6 ore fa:Identità pop, sensibilità artistica rara: il calabrese Luigi Strangis vince Amici '22
Ieri:Trebisacce 22, "Il Big Ben ha detto stop": ecco chi c'è ma soprattutto chi mancherà nella bagarre elettorale
Ieri:Senza retorica, l'insegnamento di Aldo Moro è più vivo che mai
14 ore fa:Giovanni Filagato, l’antipapa rossanese che salì sulla Cattedra di San Pietro
11 ore fa:La Superluna di maggio: ecco quando sarà la spettacolare eclissi totale
20 ore fa:Covid e le «strategie idonee» in supporto dei più fragili: la Regione incontra i medici
21 ore fa:Tribunale a Co-Ro: c'è poco tempo ma «finalmente» la certezza di una classe politica compatta
19 ore fa:I Compagna da Longobucco, la famiglia che "dominò" su Corigliano. Ma fu davvero così?
18 ore fa:Bernini e quei sette capolavori artistici che “lasciò” in eredità a Morano Calabro
12 ore fa:L'alta valle del Colognati: un paradiso di biodiversità

Scoperto dal Corpo Forestale fabbricato in difformità nel Parco del Pollino

1 minuti di lettura
COMUNICATO STAMPA Il  Comando Stazione Forestale di Sant’Agata di Esaro, in località "Casiglia" del Comune di San Sosti, ha proceduto nei giorni scorsi al sequestro penale di un fienile costruito in totale difformità.  Durante i controlli, disposti dal Coordinamento Territoriale per l’Ambiente con sede a Rotonda (PZ), sulla regolarità delle autorizzazioni rilasciate dal Settore Tecnico dell'Ente Parco Nazionale del Pollino, i Forestali del  Comando Stazione competente hanno accertato delle discrasie rispetto a quanto riportato dal progettista del manufatto, verificando nel contempo  l’inosservanza alle speciali prescrizioni contenute sul documento autorizzativo. La struttura del manufatto sequestrato è costituita da travature metalliche del tipo omega con copertura in  lamiera zincata semplice ed insiste su un’area di proprietà comunale detenuta in enfiteusi dalla coppia di sansostesi che sembra abbia eseguito i lavori in economia. Seppur autorizzata alla "Ricostruzione fabbricato con struttura in legno adibito ad uso fienile", in verità i trasgressori hanno realizzato una struttura edile difforme, costituita da travi in ferro e copertura in lamiera ed un cancello con pilastri metallici a servizio del predetto manufatto entrambi abusivi.  La pattuglia sopra citata coadiuvata dal Reparto di San Donato di Ninea, ha eseguito ulteriori accertamenti con l’acquisizione degli atti presenti presso l’UTC del Comune di San Sosti. Nel corso delle indagini è emerso che il progettista/direttore dei lavori si era già dimesso in precedenza. Le disposizioni del C.T.A., sul controllo delle Autorizzazioni rilasciate dal Parco partecipano al cosiddetto “Ciclo della Performance”, così da perfezionare l’azione dell’Ente nel rispetto della trasparenza, accessibilità, tempestività ed efficacia che prevede, infatti, un sistema di monitoraggio continuo cui compartecipa il C.F.S.., il concetto rientra nella definizione degli Standard di Qualità che individuano un adeguato sistema di monitoraggio successivamente al rilascio delle autorizzazioni ai sensi delle “Misure di Salvaguardia”, di cui all’Allegato A del DPR istitutivo dell’Ente (DPR 15 novembre 1993).
Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.