5 ore fa:Il convegno su Autonomia Differenziata tra il ravvedimento di Occhiuto e l'assenza dei sindaci calabresi
6 ore fa:Tutta la Calabria del nord-est in preda alle fiamme: incendi da Oriolo a Paludi
4 ore fa:Un Biologo alla guida del Polo Liceale di Rossano
6 ore fa:Nefrologia, Sapia rilancia: «L'Asp bandisca un concorso per potenziare l'organico»
4 ore fa:Il comune di Civita si unisce al cordoglio per la perdita di Lorenzo Francomano
7 ore fa:Gettate le basi per la collaborazione tra il Palma e la Biblioteca “Carmine De Luca”
5 ore fa:Si è insediato il nuovo Prefetto di Cosenza Rosa Maria Padovano
8 ore fa:Autonomia Differenziata, in Calabria nasce il coordinamento per il referendum
9 ore fa:Stasi: «Graziano parla di una sanità che esiste solo nella sua testa»
9 ore fa:Il Comprensivo di Crosia primo in Italia alla richiesta di finanziamento per mobilità discenti e personale dell'Istruzione

“Contr_ora”, lo spettacolo scritto dal coriglianese Giovan Battista Picerno

1 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO - Andrà in scena sabato 11 e domenica 12 giugno al Teatro comunale di Badolato l’anteprima di Contr_ora, spettacolo del Kollettivo Kontrora realizzato con il sostegno di Sparrow - Spazio precario autogestito Arrow di Rende e nuova produzione del Teatro del Carro. Lo spettacolo, diretto da Francesco Aiello, scritto da Giovan Battista Picerno, con Francesco Aiello e Antonella Carchidi, racconta proprio della “Controra”, che nell’Italia del Sud e nel Mediterraneo, identifica le prime ore dopo mezzogiorno, considerate cariche di virtualità magiche da cui è bene tenersi a debita distanza.

Nello spettacolo, Controra è una donna rinchiusa in casa da un tempo indefinito, succube della propria vergogna, dimentica del proprio passato. L’unica compagnia di Controra è un’intelligenza artificiale chiamata Samsa che, oltre ad essere la sua connessione con il mondo, detta i tempi delle sue giornate. Il tentativo di raccogliere i cocci del suo io frammentato condurrà Controra ad inaspettate rivelazioni sul proprio passato e a nuove consapevolezze sulla propria identità.

A peggiorare la situazione di Controra, un uomo: da principio è solo un’interferenza proveniente dalla tv, man mano diventerà una presenza sempre più ingombrante e materica. In conseguenza a tale invasione nella mente di Controra prenderà corpo uno spettro, la rivoluzione. Rivoluzione in questo caso significherà tendere un assalto alle parti di sé cristallizzate e non aperte al cambiamento. La direzione tecnica dello spettacolo è di Jacopo Andrea Caruso, le musiche originali sono dei Nafta Punk.

Il Kollettivo Kontrora è un collettivo di artisti che prende forma nel 2020 durante la pandemia, e nasce dall’esigenza di portare in scena i materiali che, fino a quel momento, erano circolati fra i membri del gruppo in forma scritta. Il collettivo si struttura attorno ad una prassi lavorativa non gerarchica o verticistica e conduce ricerche in un territorio semantico e politico comune a tutti i suoi membri, da questo fare nasce Contr_ora, finalista al premio Dante Cappelletti 2021 alle arti sceniche. Il collettivo ha la sua sede operativa a Rende, negli spazi di Sparrow – Spazio precario Autogestito Arrow – all’interno del quale, oltre all’attività produttiva, ospita e favorisce il lavoro di artisti indipendenti. La Compagnia Teatro del Carro è sostenuta da MiC, Regione Calabria e comune di Badolato.

Veronica Gradilone
Autore: Veronica Gradilone

26 anni. Laurea bis in Comunicazione e Tecnologie dell’Informazione. Mi piace raccontare le storie, non mi piace raccontare la mia