5 ore fa:Nasce la filiera Wedding targata Confapi Calabria. Al timone il noto wedding planner calabrese, Danilo Di Marco
1 ora fa:A Co-Ro arriva Giobbe Covatta con lo spettacolo “Sei gradi”
4 ore fa:Trebisacce, l'Accademia musicale Gustav Mahler organizza un concerto all'alba sul mare
2 ore fa:A quattro anni dalla tragedia del Raganello, Civita ricorda le dieci vittime
4 ore fa:Peppino di Capri ammaliato da Sibari e dalla Calabria. In mille all'arena dei Laghi per applaudire il cantautore
3 ore fa:Renato Converso e Umberto Romano protagonisti di “Due Amici, un Castello” a Roseto Capo Spulico
1 ora fa:Un nuovo difensore centrale e un portiere per il Castrovillari Calcio
3 ore fa:Store monomarca della Liquirizia Amarelli, Empio Malara suggerisce di partire da Cosenza
42 minuti fa:La Collegiata di Maria Maddalena a Morano, la chiesa definita Museo
2 ore fa:A Cassano intitolata una strada a Raffaele Sbarra che perse la vita sulla Statale 106

Le opere dell'artista longobucchese Beppe Stasi protagoniste nella serie Netflix di Ficarra e Picone

1 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO - È da poco uscita in anteprima su Netflix la nuova serie tv "Incastrati", la comedy-crime in sei puntate del duo comico Ficarra e Picone.

Una serie "tutta siciliana", dalle ambientazioni (girata principalmente a Palermo e dintorni) alla storia, che ritrae una mafia dai toni quasi surreali, all'accento dichiaratamente siculo. Ma "Incastrati" ha anche, è il caso di dire, un tocco di "calabresità".

In alcune scene della serie, si possono infatti intravedere le opere pittoriche di Beppe Stasi, giovane artista calabrese, già autore di diverse mostre personali e collettive internazionali, e da poco nominato Direttore didattico del Museo del Fumetto di Cosenza.

Non si tratta della prima apparizione delle opere di Stasi nella cinematografia. Già nel 2020, l'artista cosentino di Longobucco, aveva "prestato" le sue opere alla scenografia del thriller psicologico "Weekend" di Riccardo Grandi.  Ed ancora per il cinema ha realizzato le sculture e le scenografie del film Constitutional Circus di Berardo Carboni. La ricerca pittorica incentrata sul ritratto e sulla figura femminile realizzata tramite la "liquidità del colore" che lo ha portato ad esporre in numerose gallerie italiane ed estere, ora invece, ha portato Stasi ad essere apprezzato anche sul grande schermo.

Veronica Gradilone
Autore: Veronica Gradilone

25 anni. Laureata in scienze della comunicazione. Laureanda magistrale in comunicazione e tecnologie dell'informazione. Mi piace raccontare le storie, non mi piace raccontare la mia