16 ore fa:"Quella sera a Parigi" di Isabella Freccia è una storia d'amore che si divide tra passione e nostalgia
21 minuti fa:«Lungomare di Co-Ro, cantieri e disagi di ogni tipo affossano il settore turistico»
20 ore fa:Accusati di spaccio di droga, sono stati assolti due giovani di Corigliano-Rossano
1 ora fa:Proteste d'estate a Co-Ro, disoccupati arroccati sul tetto della scuola: chiedono lavoro
51 minuti fa:Trebisacce, l'Avis comunale cambia sede ma si cerca una struttura per l'accreditamento
17 ore fa:Schiavonea, Polizia locale in azione: maxi sequestro di migliaia di bijoux
10 minuti fa:Nel centro storico di Rossano, il successo della magica "Notte di San Giovanni"
23 ore fa:Per il CoRo Family Fest arriva "Zampalesta, u cane tempesta"
19 ore fa:A Trebisacce nasce un emporio solidale per far fronte alla crisi e alla povertà
18 ore fa:Rocca Imperiale nel Decennio francese, il Risorgimento e l’Unità d’Italia

Il duo calabrese Zingari Felici lancia la nuova, caliente ed avvolgente hit dell’estate: “Sete di sale”

1 minuti di lettura

CALABRIA - Il primo inedito del duo “Zingari Felici” ci accompagna nella calda estate che caratterizza la nostra bella penisola. I calabresi, Emanuele Grispino e Celeste Iiritano che si definiscono «due cuori vaganti, amanti della musica», hanno lanciato un brano ricco di sonorità calienti ed avvolgenti che portano l'ascoltatore a viaggiare con la mente e non solo.

“Sete di sale” è il titolo della nuova hit, che ha un ritmo incalzante ed esprime in maniera non troppo ermetica la metafora dell'amore. Quell’amore inteso come motore indiscutibile della nostra vita che ci fa vivere emozioni contrastanti. Gioia e sofferenza si alternano e rendono il sentimento inspiegabile. Una storia d'amore raccontata in chiave musicale che racconta attraverso le note, le voci e l’ambientazione tutto il calore e la mediterraneità. Insomma un connubio perfetto tra la stagione estiva e quegli amori che ti assalgono e ti bruciano, come il sole d'estate. 

La metafora viene espressa anche dal titolo stesso poiché non ci si può dissetare col sale. Questo controsenso «che nasce dall'amore» è così reale, ma «non si può spiegare. «Mare... mare... mare...». Un ritornello ridondante che ti entra in testa e non ti lascia. La chicca è rappresentata dalla scelta di scrivere un secondo ritornello in dialetto calabrese, segno distintivo del mondo popolare dal quale gli Zingari Felici provengono. Ecco come fa: «Fuacu , vruscia lu cori, vampa chi sa d'amuri, tantu po fari mali quantu pu ti fa beni».

Un brano tutto da scoprire che vi invitiamo ad ascoltare con sensibilità e sentimento (Ascolta qui ). 

Veronica Gradilone
Autore: Veronica Gradilone

25 anni. Laureata in scienze della comunicazione. Laureanda magistrale in comunicazione e tecnologie dell'informazione. Mi piace raccontare le storie, non mi piace raccontare la mia