7:01 pm:Corigliano-Rossano, Opposizione: «Crati, Scuola ed Emergenza Sanitaria aspettiamo ancora il Consiglio Comunale»
7:01 pm:Da martedì 26 Altomonte sarà fuori dalla zona rossa. Finisce un incubo
7:30 pm:Esondazione Crati, Protezione civile comunale a lavoro per ripristinare l'argine
5:01 pm:Bevacqua (Pd): «Dal centrodestra collezione di flop. Andiamo al voto al più presto!»
6:01 pm:Altomonte, Comune impegnato a ripristinare i danni provocati dal maltempo
8:01 pm:Da Vaccarizzo Albanese il primo birrificio agricolo di Calabria e del sud Italia: la storia di Natale e Pierluigi Godino
5:01 pm:COSA SUCCEDE IN CITTÀ (puntata 1) - Esonda il Crati. Ingenti danni e cittadini evacuati
7:01 pm:Civita, Iuele chiede la diretta streaming dei lavori consiliari
6:01 pm:Crati, Sammarro (Azione): «Le nostre proposte inascoltate e il fiume esonda ancora. Inaccettabile»
6:01 pm:Cassano, le Terme Sibarite restano aperte anche in zona rossa

Agatina Giudiceandrea: «La scuola c’è e ci sarà sempre per la cura dei suoi allievi»

2 minuti di lettura
In questo periodo di pandemia, numerose sono le difficoltà che le famiglie e i ragazzi devono affrontare con la didattica a distanza (DAD). La Dirigente dell’Istituto Comprensivo di Cariati Agatina Giudiceandrea invia una lettera aperta per esprimere e condividere il suo stato d’animo in questo momento così difficile. «Carissimi, come avrete appreso, per le disposizioni dell’ordinanza sindacale del 24.11.2020, conseguente all’aumento dei contagi da Covid-19 anche nella nostra cittadina, dovremo proseguire le attività didattiche con modalità a distanza almeno fino al 3 dicembre. Un provvedimento che si è reso necessario, e che certamente va nella direzione della tutela della salute di noi tutti, nella cosiddetta nuova “ondata” che ha determinato un aggravamento della situazione generale. Sento, pertanto, di condividere con voi le ansie e le preoccupazioni di questo tempo difficile, che ci sta mettendo davvero a dura prova; ma anche di esprimere i miei più affettuosi sentimenti di vicinanza alle famiglie degli alunni, e di qualche docente, colpite dal “nemico invisibile” o si trovano a fronteggiarlo in quarantena. Purtroppo il Covid non è colpa di nessuno, né deve diventare fattore di discriminazione o pregiudizio verso chi ne è colpito, spesso duramente; restare “umani” è un dovere, non solo un invito, in questo momento, da parte mia. Estendo la mia solidarietà a ciascun componente della nostra comunità scolastica, di cui comprendo le difficoltà quotidiane di fronte alle restrizioni e al cambiamento dell’intero sistema di vita; fra queste, il fatto di dover vivere la scuola a distanza, e per la didattica, con una modalità, la DAD, che nel nostro Istituto coinvolge quasi seicento, fra bambini e ragazzi dei tre gradi d’istruzione. Tengo a sottolineare che in questa seconda fase è partita con molti miglioramenti, grazie alla competenza e alla dedizione da parte di voi docenti, costantemente impegnati a garantire la continuità e la qualità dell’istruzione, in modo che nessuno resti escluso; ma anche all’ammirevole partecipazione di voi alunni, sostenuti e incoraggiati dalle famiglie. Il vostro apporto si conferma validissimo in questa sfida tanto impegnativa impostaci di nuovo dal Coronavirus. Sappiamo bene che la DAD non potrà mai sostituire la scuola in presenza, fatta di relazioni, ambienti, di modelli di comportamento; siamo comunque in grado di adempiere alla nostra missione formativa mediante gli strumenti della tecnologia, facendo tesoro delle competenze in nostro possesso e ulteriormente affinate nell’esperienza del lockdown e nelle fasi preventive. Al momento della sospensione delle attività in presenza, lo scorso 16 novembre, l’Istituto Comprensivo aveva, infatti, predisposto un’accurata organizzazione della DAD; ad esempio, con orari pensati in funzione delle diverse età degli allievi, alternando lezioni online a pause per lo studio individuale per non far perdere l’abitudine alla scrittura, allo studio sui testi, alla produzione di propri elaborati. Stare per troppo tempo davanti a uno schermo è un sacrificio che non si può chiedere né ai bambini, né ai ragazzi un po’ più grandi; ma posso ritenermi soddisfatta: la maggior parte delle classi procede spedita, con i giovani studenti ben integrati nella scuola virtuale, mentre altre stanno ancora calibrando le loro necessità ai tempi e ai modi della nuova didattica. Termino con l’auspicio di un ritorno tra i banchi il più rapido possibile; nel frattempo vi chiedo di continuare a collaborare, come state facendo, guardando più all’interesse generale della scuola che all’esigenza singola, sapendo che la scuola c’è come c’è sempre stata e si prende cura dei suoi allievi seguendo indicazioni scientifiche e la normativa vigente, senza improvvisare nulla. E con l’invito a osservare con la massima attenzione le regole di prevenzione, che potranno non solo sottrarci al pericolo del contagio, ma anche favorire il ritorno alla normalità. Sono certa che ne usciremo, presto, perché insieme siamo e saremo una forza. Con stima e affetto».  
Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.