5 minuti fa:Cosa si dice nella Calabria del nord-est: una settimana di notizie
3 ore fa:Civita: inizia la terza sindacatura di Alessandro Tocci
15 ore fa:Brucia la Valle del Coscile: fiamme minacciano il santuario della Madonna del Castello
16 ore fa:Corigliano-Rossano, le opposizioni: «Stasi non è l’amministratore di una srls»
2 ore fa:Strage di vitelli sulla statale 534: all'alba auto danneggiate e feriti
16 ore fa:Grande festa ai Laghi di Sibari per i 20 anni de “Le Notti dello Statere”
17 ore fa:Non si può vivere di solo turismo
18 ore fa:Tre giorni di spettacoli ed emozioni per la settima edizione di "Frasso in Festa"
58 minuti fa:Ammodernamento tecnologico per gli ospedali della Sibaritide-Pollino: ecco le novità
17 ore fa:La Vignetta dell'Eco

MuMam di Cariati, aperte le iscrizioni ai laboratori didattico-creativi sul tema “Andando per mare”

1 minuti di lettura

CARIATI - Aperte le iscrizioni ai laboratori didattico-creativi sul tema “Andando per mare”, che si svolgeranno tra febbraio e marzo presso il Civico Museo del Mare, dell’Agricoltura e delle Migrazioni di Cariati.  Un tema non casuale, oltre che per i significati del museo, per il fatto che l’iniziativa è condivisa e sostenuta dal FLAG -“I Borghi marinari dello Jonio” (gruppo di azione locale per la pesca), insieme ad alcune attività del progetto scientifico e comunicativo dello stesso museo.

Il primo laboratorio, denominato “Storie di vita e di mare”, partirà il primo febbraio ed è riservato agli studenti dell’Istituto di Scuola Superiore di Cariati nell’ambito dei Percorsi di Orientamento Formativo dell’istituto diretto da Sara Giulia Aiello, con cui il MuMAM ha stabilito una proficua collaborazione; gli incontri si svolgeranno in abbinamento a un laboratorio di reti, e  saranno tenuti da Giuseppe Paturzi, pescatore professionista, tra l’altro ex studente IIS, che ha creato la sua impresa di pesca con moderni sistemi tecnologici e secondo principi di sostenibilità ambientale, senza dimenticare le pratiche lavorative e le conoscenze derivanti dalla tradizione marinara di famiglia.  

Un altro laboratorio in programma, al quale ci si può iscrivere, è “L’arte vasaia venuta dal mare”, ovvero quella degli antichi “vucalari” cariatesi, purtroppo estinta, dopo il pensionamento dell’ultimo maestro, Leonardo De Dominicis. Sarà lui a tenere i laboratori, che inizieranno sabato 17 febbraio ed è rivolto a partecipanti dai 9 anni in su. 
E ancora, Domenica 18 febbraio sarà riproposto il laboratorio di tessitura al telaio, denominato “Le trame dell’attesa”, con la tessitrice Elena Russo, rivolto, anche questo, a iscritti dai 9 anni in su. Sempre nella stessa giornata, partirà il laboratorio per bambini dai 7 agli 11 anni di età su “Fiabe, miti e leggende del mare”, con la “fata del mare” Rossella Marino.

La didattica museale, sperimentata con successo e con una significativa impronta multiculturale già lo scorso anno, a pochi mesi dall’apertura del MuMAM, è inserita nel piano di attività ed eventi culturali del periodo ottobre 2023-giugno 2024, curato dalla direttrice Assunta Scorpiniti d’intesa con l’Amministrazione Comunale; un programma che si sta svolgendo con grande partecipazione di pubblico, associazioni, scuole. In particolare i laboratori didattico-creativi, spiega la direttrice, «oltre ad arricchire la nostra offerta culturale, danno ai bambini, ai ragazzi e ai giovani l’opportunità di vivere esperienze molto formative ed inclusive, che si basano sulla creazione di relazioni positive e sul coinvolgimento diretto nelle attività, in cui possono “toccare con mano” gli oggetti dell’esperienza». 

Importante sottolineare che partecipazione ai laboratori è gratuita, ma i posti sono limitati per cui, fatta eccezione per il laboratorio riservato agli studenti IIS, occorre prenotare telefonando entro il 10 febbraio al n. 333.8618588. 
 

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.