7 ore fa:«Meno povertà e più benessere». Prevenire lo spreco alimentare
3 ore fa: Concorsi al comune di Cariati, osservazioni e proposte dell’ex amministratore Salvati
1 ora fa:Sottrae senza consenso le figlie minori al padre: il tribunale ordina il loro rientro nella casa paterna
2 ore fa:VOLLEY MASCHILE - Sconfitta per Perla di Calabria contro la capolista Bisignano
4 ore fa:Don Ciro, il sacerdote che fece conoscere il Codex Purpureus Rossanensis al mondo
1 ora fa:Questa sera brillerà nel cielo la Luna Piena della Neve! Pronti per lo spettacolo?
5 ore fa:Antonio Benvenuto: insegnante, giornalista, scrittore ed editore
10 minuti fa:La Calabria a Casa Sanremo, dal 9 febbraio al PalaFiori per promuovere la pesca e l'agricoltura
40 minuti fa:Senza pianificazione non c’è sviluppo: verso un Masterplan del territorio
2 ore fa:Nasce un comitato civico per avviare una class action contro le bollette del Consorzio di Bonifica

A Longobucco la sagra della "cuccìa" rigorosamente cotta “ntra pignata” . Ecco quando

1 minuti di lettura

LONGOBUCCO - Nel comune dell’entroterra calabrese si terrà una sagra tanto attesa quanto partecipata e molto sentita: parliamo della Sagra della Cuccìa, organizzata dall’associazione v.e.s.c.a ed avrà luogo in Largo Sfera dalle ore 18.00 in poi il 12 dicembre.  Oltre alla “cuccia” saranno presenti molti fritti della tradizione e della buona sangria.

La "cuccìa" è un piatto tipico ed esclusivo del nostro territorio. Non si conosce l'origine di questo piatto, soprannominato piatto dei poveri, ma si ha la certezza che questa tradizione si tramanda da più di un secolo in occasione della festa di Santa Lucia che si celebra il 13 dicembreLa cuccìa deriva dal nome coicos, chicchi o grani, la stessa radice linguistica di “cuscusu”. L’usanza di fare il grano cotto è una delle tradizioni più antiche della storia e della alimentazione della cucina calabrese. Oggi, quella più conosciuta è la versione della cuccìa dolce ma all'origine, la cuccìa era solo grano bollito, condita con l’olio. In alcune parti della Calabria è usanza prepararla con il miele o con il vino cotto (“U must cott”).

Per preparare il piatto si mette il grano in un pentolone, più conosciuto in dialetto come “A pignata", con aggiunta di acqua e si fa bollire per circa due o tre ore. Un altro buon consiglio per degustare la "cuccia" è prelevarla dal pentolone con un mestolo, metterla in un piatto con un pizzico di sale e mangiarla con un buon bicchiere di vino, rigorosamente locale oppure con il cioccolato!

(Fonte foto ricette di sicilia.site) 

Veronica Gradilone
Autore: Veronica Gradilone

25 anni. Laureata in scienze della comunicazione. Laureanda magistrale in comunicazione e tecnologie dell’informazione. Mi piace raccontare le storie, non mi piace raccontare la mia