4 ore fa:All'80esima Mostra del cinema di Venezia premiato il regista calabrese Antonio La Camera
4 ore fa:Il centro storico rossanese ospiterà l’evento “Il tempo di Nilo”
3 ore fa:Investiti sei milioni di euro per l'ingegnerizzazione e l'ammodernamento delle reti idriche di Co-Ro
5 ore fa:Trebisacce e l’alto Jonio cosentino protagonista nella rivista e nel portale dedicato Visitez l’Italie
2 ore fa:I cinghiali arrivano anche nei centri storici di Corigliano-Rossano: Amministrazione comunale in allarme
2 ore fa:Caso Liceo Artistico, si trascura un dettaglio: «Nelle aule del Geometra ci siamo già noi... da 8 anni!»
1 ora fa:Dimensionamento scolastico, la Provincia incontra i Sindaci per «recepire le esigenze dei territori»
3 ore fa:Passarino, professore dell'Unical, eletto nuovo presidente dei genetisti italiani
1 ora fa:«La Rai abbia un ruolo principale nel valorizzare le minoranze linguistiche attraverso le sedi regionali»
22 minuti fa:Il Lungomare di Trebisacce verrà dedicato alla memoria dell’architetto Mariano Bianchi

Liceo Artistico, spunta una soluzione confortevole e affascinante

1 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO -  Potrebbe esserci una soluzione ulteriore per superare le difficoltà logistiche che lamenta il Liceo Artistico di Rossano e che si sono manifestate in tutta la loro crudezza con la riapertura dell’anno scolastico (ne abbiamo parlato qui).

In questo momento l’ultimo triennio dell’indirizzo d’arte è insediato nell’antico stabile del Liceo San Nilo, nel centro storico di Rossano, ma qui – come evidenziato più volta dalla dirigenza d’istituto – mancherebbero aule ma soprattutto spazi per i laboratori. Da qui l’esigenza improrogabile di avere nuove aree in cui sviluppare la didattica. In piedi, al momento, ci sono due ipotesi: la prima di trasferire il blocco del triennio nei locali dell’istituto del Geometra a Rossano scalo (che affascina molti per la comodità con cui si potrebbe raggiungere ma che snaturerebbe il senso per cui è nato l’artistico); la seconda – su cui si ragiona da tempo e per diverse vicissitudini politiche e burocratiche rimane ancora ferma – di utilizzare i locali dell’ex scuola Santa Chiara praticamente attigui al San Nilo. Quest’ultima, se ci fosse un ragionamento proficuo tra Provincia di Cosenza e Comune di Corigliano-Rossano, non solo sarebbe la soluzione ideale ma anche quella più facilmente percorribile per il comfort di docenti e alunni.

Nelle ultime ore, però, sarebbe venuta fuori un’altra soluzione altrettanto confortevole, per alcuni versi affascinante e che potrebbe consentire addirittura di insediare all’interno del Centro storico di Rossano l’intero blocco del Liceo Artistico, oggi suddiviso in due distinti plessi (il biennio nella moderna struttura del Liceo Scientifico allo scalo di Rossano, il triennio al San Nilo).

Qual è questa nuova soluzione messa sul piatto dal Sindaco Stasi? Trasferire il biennio al San Nilo in via XX Settembre e il triennio nei locali dell’ex mattatoio, in via San Martino nell’antichissimo quartiere della Giudecca, a due passi dal Liceo Classico. La struttura, dove al momento sorge l’ufficio Urbanistica del comune di Co-Ro (che è in fase di trasferimento nei locali dell’ex Ghiacciaia), sarebbe quasi pronta e si presterebbe benissimo alle esigenze della scuola d’arte, considerati anche i suoi ampi spazi esterni.

Una soluzione, quest’ultima, che a quanto pare affascinerebbe anche i docenti. E intanto, proprio stamani, all’interno dell’ex mattatoio dovrebbe essere effettuato un sopralluogo congiunto tra il Comune e la dirigenza scolastica per capire la reale fattibilità dell’idea.

Marco Lefosse
Autore: Marco Lefosse

Classe 1982, è schietto, Idealista e padre innamorato. Giornalista pubblicista dal 2011. Appena diciottenne scrive alcuni contributi sulla giovane destra calabrese per Linea e per i settimanali il Borghese e lo Stato. A gennaio del 2004 inizia a muovere i passi nei quotidiani regionali. Collabora con il Quotidiano della Calabria. Nel 2006 accoglie con entusiasmo l’invito dell’allora direttore de La Provincia, Genevieve Makaping, ad entrare nella squadra della redazione ionica. Nel 2008 scrive per Calabria Ora. Nell’aprile 2018 entra a far parte della redazione di LaC come corrispondente per i territori dell’alto Jonio calabrese. Dall’1 giugno del 2020, accoglie con piacere ed entusiasmo l’invito dell’editore di guidare l’Eco Dello Jonio, prestigioso canale di informazione della Sibaritide, con una sfida: rigenerare con nuova linfa ed entusiasmo un prodotto editoriale già di per sé alto e importante, continuando a raccontare il territorio senza filtri e sempre dalla parte della gente.