12 ore fa:Domani è allerta gialla su Sibaritide-Pollino: si prevedono neve e forti mareggiate
10 ore fa:Senza riscaldamenti: ferma la protesta del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Castrovillari
13 ore fa:Per i Comuni dell’Esaro Pollino la sanità è «una vera e propria emergenza»
13 ore fa:Piano europeo della lotta contro il cancro: proiettato a Bruxelles il film “Io resto qua”
13 ore fa:Caso tesseramenti Pd Calabria, Palopoli: «Io cancellato dagli elenchi. Qualcuno ha agito per interesse»
11 ore fa:Il Maestro pizzaiolo Tangari (Pedro's) ospite all'Official Opening Party Festival di Sanremo '23
12 ore fa:Facoltà di Archeologia: serve un distaccamento nella Sibaritide
12 ore fa:Manager finlandesi innamorati di Mi ‘Ndujo: «Fast food calabrese pronto a conquistare il mondo»
1 minuto fa:Trebisacce, lavori di riqualificazione per rendere il lungomare cittadino ancora più distintivo
10 ore fa:Meteo nella Sibaritide, previsioni in peggioramento: attesa la neve nei centri storici di Corigliano e Rossano

Asilo dell'orrore a Cariati, le violenze - VIDEO

Oltre cinquanta gli episodi finiti nel fascicolo d’indagine

«Sono immagini toccanti quelle che abbiamo visto – ha dichiarato il procuratore di Castrovillari Eugenio Facciolla a proposito di quanto accaduto in un asilo privato di Cariati, oggi balzato agli onori delle cronache –. Nel corso della mia carriera ne ho viste diverse di vicende ma mai così gravi. Queste strutture così come quelle ospitano anziani e persone che non sono in grado di autodifendersi vanno controllate meglio.  Il legislatore deve intervenire per introdurre sorveglianza all’interno di queste strutture. Noi molte cose le scopriamo per caso. Chissà quante cose invece sfuggono al nostro controllo». Oltre agli episodi di violenza fisica, le due donne si sarebbero anche rese responsabili di una serie di rimproveri immotivati, spesso accompagnati da ingiurie e minacce, anche di morte, nonché comportamenti oppressivi ed umilianti nei confronti dei bambini. Il ricorso alla violenza era, secondo gli inquirenti, sistematico e quotidiano, tanto che le piccole vittime, vedendo avvicinarsi le insegnanti, si coprivano il volto intimoriti, temendo le percosse.
IL VIDEO