9 ore fa:Il presidente di Mondiversi Antonio Gioiello nominato componente dell'osservatorio regionale sulla violenza di genere
9 ore fa:Omicidio Aquino: una contrapposizione tra gruppi criminali per il controllo del territorio
8 ore fa:Co-Ro, «a Via Cannata la situazione è peggiorata»
8 ore fa:Lotto, scommesse e slot machine: alcuni vincono tutti gli altri restano in mutande
10 ore fa:Lavatrici, frigoriferi, pneumatici e anche contenitori di pesticidi… ecco cosa ci hanno restituito i fiumi
11 ore fa:Al Teatro Sybaris di Castrovillari va in scena "Mi è scappato il morto"
10 ore fa:Bevacqua (Pd) annuncia la partecipazione allo sciopero generale del prossimo 12 dicembre
11 ore fa:Morano, le musiche di natale accompagneranno la presentazione del libro “Giunto è il tempo della Luce”
7 ore fa:Dicembre di eventi a Corigliano-Rossano: parte la stagione teatrale con tutte le manifestazioni natalizie
9 ore fa:Incontriamoci al Museo, Cariati inaugura il cartellone degli eventi natalizi

A Cariati una mostra fotografica per dire no alla violenza di genere

1 minuti di lettura

CARIATI – «Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne, sul tema della prevenzione non bisogna arretrare di un solo passo, ma anzi incoraggiare ogni iniziativa utile a far sentire alle vittime di maltrattamenti, di stalking e di violenza, tutto il calore e la vicinanza di cui spesso si ha bisogno per prendere coraggio, denunciare o semplicemente lasciar andare un amore tossico».

È quanto dichiara la Sindaca Filomena Greco esprimendo soddisfazione per la campagna di sensibilizzazione “25 novembre 2021 – 25 novembre 2022. Un anno senza violenza” promossa dall'Amministrazione Comunale con il supporto di esperti e rivolta alle scuole.

Il 25 novembre, in occasione dell’evento sarà inaugurata, alle ore 15:00 a palazzo Chiriàci (sede del Museo Civico del Mare, dell'Agricoltura e delle Migrazioni - Muman), la mostra fotografica curata dalle studentesse del Liceo scientifico di Cariati dal titolo “Le donne dell'Iran, basta subire. Sì alla libertà”.

La Prima Cittadina coglie l'occasione per ringraziare la dirigente dell'Iis di Cariati, Sara Giulia Aiello ed i docenti che in questi mesi hanno collaborato alla riuscita delle iniziative di sensibilizzazione.

A seguire, alle ore 17:30 nella Chiesa Cristo Re, verrà celebrata la Santa Messa in memoria di Battistina Russo, concittadina vittima di femminicidio. Alle 18:30 ci si sposterà, quindi, nella vicina Villetta Lavoratori del Mare per raccogliersi in un momento di preghiera intorno alla Panchina Rossa, simbolo della lotta alla violenza contro le donne.

«Con questo nuovo appuntamento di sensibilizzazione – si legge nella nota - si conclude il ciclo di iniziative che si sono susseguite in questo anno. Sono state tante le iniziative che si sono avvicendate e che hanno coinvolto gli studenti. Dalle vittime dell'Olocausto (27 gennaio) ricordate attraverso l'installazione in Piazza Trento di un monumento momentaneo, a San Valentino (14 febbraio) con il coinvolgimento delle scuole in elaborati e disegni sull'amore sano contrapposto all'amore malato, fino all'8 marzo, Festa delle Donne, che ha visto la partecipazione del Centro Antiviolenza Fabiana Luzzi di Corigliano-Rossano. A maggio, in occasione della giornata internazionale contro la mafia, nel 30° anniversario della Strage di Capaci per l'iniziativa nazionale di sensibilizzazione “Il sud dice no alla mafia”, le comunità educanti di ogni ordine e grado sono scese in piazza a manifestare contro ogni tipo di criminalità, presentando elaborati e manifesti, risultato dell'attività di approfondimento e ricerca condotta a scuola».

Rita Rizzuti
Autore: Rita Rizzuti

Nata nel 1994, laureata in Scienze Filosofiche, ho studiato Editoria e Marketing Digitale. Amo leggere e tutto ciò che riguarda la parola e il linguaggio. Le profonde questioni umane mi affascinano e mi tormentano. Difendo sempre le mie idee.