2 ore fa:Ritorna Autori d'(A)mare: domenica 23 giugno arriva Serena Bortone
19 ore fa:Giuseppe Pallone su Rai 2 sarà protagonista della Performer Cup
21 ore fa:Campana, presto verrà rifatta parte della rete idrica comunale
22 ore fa:Scatta la mobilitazione di Coldiretti Calabria: «Basta cinghiali e fauna selvatica»
20 ore fa:La Vignetta dell'Eco
3 ore fa:Viaggio tra i Feudi della Sila Greca - Il Feudo di Cariati: dai Borgia agli Spinelli
4 ore fa:Cosa si dice nella Calabria del nord-est: una settimana di notizie
21 ore fa:Ora bisogna aprire una vertenza generazionale
5 ore fa:Odissea 2000, 30 anni di identità turistica. Montesanto: « Un modello a cui ispirarsi»
10 minuti fa:San Basile: il neo eletto sindaco Filippo Tocco vara la giunta

Bonus alimentare a Co-Ro, la denuncia di Smurra (FNA): «Disagi nell’invio della domanda online»

1 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO - «Le file interminabili fuori dagli sportelli dei patronati e dei centri di assistenza fiscale di questi giorni, dimostrano purtroppo quello che avevamo previsto e segnalato al Sindaco di Corigliano – Rossano già qualche settimana fa. Il disagio, tanto per i cittadini quanto per gli uffici presi letteralmente d’assalto per la presentazione della domanda dei buoni di solidarietà alimentare e di sostegno per il pagamento dei canoni di locazione e delle utenze domestiche, è dovuto alla modalità di presentazione dell’istanza in modalità telematica».

È quanto denuncia Mario Smurra, vice segretario nazionale della Federazione Nazionale Agricoltori (FNA) invitando nuovamente l’Amministrazione Comunale a valutare la possibilità, così come hanno fatto la maggior parte dei comuni dell’hinterland, di accettare le domande nella versione tradizionale cartacea, favorendo così le famiglie più bisognose e con ISEE basso e non l’ordine di presentazione della stessa.

«Non tutti, oltre tutto, sono dotati di SPID (Sistema Pubblico di identità Digitale) e non tutti, specialmente se si tratta di persone anziane o abbienti, possiedono uno scanner per trasferire digitalmente gli allegati. Non siamo contro la tecnologia – chiarisce Smurra – ma è anche vero che un momento come quello che stiamo attraversando, non consente di poter tollerare forme di assembramento, come quelle a cui stiamo assistendo e disattenzione, in particolare, verso queste categorie più fragili». 

«Adottando il metodo della versione cartacea – prosegue il vicesegretario nazionale FNA – gli altri comuni hanno già definito le domande negli scorsi mesi di dicembre e gennaio; a Corigliano – Rossano siamo a febbraio e la gente, ammassata fuori dagli uffici, chiede supporto e aiuto per candidarsi ad ottenere il contributo. Chiediamo un’inversione di rotta – conclude – per tutelare i reali bisogni di queste famiglie». 

Veronica Gradilone
Autore: Veronica Gradilone

26 anni. Laurea bis in Comunicazione e Tecnologie dell’Informazione. Mi piace raccontare le storie, non mi piace raccontare la mia