2 ore fa:VOLLEY MASCHILE - Domani la Finale Regionale Under 19
3 ore fa:Perciaccante: «Poter sentire lo Stato al fianco degli imprenditori è molto importante»
3 ore fa:A Cassano Jonio «il disastro della sanità è sotto gli occhi di tutti»
5 ore fa:Diritto alla Salute, continuano le manifestazione Cgil. Prossimo appuntamento il 25 maggio
6 ore fa:Patir, un modo diverso di vivere e valorizzare i luoghi - VIDEO
1 ora fa:Patto di Stabilità, per Ferrara (M5s) «soffocherà i cittadini. Votarlo significa tradire l'Italia»
1 ora fa:Francesco Paolantoni chiude la stagione teatrale di Cassano Jonio
58 minuti fa:Trebisacce, tutto pronto per il concorso letterario "Il Liceo dona"
4 ore fa:Amendolara sale in cattedra all'Università di Pisa
4 ore fa:Infrastrutture tratta jonica, Rapani illustra i «risultati tangibili»

Cinque anni fa la tragedia del Raganello, il ricordo delle vittime e un dolore che non si placa

1 minuti di lettura

CIVITA - Una messa di suffragio e un dolore che non si placa. Oggi Civita ricorda le dieci vittime della piena del Raganello a cinque anni esatti dalla tragedia che funestò la Calabria e l’Italia: la celebrazione è in programma nella Chiesa Parrocchiale “Santa Maria Assunta”.

La liturgia in particolare sarà dedicata alle dieci vittime – tra escursionisti e turisti –  i cui nomi restano scolpiti nella memoria collettiva: Antonio Santapaola e Carmen Tammaro, la cui figlioletta fu salvata dagli uomini del Soccorso alpino, Myriam Mezzolla e Claudia Giampiero, Paola Romagnoli, Gianfranco Fumarola, Carlo Maurici e Valentina Venditti, Imma Marrazzo e Antonio De Rasis, la guida del gruppo, originaria di Cerchiara.

Il 20 agosto 2018 fa furono travolti da un’onda provocata da uno sbarramento a monte e da una improvvisa e violenta pioggia: una massa d’acqua impressionante si accumulò a causa dei detriti accumulati e al cedimento della “diga” e si scaricò sugli escursionisti presenti in quel momento nelle gole del torrente.

Per tanti sono rimaste impresse le drammatiche immagini dei soccorsi proseguiti fino a notte inoltrata, le bare in fila nella palestra della scuola di Civita, lo strazio dei parenti delle vittime che ancora non si danno pace, le polemiche sul sistema di allerta meteo, l’inchiesta giudiziaria con il sequestro del sito e il processo a Castrovillari (nel “Raganello bis” c’è stato il proscioglimento di sindaci e amministratori).

Una tragedia che ancora non ha trovato la sua conclusione, una ferita che resterà probabilmente aperta per sempre. «Quanto avvenne quel funesto giorno è per noi qualcosa che non dimenticheremo mai, cosi come saremo sempre vicini al dolore incommensurabile dei familiari delle dieci vittime», ha dichiarato il sindaco di Civita, Alessandro Tocci, nell’annunciare l’odierna commemorazione. Ma nelle parole del sindaco anche la voglia di guardare al futuro: Tocci infatti ha ufficialmente chiesto il dissequestro delle Gole del Raganello e la loro riapertura «per evitare che la mia comunità muoia».

 

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.