4 ore fa:Fabbisogno di Personale, approvate dal Ministero le richieste del comune di Co-Ro e dell'Unione dei Comuni
7 ore fa:Tradizioni, cresce l'attesa per l'infiorata in onore di San Francesco
5 ore fa:Giornata Europea del Gelato Artigianale: quest'anno un evento tra Mandatoriccio e Cariati
6 ore fa:Eventi sismici e piani di Protezione Civile: a che punto è la Calabria?
6 ore fa:Polizia Municipale, a Cariati sei nuovi agenti
4 ore fa:Italvolley: Lavia e Laurenzano sempre più protagonisti della nazionale
2 ore fa:Tutelare identità
5 ore fa:Calabria del nord-est a rischio sismico 2: contro i terremoti prevenzione e prontezza
9 ore fa:Patto di Stabilità, per Ferrara (M5s) «soffocherà i cittadini. Votarlo significa tradire l'Italia»
8 ore fa:Trebisacce, tutto pronto per il concorso letterario "Il Liceo dona"

Grande successo per la I edizione del Festival delle Contrade Ospitali ad Altomonte

1 minuti di lettura

ALTOMONTE - Si è appena conclusa con successo la I edizione del Festival delle Contrade Ospitali nella contrada Montino di Altomonte. Un’iniziativa fortemente voluta dal Presidente dell'Accademia Sapori del Sole, Filiberto Belmonte, e sostenuta dall'Amministrazione comunale.

«Un pomeriggio e una serata – si legge nella nota stampa - in cui si è respirato aria di campagna e si è avuta l’occasione di incontrare le realtà contadine che animano quei luoghi così speciali, con momenti di aggregazione spontanea a cui molti non sono più abituati, circondati da un ambiente agreste, pieno di vitalità e passione: a testimoniarlo c'erano una ventina di stand degli operatori economici locali e delle aziende agricole del territorio. Non è frequente che oggi si organizzino incontri ed eventi in contesti rurali, con aree interne che invece si scoprono dotate di grande vitalità e potenzialità».

L'invito è stato accolto anche da molti rappresentanti istituzionali, nonché da esperti e cultori delle tradizioni enogastronomiche. Anche la politica era presente, il sindaco di Altomonte Giampietro Coppola, l'ex Senatrice ed imprenditrice Michela Caligiuri e l’Assessore regionale con delega all'Agricoltura, Gianluca Gallo.

Sono stati poi i tecnici a descrivere da esperti ciò che i territori coinvolti sono in grado di produrre: vino, mandorle, albicocche, olio extravergine, miele e carni, anche di suini allevati allo stato brado, oltre alle tante altre produzioni locali di altissima qualità, dotate di grandi potenzialità e di ottime prospettive di successo sul mercato nazionale ed estero. Poi un riferimento anche al marketing e la valorizzazione delle produzioni tradizionali e di nicchia calabresi.

A concludere la serata, prima della prosecuzione della festa, con balli e canti tradizionali, oltre alla degustazione di piatti tipici e bontà stagionali, ci ha pensato l'Assessore regionale con delega all'Agricoltura, Gianluca Gallo, che «con precisa puntualità ha enumerato i tanti investimenti previsti nell'ambito della comunicazione e della promozione delle filiere più importanti di questa regione, oltre a sottolineare l'importanza dell'investimento in attività formative per i giovani operatori dell'agroalimentare».

A supporto della prospettiva illustrata dall'Assessore Gallo è intervenuto anche Giorgio Durante, che ha suggerito un approccio alla formazione decisamente sistematico e integrato anche rispetto a quelle che sono le peculiarità delle tecniche agrarie.

Rita Rizzuti
Autore: Rita Rizzuti

Nata nel 1994, laureata in Scienze Filosofiche, ho studiato Editoria e Marketing Digitale. Amo leggere e tutto ciò che riguarda la parola e il linguaggio. Le profonde questioni umane mi affascinano e mi tormentano. Difendo sempre le mie idee.