5 ore fa:Polizia, settimana di controlli: 234 infrazioni al Codice della Strada, 7 auto sequestrate e 9 patenti ritirate
5 ore fa:Maltempo, a Co-Ro allerta gialla confermata anche per domani: resta alta l’attenzione su tutto il territorio
1 ora fa:In Calabria le sale slot chiudano a mezzanotte
3 ore fa:«Dietro ogni femminicidio c'è tutto il dolore, il trauma, la solitudine e la difficoltà di chi resta»
3 ore fa:Ponte sullo Stretto, Sofo e Nesci (FdI) chiedono di inserirlo automaticamente nella rete Ten-T
4 ore fa:Cosenza celebra il 75esimo Anniversario della nascita della Polizia Stradale
4 ore fa:Identità e ritorno alla terra, riparte il format "Fatti Food"
1 ora fa:Sulla Strada Statale 106 bagarre tra le forze politiche
2 ore fa:Oggi è la giornata dell’Olivo. Per la Sibaritide dovrebbe essere la ricorrenza per eccellenza e invece…
2 ore fa:La Vignetta dell'Eco

"La diversità come opportunità": gli studenti di Mandatoriccio dedicano una giornata all'inclusione

1 minuti di lettura

MANDATORICCIO – Entusiasmo per l’iniziativa dell’Istituto Comprensivo di Mandatoriccio, dove alunni, insegnanti, genitori, operatori scolastici, parteciperanno alla Giornata dei calzini spaiati: per un giorno si indosseranno i calzini senza guardare il loro colore, la forma, i disegni, la lunghezza. Essere liberi di poter sbagliare i calzini da inossare senza avere paura di essere puniti, derisi o esclusi, è il fulcro del messaggio di questa iniziativa che nasce negli istituti scolastici di Udine ben 12 anni fa e ormai diffuso su tutto il territorio nazionale.

La dirigente scolastica Mirella Pacifico non rinuncia a nessuna opportunità di poter portare gli alunni verso una visione più aperta ed inclusiva dei contesti sociali. Ogni iniziativa volta all’inclusione è altamente educativa. Dello stesso avviso il consigliere nazionale, nonché referente per la Calabria della Società italiana di Sociologia, Antonio Iapichino, che sintetizza al meglio il valore dell’inclusione e della diversità, con queste parole: «I valori della diversità e dell'inclusione e, indirettamente dell’accoglienza, con l’adozione di appositi modelli, in grado di adattarsi in base ai singoli contesti, a prescindere dal proprio credo religioso, politico-partitico e calcistico rappresentano un valore aggiunto. Facendo di queste attitudini un vero e proprio stile di vita, miglioreremo gli standard qualitativi della società e implicitamente, anche la qualità della nostra vita”.

Francesca Sapia
Autore: Francesca Sapia

Ha due lauree: una in Scienze politiche e relazioni internazionali, l'altra in Intelligence e analisi del rischio. Una persona poliedrica e dall'animo artistico. Ha curato le rassegne di arti e cultura per diversi Comuni e ancora oggi è promotrice di tanti eventi di arti visive