10 ore fa:Lungro, il Collettivo Stipaturi contro il vile atto vandalico: «Il nostro tessuto sociale è da tempo lacerato»
15 ore fa:Secondo Vanity Fair tra i 5 borghi imperdibili dell'Alta Calabria anche Altomonte e San Sosti
12 ore fa:Consorzio di Bonifica, al via controlli straordinari contro abusi e sprechi d'acqua
13 ore fa:A Co-Ro col solstizio d'estate parte un nuovo concept di degustazione identitaria: MinikƏ
9 ore fa:La cittadina di Cariati si tinge di rosso Ferrari. Soddisfazione immensa
13 ore fa:Le eccellenze mediche puntano sull'Unical: superate le 100 candidature per la call internazionale
16 ore fa:Vertenza Nuovo Pignone BH, Stasi farà ricorso contro l'autorizzazione ZES dell'Autorità Portuale
14 ore fa:Marathon degli Aragonesi: il re del Pollino è Antonio Vigoroso 
11 ore fa:Detenuto turco prima mette a soqquadro il braccio di detenzione e poi aggredisce gli agenti della penitenziaria
11 ore fa:Grande successo al MuMam per l'incontro con lo scrittore Carmine Abate

Don Fiorenzo De Simone è cittadino di Spezzano Albanese: conferita l'onoreficenza all'ex parroco

1 minuti di lettura

SPEZZANO ALBANESE – È stata conferita ieri sera, nel corso di un consiglio comunale da hoc, con tutti i voti favorevoli di maggioranza e minoranza, la cittadinanza onoraria a don Fiorenzo De Simone. L'evento, preannunciato dallo stesso sindaco Ferdinando Nociti lo scorso 31 agosto, in occasione dell'ultima celebrazione dell'ormai ex parroco, ha visto la partecipazione plebiscitaria della comunità arbëreshe. Ad aprire i lavori la presidente del consiglio, Rossana Nociti, la quale ha sottolineato l'importanza dell'evento definendolo come «il massimo riconoscimento che un'amministrazione può dare». La stessa ha ricordato tutte le qualità che don De Simone, in 15 anni di attività, ha messo al servizio dell'intera popolazione. Anche i consiglieri di minoranza, Emiliana Iannuzzi e Luigi Serra, si sono detti compiaciuti per il conferimento della cittadinanza, ricordando a più tratti il buon operato del sacerdote. È il sindaco Ferdinando Nociti, infine, a sottolineare i meriti del neo concittadino, evidenziando, come scritto anche nella pergamena ricordo, i sentimenti di «profonda gratitudine e riconoscenza per la dedizione e l'impegno ineccepibile nella cura pastorale della Comunità Ecclesiale; per il restauro e la cura certosina delle nostre Chiese; per la valorizzazione dell'identità arbëreshe e per aver inciso nel tessuto sociale, culturale e religioso della nostra comunità».  «Per Spezzano - ha concluso - è stato un onore averti come parroco».

Dopo il voto unanime dell'intero consiglio, il sindaco ha consegnato la pergamena ricordo e invitato don Fiorenzo e il neo parroco, don Pino Straface, ad accomodarsi al tavolo dell'assise. «La chiesa - ha detto don Straface, anche vicario del vescovo - festeggia questo momento con gioia. Pensiamo a camminare insieme per il bene di tutta la comunità». Evidentemente soddisfatto, don Fiorenzo ha salutato in arbëreshe i presenti che, immediatamente hanno fatto partire l'applauso. «Sarò vostro concittadino con orgoglio -ha detto-, non è stato un caso che io abbia iniziato a muovere i primi passi proprio a Spezzano. Mi sento legato a voi per sempre».

Dopo la cerimonia, è stato organizzato un momento di rinfresco nella Villa del Ricordo. Venerdì 22 settembre, alle ore 18, don Fiorenzo farà il suo ingresso come parroco delle chiese di Sant'Antonio e Santa Maria Maggiore di Corigliano. La comunità, con il sindaco Nociti, saranno presenti.

Veronica Gradilone
Autore: Veronica Gradilone

26 anni. Laurea bis in Comunicazione e Tecnologie dell’Informazione. Mi piace raccontare le storie, non mi piace raccontare la mia