2 ore fa:La Vignetta dell'Eco
5 ore fa:Maltempo, a Co-Ro allerta gialla confermata anche per domani: resta alta l’attenzione su tutto il territorio
3 ore fa:«Dietro ogni femminicidio c'è tutto il dolore, il trauma, la solitudine e la difficoltà di chi resta»
1 ora fa:In Calabria le sale slot chiudano a mezzanotte
4 ore fa:Cosenza celebra il 75esimo Anniversario della nascita della Polizia Stradale
1 ora fa:Sulla Strada Statale 106 bagarre tra le forze politiche
5 ore fa:Polizia, settimana di controlli: 234 infrazioni al Codice della Strada, 7 auto sequestrate e 9 patenti ritirate
4 ore fa:Identità e ritorno alla terra, riparte il format "Fatti Food"
2 ore fa:Oggi è la giornata dell’Olivo. Per la Sibaritide dovrebbe essere la ricorrenza per eccellenza e invece…
3 ore fa:Ponte sullo Stretto, Sofo e Nesci (FdI) chiedono di inserirlo automaticamente nella rete Ten-T

Emergenza rifiuti a Co-Ro, la missiva di Stasi: «Servono interventi urgenti»

1 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO - «Oggi ho inviato una nuova missiva al dirigente del dipartimento ambiente della Regione Calabria, dottor Siviglia, ed al Commissario Straordinario dell'Autorità regionale rifiuti e risorse idriche, ingegner Gualtieri, sulle ulteriori criticità del sistema rifiuti che stanno facendo inesorabilmente tornare i cumuli di rifiuti sulle nostre strade.  Ho chiesto quindi interventi urgenti, tenendo conto del fatto che la stagione estiva è stata superata anche grazie alla significativa disponibilità dimostrata dalla città e dall'amministrazione comunale, compresa l'emanazione di alcune ordinanze».

Lo scrive in un comunicato stampa il sindaco di Corigliano-Rossano, Flavio Stasi.

«La missiva ha fatto seguito a quella già inviata il 19 settembre con la quale si esprimeva profonda preoccupazione per i segnali di incertezza dei conferimenti che si sta già palesando presso gli impianti al servizio del circuito pubblico. Preoccupazione, purtroppo, che rischia di concretizzarsi. È chiaro ed evidente, però, che la questione del sistema rifiuti non possa essere affrontata solo sotto il profilo tecnico, anche alla luce della riforma della governance approntata recentemente dal consiglio regionale, su proposta del Presidente Occhiuto, e non ancora attuata».

«Credo sia opportuno ed urgente aprire un confronto tra le Ato e presidente della Regione, finalizzato a condividere delle risposte concrete che, nelle more dell'attuazione della Legge Regionale 10/2022, consentano ai comuni di non ricadere nell'ennesima emergenza igienico-sanitaria. Un'emergenza purtroppo prossima. La politica e le istituzioni possono e devono assumersi la responsabilità di individuare insieme delle soluzioni che evitino di continuare a mortificare i territori».

Veronica Gradilone
Autore: Veronica Gradilone

25 anni. Laureata in scienze della comunicazione. Laureanda magistrale in comunicazione e tecnologie dell’informazione. Mi piace raccontare le storie, non mi piace raccontare la mia