5 ore fa:Calabresi che brillano: Matteo Bonacci è l'Art Director della cantante Laura Pausini
2 ore fa:SS106, sempre più concreta la progettazione sulla Crucoli-Kr-Cz: la Sibaritide ora rischia il sorpasso
3 ore fa:Fondi del Piano Nazionale, occasione di sviluppo per i trasporti calabresi
1 ora fa:Cariati, studenti in piazza per ricordare l’Olocausto e allontanare ogni forma di discriminazione
4 ore fa:Giovane ragazzo legato e segregato in casa dalla mamma: orrore calabrese
5 ore fa:Covid, in Calabria rallenta la curva dei ricoveri ma si registrano altre 8 vittime
7 ore fa:Oli esausti e scarti di officina scaricati nel Crati, scattano denunce e sequestri
2 ore fa:Un francobollo per Giovanni Verga, così Poste italiane omaggia lo scrittore del "verismo"
4 ore fa:Campionato italiano Bocce, al via la serie A2 di raffa: 4 squadre calabresi pronte a stupire e a far divertire
4 ore fa:Una goccia di "Mambisa" per sconfiggere il Covid: Nato il vaccino a somministrazione nasale

Nicola Gratteri possibile nuovo procuratore nazionale antimafia

1 minuti di lettura

ROMA – Aperto dal Csm il concorso alla successione di Federico Cafiero De Raho, vertice della procura nazionale antimafia che andrà in pensione.

Il plenum di Palazzo dei marescialli domani approverà il bando. È possibile fare richiesta di domanda dal 13 ottobre sino all’11 di novembre. Potranno presentare domanda i magistrati con una certa anzianità professionale, vista la richiesta della quinta valutazione di professionalità.

Per avere le diverse candidature dunque bisognerà aspettare un anno. Tra le possibili, ci sono quelle del capo della procura di Catanzaro Gratteri e del procuratore di Palermo Francesco Lo Voi.

La successione di Cafiero De Raho si intreccia però con altre nomine importanti che il Csm deve definire e che potrebbero influenzarne l’esito. Nella complessa partita si inserisce anche la nomina del nuovo procuratore di Milano.

(Fonte foto la repubblica)

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.