21 ore fa:La Vignetta dell'Eco
2 ore fa:Per il CoRo Family Fest arriva "Zampalesta, u cane tempesta"
21 ore fa:Un’immersione nelle acque calabresi alla scoperta del Piroscafo Torino
20 ore fa:La Calabria sotto i riflettori della Rai: domani la prima delle due puntate di “Linea Verde”
20 ore fa:"Legalità' e sicurezza in Calabria": Europa Verde-Verdi esprime soddisfazione per l'approvazione del progetto
5 ore fa:8 ore e 35 minuti da Reggio Calabria a Sibari, in una regione che vuole fare turismo. Ma fate sul serio?
20 ore fa:Il comune di Villapiana, è all'esame della Corte dei Conti
21 ore fa:“Il Coraggio della Vergogna”: a dieci anni dalla presentazione del libro di Carlo Di Noia
3 ore fa:Inizia la movida estiva a Co-Ro ma la strada di Fabrizio Piccolo è piena di immondizia
4 ore fa:U' San Giuvanni e quell'antico "patto" del comparaggio che nasce da... U' Pùpulu

I bambini di Cassano saranno in contatto con l'astronauta Samantha Cristoforetti

2 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO - «Spazio e Ambiente, Il Cielo Itinerante e Unicef Italia insieme in un viaggio di 10 tappe in 7 regioni per promuovere le materie scientifiche e i temi della sostenibilità ambientale. L’Astronauta ESsa e Ambasciatrice dell’Unicef Italia Samantha Cristoforetti – si legge in una nota – lancerà speciali quiz dedicati ai bambini. L’obiettivo del progetto – continua la nota – è avvicinare bambine e bambini che vivono in contesti di povertà educativa e/o di disagio ambientale allo studio delle materie Stem – ovvero le discipline scientifiche e tecnologiche – e ai temi della sostenibilità. Dopo la partecipazione al “Forcella Brilla Lab” dello scorso anno, l’Unicef Italia parteciperà a “Italia Brilla”, con laboratori didattici in un viaggio di 6 mesi, sviluppato in 10 tappe in 7 regioni d’Italia. La prima tappa parte oggi, 26 aprile, a Spilimbergo, in Friuli Venezia Giulia, dove l’Unicef Italia ha già attivo il progetto “Lost in Education” selezionato da ‘Con i Bambini’ nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile. Il viaggio, che verrà effettuato con un pulmino e 4 telescopi, proseguirà poi a Bologna, Prato, Gualdo Tadino, Roccagorga, Taranto, Cassano allo Ionio, Selinunte, Novara di Sicilia e Napoli – l’ultima tappa dell’intero tour. Il progetto verrà realizzato in collaborazione con Asi, l’Agenzia Spaziale Italiana.

“Come diventare astronauta in un giorno”, uno dei laboratori previsti

«Nel corso degli appuntamenti, l’Unicef Italia accoglierà le bambine e i bambini con una speciale caccia al tesoro dal titolo “Lanciamoci verso uno spazio sostenibile” con l’obiettivo di introdurre e sensibilizzare sull’importanza della sostenibilità ambientale. A seguire, i partecipanti diventeranno protagonisti di due laboratori pratici: il primo, “Astrokids – Astronauti per un giorno”, per scoprire il processo di selezione per diventare astronauti, nonché come si vive sulla Stazione Spaziale Internazionale. Il secondo laboratorio approfondirà un aspetto scientifico legato a costellazioni, comete, o razzi. La giornata si concluderà con l’osservazione del cielo, grazie a telescopi professionali ed il supporto di astronomi professionisti dell’INAF (Istituto Nazionale di Astrofisica). Inoltre, l’Unicfef Italia supporterà Il Cielo Itinerante nei “Quiz dallo Spazio”, un progetto nato dalla collaborazione con Esa – European Space Agency, che vedrà protagonista l’Astronauta e Goodwill Ambassador dell’Unicef Italia Samantha Cristoforetti, la quale nel corso della missione spaziale dell’Esa Minerva racconterà alle bambine e ai bambini cosa succede in una Stazione Spaziale Internazionale e li coinvolgerà in attività social, invitandoli a risolvere quiz e sfide relative al tema dello spazio, sulla pagina Instagram de Il Cielo itinerante. A partire dal 14 aprile e tutti i giovedì verrà lanciato un quiz diverso, compreso uno che collegherà il tema dello spazio a quello della sostenibilità ambientale. “Lavorare per i bambini è da sempre la nostra missione. Italia Brilla rappresenta per noi dell’Unicef un’ulteriore occasione per essere tra e con i bambini, per ascoltarli, stimolarli, sensibilizzarli sulle tematiche che li riguardano. Siamo felici di poter dare il nostro contributo in questo progetto” – ha dichiarato Carmela Pace, Presidente dell’Unicef Italia. “Inoltre, rivolgo un ringraziamento speciale all’Ambasciatrice dell’Unicef Italia Samantha Cristoforetti per aver dimostrato ancora una volta grande attenzione e sensibilità verso i bambini più vulnerabili.”

“La possibilità di scoprire il cielo e avvicinare i ragazzi alla scienza attraverso il gioco può mettere in atto una trasformazione profonda. La voglia di proiettarsi in avanti e immaginare per sé stessi prospettive nuove. Sì, un telescopio può fare piccole magie”, ha detto Ersilia Vaudo, presidente Il Cielo Itinerante.

“Fin dai tempi più antichi, alzare lo sguardo e guardare il cielo è stato simbolo di progresso, di avanzamento, di curiosità. Vogliamo che i ragazzi provino le stesse emozioni guardando in un telescopio e speriamo che questo inneschi in loro proprio la voglia di quel cambiamento, per il Paese e, in primis, per loro stessi” ha dichiarato Alessia Mosca, vice presidente Il Cielo Itinerante. “È importante che i ragazzi dispongano degli strumenti necessari per maturare la capacità di guardare al mondo con spirito critico, così da poter partecipare alla vita collettiva in modo consapevole. Tra questi strumenti non può mancare la capacità di comprendere il linguaggio della scienza” ha detto Giovanna dell’Erba, vice presidente Il Cielo Itinerante».

(fonte Corriere della Calabria)

Francesca Sapia
Autore: Francesca Sapia

Ha due lauree: una in Scienze politiche e relazioni internazionali, l'altra in Intelligence e analisi del rischio. Una persona poliedrica e dall'animo artistico. Ha curato le rassegne di arti e cultura per diversi Comuni e ancora oggi è promotrice di tanti eventi di arti visive