2 ore fa:La Pro Loco di Trebisacce sfrattata da palazzo Massafra... dopo appena un mese
18 ore fa:Trebisacce: 950 mila euro dal ministero per il ripascimento
56 minuti fa:A Mirto la prima edizione del Trionto Tarantella Festival
19 ore fa:Prima "Charter Night" del Lions Club Castello Aragonese Pollino-Sibaritide-Valle dell’Esaro
17 ore fa:Mormanno: i tamburi di Monte Cerviero diventano associazione
31 minuti fa:Pubblicate le prime gare della Cuc dell'unione dei Comuni Co.Ro. Pnrr
19 ore fa:Rigenerazione urbana, A Co-Ro arrivano settantuno studenti dell'Università di Trento
17 ore fa:Cgil Longobucco promuove un evento sui diritti delle donne
16 minuti fa:Federalismo differenziato? I calabresi potrebbero non pagare le bollette dell'elettricità. Ecco perché
18 ore fa:A Laino Borgo sta per partire la quinta campagna di scavi archeologici di Santa Gada

Al Centro sanitario dell’Unical nuovi servizi di diagnosi prenatale

1 minuti di lettura

RENDE - L’ambulatorio per la diagnosi prenatale delle patologie malformative fetali arricchisce l’offerta del Centro sanitario dell’Università della Calabria.

«La struttura assistenziale pubblica - si legge nella nota - che opera all’interno del Campus, al servizio non solo di studenti e personale dell’Ateneo, ma aperta a tutto il territorio, nell’ambito delle prestazioni erogate dal Consultorio familiare, si è arricchita, infatti, di personale qualificato per l’esecuzione di esami ultra-specialistici capaci di studiare la salute e l’anatomia del feto, nonché di un ecografo di ultima generazione tecnologica. Paola Quaresima, specialista in ginecologia ed ostetricia con master in ecocardiografia fetale, è recentemente entrata a far parte dell’equipe di ginecologi del Consultorio familiare, assunta in qualità di specialista ambulatoriale presso l’Azienda sanitaria provinciale. Presso l’ambulatorio, è di prossimo avvio, inoltre, anche il servizio di diagnosi prenatale invasiva per la realizzazione di villocentesi ed amniocentesi, nei casi di sospetta patologia fetale di natura cromosomica e/o genetica. Sono destinati quindi, ad aumentare gli accessi ai servizi offerti dal Centro sanitario che, nell’ultimo anno, ha superato le dieci mila prestazioni erogate».

«Tutte le donne in gravidanza possono, quindi, rivolgersi all’ambulatorio di diagnosi prenatale, per effettuare l’ecografia screening del primo trimestre a 12 settimane di gestazione con misurazione della translucenza nucale, esame premorfologico del feto e calcolo del rischio di preeclampsia in gravidanza; l’ecografia morfologica a 20 settimane di gestazione; l’ecografia tridimensionale (3D) del feto, l’ecocardiografia fetale; l’ecografia fetale di accrescimento. Per le informazioni specifiche e le prenotazioni relative a questi esami è possibile contattare il numero di telefono 0984496213 nelle giornate di martedì e giovedì, dalle ore 15.00 alle ore 17.00. Oltre a queste prestazioni, ormai da anni, è possibile usufruire, previa prenotazione telefonica al numero di telefono 0984496202, di visite ginecologiche ed ostetriche, screening oncologici attraverso l’effettuazione del pap-test, certificazione di interruzione volontaria di gravidanza, corsi di accompagnamento alla nascita, consulenze psicologiche per servizi rivolti alla persona, alla coppia ed alla famiglia. I servizi vengono erogati dal lunedì al venerdì, dalle ore 9.00 alle ore 13.00; mentre il martedì e il giovedì anche dalle ore 15.30 alle ore 17.00».

L’equipe del Consultorio, diretta dal ginecologo Giampiero Russo, coordinatore dei consultori familiari dell’Asp di Cosenza, è composta dalle ginecologiche Maria Irene Pupo e Paola Quaresima, dalle psicologhe Mariangela Martirani, Alessandra Aggazio ed Emanuela Gallucci, dall’ostetrica Concetta Ciardullo e dall’infermiera Alessandra Armentano. I servizi del Consultorio familiare, a fini della prevenzione in ambito procreativo e materno-infantile, sono supportati anche dalle attività del laboratorio di Genetica Medica, Microbiologia e Sieroimmunologia: si tratta di una piattaforma di diagnostica molecolare avanzata per diverse patologie a possibile evoluzione cronico-degenerativa.

Rita Rizzuti
Autore: Rita Rizzuti

Nata nel 1994, laureata in Scienze Filosofiche, ho studiato Editoria e Marketing Digitale. Amo leggere e tutto ciò che riguarda la parola e il linguaggio. Le profonde questioni umane mi affascinano e mi tormentano. Difendo sempre le mie idee.