12:01 pm:IL ROTOCALCO DELL'ECO - Una settimana di notizie in pillole
10:01 am:Test rapido antigenico per alunni e famiglie dell’IC di Cariati
12:30 pm:Parco archeologico di Sibari: ora (forse) si fa sul serio. Nominato un Cda “strategico”
10:40 am:Verdi: «Presenteremo una lista forte e competitiva per il rinnovo del Consiglio regionale»
11:00 am:Calabria: calano contagi e indice tamponi. Terapia intensive in discesa - TUTTI I NUMERI DEL CONTAGIO
12:01 pm:Covid. Il Pollino piange ancora morti per la pandemia: la situazione
10:01 am:Drogava un’anziana. I familiari danno incarico all’avv. Francesco Nicoletti per denunciare la badante
10:30 am:«Ospedale subito!» la battaglia della Lega tumori sul presidio "Cosentino" di Cariati
10:01 am: Cassano zona rossa, Francesco Savino: «Chiamati ad essere sempre corresponsabili»
5:14 pm:Lo studio del rossanese Novelli: contro il Covid in arrivo gli anticorpi monoclonali

Città unica: le parole di Mons. Satriano stimolo per la politica e i cittadini

1 minuti di lettura

Che le parole pronunciate l'altro ieri dall'Arcivescovo della Diocesi Rossano-Cariati, Mons. Giuseppe Satriano, avessero potuto sortire reazioni nel mondo politico locale, forse era quello che tutti ci aspettavamo. Finalmente qualcuno ha rotto questa cappa di silenzio politico sul futuro della grande città Corigliano-Rossano. E lo ha fatto colui il quale ha sempre sposato questo progetto, pur non facendo mai mancare gli avvisi a partecipare alla costruzione del nuovo soggetto istituzionale. Del resto, non scopriamo certo oggi la statura umana, culturale, sociale e politica del nostro Arcivescovo. Una politica silenziosa ha tracciato il cammino della nuova città dal referendum in poi. In pratica da circa un anno. Alle parole di Satriano qualcuno ha giustamente fatto mea culpa, qualcun altro ha preferito invece fare il sarcastico, anche in maniera poco elegante. Non crediamo affatto che l'Arcivescovo abbia un candidato da piazzare o stia preparando una lista per le prossime comunali. Affermare questo significa non aver compreso affatto l'esortazione di Satriano. A cui va il nostro ringraziamento per l'amore, la delicatezza e la passione dimostrati ogni giorno verso questa terra.

Proposte, idee, progetti, discussioni, incontri: in buona parte la politica nostrana ha disdegnato tutto ciò. Deve essere coinvolta la cittadinanza, ma non così come è stato fatto finora e in occasione della campagna referendaria. Si aprano anche discussioni e confronti in piazza, nei teatri, nelle aule consiliari, negli auditorium, nelle scuole superiori. Partiti politici e cittadini siano una cosa sola, viaggino sulla stessa frequenza. Quì non servono più le chiacchiere da social: l'appuntamento con la storia è troppo importante per poterlo prendere sottogamba così come fatto fino adesso. E allora, ben vengano le parole di Mons. Satriano e che fungano da stimolo per un risveglio collettivo di coscienze stantie ed addormentate sotto il solito squillo del vittimismo e del pessimismo. No: la storia siamo noi e la dobbiamo scrivere noi. Iniziando subito e con grande spirito di cooperazione. Tra Corigliano e Rossano, tra coriglianesi e rossanesi. Servono passione, lavoro, intraprendenza, voglia di fare, di ripartire, di diventare finalmente maggiorenni. Altrimenti il titolo di terza città della Calabria ce lo metteremo sul petto sì, ma come un cimelio senza gloria. Francesca Russo
Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.