuti di lettura

REFOLI di MEMORIE

Insegnami le strade della mente.

Dove va quando libera vola vagabonda

sollevata dai lievi refoli della stanza?

Melodie  sapori  profumi si inseguono

i sensi rotolano in impalpabili avventure dell’anima

capriole si avvinghiano senza tempo

e rapaci ti portano fin lì:

istante materico  presenze vive

si raggrumano in quell’attimo

di fuggente felicità

che uno scatto ha rubato all’oblio  

e un gesto o forse un gusto

restituisce all’oggi.    

in copertina: Inseguendo Proust. Foto di Rosellina Formoso

Alessandra Mazzei
Autore: Alessandra Mazzei

Diploma classico, laurea in Lettere classiche a La Sapienza, Master in Pedagogia, insegue una non facile conciliazione tra bios theoretikos e practikos, dimensione riflessiva e solitaria, e progettualità concreta e socialmente condivisa. Docente di Italiano e Latino, già Assessore alla Cultura e Turismo di Rossano, impegnata in diverse associazioni socio-culturali, ma, prima e più di ogni altra cosa, mamma, felice, di Chiara Stella, Gabriele e Sara Genise. Ha grande fiducia nelle capacità dei giovani, degli studenti, di quelli che poi restano e di quelli che vanno pensando un giorno di tornare. Spera di poter contribuire, insieme a loro e ad amici ottimisti, alla valorizzazione di questa terra di cui sente da sempre la forza delle radici, accanto al bisogno di paesaggi culturali ampi e aperti. Ama la scrittura, che vive, al pari dell’insegnamento, come itinerario di ricerca e crescita personale, da coltivare in forme individuali e collettive.