6 ore fa:«Servirà un green pass anche per andare in bagno?» la provocazione di Sapia
1 ora fa:Anselmo Torchia è il neo segretario regionale di Noi Di Centro Mastella Calabria
1 ora fa:Co-Ro, minorenne arrestato per droga
5 ore fa:Macrito nuovo segretario della Uil-pa vigili del fuoco Cosenza nel ricordo indelebile di Bonaventura Ferri
2 ore fa:Ahmed Semmah della CorriCastrovillari conquista il primo posto al Meeting Nazionale Indoor di Ancona
34 minuti fa:«Il Super Green Pass favorisce il tracollo delle piccole e medie imprese»
5 ore fa:La Calabria si sveglia e trema: un terremoto di 4.3 magnitudo ha fatto tremare gran parte della regione
4 ore fa:Lotta alla criminalità, a Cassano la videosorveglianza sarà a servizio di tutte le forze dell'ordine
3 ore fa:Maltrattava la giovane moglie, arrestato un 35enne di Trebisacce
4 ore fa:Ricettazione di auto e spaccio di droga, vasta operazione della Polizia stradale

Riapertura ospedale Cariati, ieri sopralluogo tecnico dell'Asp ma il vero enigma è il personale

2 minuti di lettura

CARIATI - «Penso proprio che questa sia la volta buona». Poche e semplici parole quelle pronunciate dal Commissario dell'Asp di Cosenza, Vincenzo La Regina, al termine del sopralluogo tecnico nel nosocomio di Cariati effettuato ieri mattina. Una visita che dovrebbe aprire la strada, ormai definitiva, verso la riapertura del nosocomio del "Vittorio Cosentino", pronto ad essere convertito in questa prima fase di Covid Hospital per la cura dei pazienti affetti da Sars-Cov-2. 

Ad accompagnare il commissario La Regina anche  il direttore dell'unità operativa complessa della Gestione tecnico-patrimoniale dell'Azienda sanitaria, Antonio Capristo, che già a partire da domani ha programmato una serie di interventi volti a "preparare" al meglio la struttura per ospitare i malati (piccoli interventi strutturali e la gestione logistica delle attrezzature medico-sanitarie). Insomma, si alimenta una concreta speranza che il nosocomio cariatese a 12 anni dalla chiusura possa ritornare a vivere e a erogare servizi. Del resto, anche su questo è stato chiarissimo il governatore Roberto Occhiuto, che ha rinnovato la ferma volontà da parte della Regione di restituire al territorio un ospedale essenziale nelle dinamiche sanitarie della Calabria del nord est.

Tutto bene ma resta un grande, fondato e arrovellante dilemma: quale sarà il personale che sarà impiegato nella struttura sanitaria, già a partire da questa prima fase covid? Sappiamo per certo che al momento le uniche professionali che potrebbero essere subito pronte da assumere sono gli operatorio socio-sanitari, disponibili anche da graduatorie di altre Asp regionali. Se si avviasse un concorso in tempi rapidissimi potrebbero essere assunti anche nuovi infermieri. Ma i medici? C'è una penuria di figure professionali che interessa tutta Italia e la Calabria, ricordiamo, quando è stato il tempo di assumere (nei mesi scorsi) è rimasta a guardare. Ed è questo il vero grande problema, perché senza medici sarà difficile aprire una nuova struttura sanitaria o ospedaliera.

Intanto, però, è giusto nutrire ottimismo. Ed è quello che stanno facendo i comitati civici per la riapertura del "Vittorio Cosentino" che sono in trincea da oltre un decennio. E che oggi vedono uno spiraglio di luce verso la conclusione della loro vertenza.

«Accogliamo positivamente la visita del Commissario Asp di Cosenza, Vincenzo La Regina, all'ospedale "Vittorio Cosentino" di Cariati» scrivono. «Si tratta di un nuovo, chiaro segnale che sta proseguendo nella giusta direzione della riapertura del nostro ospedale».

I Comitati fanno leva sui quanto dichiarato dall'Unità di Crisi regionale che per l'assistenza di pazienti Covid a bassa intensità ha previsto di attivare 20 posti letto in area medica nel presidio di Cariati. «Dovrebbero essere attivati in tempi strettissimi con le necessarie attrezzature e grazie al personale che sarà reso disponibile da strutture Asp».

«Questo è quanto andava fatto - scrivono dal Comitato - e che noi stiamo sollecitando da un anno, rimanendo inascoltati. Il nostro rammarico è per il tempo perso, ma ora finalmente è arrivata la risposta, anche se parziale, alla pandemia, che in questo territorio dilaga in misura di gran lunga maggiore rispetto alle precedenti ondate».

«Ci sono voluti ben undici anni, e l'inefficacia del piano Covid sull'ospedale di Rossano, per capire che la struttura ospedaliera di Cariati è funzionale a questa e a tante altre risposte che il nostro territorio, sempre più affamato di sanità, sta aspettando».

«Il momento, ne siamo convinti, è favorevole all'obiettivo che ci siamo dati dal novembre 2020, quando abbiamo occupato simbolicamente il "Vittorio Cosentino": l'inserimento del nostro presidio sanitario nella rete ospedaliera per acuti, come ospedale di zona disagiata, con l'attivazione dei servizi di emergenza-urgenza, che potranno finalmente salvare vite umane».

«Restiamo in vigile attesa - concludono - sperando di non dover affrontare ulteriori delusioni o qualche "colpo di coda" che possa annullare i risultati finora ottenuti. Ci aspettiamo che il Presidente della Regione, nonché Commissario Occhiuto mantenga i suoi impegni, che dovranno essere confermati entro il prossimo mese di Marzo, con il giusto inserimento dell'Ospedale di Cariati nel Piano operativo regionale».

Marco Lefosse
Autore: Marco Lefosse

Classe 1982, è schietto, Idealista e padre innamorato. Giornalista pubblicista dal 2011. Appena diciottenne scrive alcuni contributi sulla giovane destra calabrese per Linea e per i settimanali il Borghese e lo Stato. A gennaio del 2004 inizia a muovere i passi nei quotidiani regionali. Collabora con il Quotidiano della Calabria. Nel 2006 accoglie con entusiasmo l’invito dell’allora direttore de La Provincia, Genevieve Makaping, ad entrare nella squadra della redazione ionica. Nel 2008 scrive per Calabria Ora. Nell’aprile 2018 entra a far parte della redazione di LaC come corrispondente per i territori dell’alto Jonio calabrese. Dall’1 giugno del 2020, accoglie con piacere ed entusiasmo l’invito dell’editore di guidare l’Eco Dello Jonio, prestigioso canale di informazione della Sibaritide, con una sfida: rigenerare con nuova linfa ed entusiasmo un prodotto editoriale già di per sé alto e importante, continuando a raccontare il territorio senza filtri e sempre dalla parte della gente.