1 ora fa:Trebisacce, nuovi dubbi e interrogativi sulla riapertura dell'ospedale Chidichimo: «Penalizzato»
2 ore fa:Bomba incendiaria nel cantiere della scuola di Nubrica, ferma condanna dell'Amministrazione comunale
3 ore fa:Facoltà di Medicina all'Unical: si parte già dall'anno accademico 2021-2022
4 ore fa:Statale 106, incidente a Frasso Amarelli: centauro e automobilista feriti
2 ore fa:COSA SUCCEDE IN CITTA - 3,2,1... È arrivata l'estate. Siamo pronti?
4 ore fa:Agostinelli è presidente dell’Autorità di Sistema portuale dei Mari Tirreno Meridionale e Ionio
1 ora fa:Cariati, E-state in fiera dal 29 giugno al 15 settembre sul lungomare Colombo
2 ore fa:Un'estate al mare anche per i nostri amici a 4 zampe!
3 ore fa:Covid, in Calabria si contano 77 nuovi positivi - TUTTI I NUMERI DEL CONTAGIO
2 ore fa:«I Livelli essenziali di assistenza (Lea) in Calabria sono sotto la media. Necessario intervenire»

Il sogno di Giovanni e Maria: portare un po' di Cariati nel cuore della Germania

1 minuti di lettura

WINTERBACH – Quando si lascia il proprio paese di origine e ci si trasferisce per lavoro in un’altra nazione, spesso si vorrebbe portare con sé un po' di “casa”, un po' di quella atmosfera tutta calabrese di convivialità e spensieratezza che caratterizza le lunghe tavolate del sud.

Ed è proprio con questo intento che Giovanni Curia e Maria Gentile hanno aperto “Il pescatore”, un rinomato ristorante di pesce nel cuore di uno dei verdi boschi del Baden Württenberg.

«Il nostro progetto – ci raccontano – è nato per portare Cariati in Germania e far conoscere le nostre origini e la nostra cultura marinara».

E sicuramente questo loro progetto è piaciuto a molti. Tanti i tedeschi che si sono seduti e siedono ai loro tavoli, tanti i premi ricevuti (4 stelle dalla critica giornalistica tedesca; Forchetta d'argento; Guru ristorante più visitato nel web) e molti i giornali sui quali sono comparse recensioni di questo caratteristico ristorante nel quale si trova un muro fotografico unico al mondo sul quale sono visibili 1000 foto che ritraggono i marinai cariatesi, primo emigrati in Germania negli anni ’50.

Tutto, nel loro locale, richiama quel mondo: dalle reti da pesca che decorano il soffitto al gozzo sorrentino di sei metri che troneggia nel locale.  Ma quello che più di tutto è cariatese è la cucina: tradizionale e marinara, con le ricette tipiche degli antenati gelosamente custodite come il tesoro più prezioso.  

«Noi siamo figli di pescatori, - raccontano - veniamo entrambi da due grandi famiglie marinare di Cariati e proprio alla nostra Città siamo fortemente legati. Anche se a distanza, vogliamo lottare per lei. Ci piacerebbe vedere un'altra volta brillare quella che è stata un tempo la perla dello Jonio».

L’orgoglio, la nostalgia e la voglia di rivalsa. Sentimenti che accomunano non solo Giovanni e Maria, ma tutti gli emigrati che hanno lasciato la propria terra per cercare fortuna altrove, ma che a quella terra resteranno per sempre legati da sentimenti profondi.

Giusi Grilletta
Autore: Giusi Grilletta

Da sempre impegnata in attività per il prossimo, è curiosa, gentile e sensibile. Laureata in Scienze Umanistiche per la Comunicazione, consegue la magistrale in Teoria e Metodi per la Comunicazione presso l’Università degli Studi di Milano. Continua oggi i suoi studi in Pedagogia per ampliare le sue conoscenze. Ha lavorato presso agenzie di comunicazione (Lenin Montesanto Comunicazione e Lobbing) e editori calabresi (Falco Editore). Si è occupata di elaborare comunicati stampa, gestire pagine social, raccogliere e selezionare articoli per rassegne, correggere bozze e valutare testi inediti. Collabora come specialista SEO e comunicazione presso sviluppatori di siti internet. Appassionata di scrittura, partecipa a corsi creativi presso il Giffoni Film Festival e coltiva la sua passione scrivendo ancora oggi racconti (editi Ilfilorosso) che trasforma in audio-racconti pubblicati sul suo canale YouTube. Ama la letteratura, l’arte, il teatro e la cucina.