18 ore fa:Rocca Imperiale nel Decennio francese, il Risorgimento e l’Unità d’Italia
1 ora fa:Trebisacce, l'Avis comunale cambia sede ma si cerca una struttura per l'accreditamento
1 ora fa:Proteste d'estate a Co-Ro, disoccupati arroccati sul tetto della scuola: chiedono lavoro
1 ora fa:Nel centro storico di Rossano, il successo della magica "Notte di San Giovanni"
1 ora fa:Sul lungomare di Co-Ro «cantieri e disagi di ogni tipo affossano il settore turistico»
17 ore fa:Schiavonea, Polizia locale in azione: maxi sequestro di migliaia di bijoux
16 ore fa:"Quella sera a Parigi" di Isabella Freccia è una storia d'amore che si divide tra passione e nostalgia
44 minuti fa:L’emergenza criminalità nella Sibaritide-Pollino approda in Commissione regionale anti 'ndrangheta
14 minuti fa:Avevano rubato l'auto con cui la mamma accompagnava la figlia disabile: ritrovata dai carabinieri
19 ore fa:A Trebisacce nasce un emporio solidale per far fronte alla crisi e alla povertà

«Arrivare a Civita è un'odissea»: Tiziana e il sogno di tornare a vivere in Calabria

1 minuti di lettura

CIVITA - «Mia madre è anziana e vive da sola a Civita. Io lì ho una casa di proprietà e i miei figli, cresciuti con me a Verona, sono innamorati della Calabria. A lavoro mi è stato proposto un contratto in smart working. Tutto questo mi ha portato a riflettere sul futuro mio e della mia famiglia. Potrei tornare a vivere nella Regione dei miei genitori, potrei pensare di crescere i miei figli in questa splendida terra, ma i disagi che affronto ogni qual volta ho necessità di spostarmi mi frenano, mi spaventano e cancellano ogni visione idilliaca di vivere in un piccolo borgo».

Sono colme di amarezza le parole di Tiziana Perrone. I disservizi sono tanti ogni volta che deve affrontare il viaggio da Verona a Civita e non solo.

I prezzi degli autobus sono sempre più proibitivi, per non parlare delle tante ore di viaggio da affrontare. I due aeroporti più vicini (Bari e Lamezia) non sono affatto ben collegati e ogni volta bisogna chiedere passaggi in auto ad amici o parenti perché le coincidenze con gli autobus o i treni sono in orari scomodi.

«Mi è capitato di prenotare un volo da Verona a Bari. Chiedere un passaggio da Bari a Taranto, per poi prendere un autobus alle 3,50 del mattino per arrivare a Sibari e poi attendere altre due ore la coincidenza per Castrovillari e, infine arrivare a Civita dopo innumerevoli ore di viaggio e cambi: un’odissea».

La voglia di tornare in Calabria c’è… ma c’è anche il timore di consegnare i figli ad un futuro di “immobilità”.

«Gli amici di mio figlio – continua - vorrebbero raggiungerlo per le vacanze, ma anche loro sono titubanti per via dei collegamenti. È impensabile voler far decollare una regione in questo contesto, sia dal punto di vista turistico, che per una probabile “emigrazione di ritorno” che possa popolare i piccoli paesini dell’entroterra. Non basta la bellezza dei luoghi, il mare o il buon cibo. Sono necessari i servizi e i collegamenti».

No, non basta il calore della tua gente, i sapori della tua terra, né il profumo della zagara. Non si vive di sola poesia. Servono treni, autobus, strade. Serve un cambio di mentalità.

Giusi Grilletta
Autore: Giusi Grilletta

Da sempre impegnata in attività per il prossimo, è curiosa, gentile e sensibile. Laureata in Scienze Umanistiche per la Comunicazione, consegue la magistrale in Teoria e Metodi per la Comunicazione presso l’Università degli Studi di Milano. Continua oggi i suoi studi in Pedagogia per ampliare le sue conoscenze. Ha lavorato presso agenzie di comunicazione (Lenin Montesanto Comunicazione e Lobbing) e editori calabresi (Falco Editore). Si è occupata di elaborare comunicati stampa, gestire pagine social, raccogliere e selezionare articoli per rassegne, correggere bozze e valutare testi inediti. Collabora come specialista SEO e comunicazione presso sviluppatori di siti internet. Appassionata di scrittura, partecipa a corsi creativi presso il Giffoni Film Festival e coltiva la sua passione scrivendo ancora oggi racconti (editi Ilfilorosso) che trasforma in audio-racconti pubblicati sul suo canale YouTube. Ama la letteratura, l’arte, il teatro e la cucina.