15 ore fa:In Calabria attivo il numero antiviolenza e stalking 1552
9 ore fa:Teatro, musica e cinema: l'Unical porta in scena un cartellone dal grande respiro artistico
8 ore fa:“Linea Bianca” in Sila per una puntata dedicata ai tesori delle montagne calabresi
11 ore fa:Amedeo Fusco racconta Frida Kahlo a Venezia
12 ore fa:Igiene ambientale, Tavernise (M5S): «A Crosia si calpesta la dignità dei lavoratori»
12 ore fa:Una delegazione di agricoltori calabresi pronti a partire per Bruxelles 
17 ore fa:La Sibari-Co-Ro costerà 975milioni di euro: «E i soldi già ci sono»
16 ore fa:Il Movimento 5 Stelle apre la campagna elettorale con un incontro su "Sud, lavoro ed Europa"
9 ore fa:Studenti della Tieri in visita ai cantieri del nuovo ospedale. Occhiuto li rassicura: «Concluderemo i lavori entro la terza media!»
10 ore fa:Unical: Sfiduciato il Presidente del Consiglio degli Studenti Gregorio Collia

Rossano, stanno distruggendo la montagna. Continuano i tagli abusivi a Vivaio Cerasaro

1 minuti di lettura
di REDAZIONE [gallery link="file" columns="5" ids="13518,13517,13516,13515,13514,13510,13511,13512,13513"] Proseguono senza interruzione i tagli abusivi a danno del prezioso patrimonio montano. Continuano alla luce del sole, a pochi metri dalle strade che dal centro storico di Rossano portano al Patire ed in Sila. Querce tagliate senza alcune pietà, senza alcun criterio, illegalmente, per soli interessi economici di pochi. Indisturbatamente. E troppo spesso impunemente. L'ultima azione di sciacallaggio e di distruzione dei boschi di cui la montagna di Rossano è ricchissima è stata documentata nella mattinata di domenica scorsa (19 luglio 2015), in località Vivaio Cerasaro. I tagli erano oltre che evidenti, recentissimi. Molti dei tronchi tagliati, nel momento in cui le foto sono state scattate, erano ancora lì pronti per esser forse caricati furtivamente in qualche mezzo, più o meno camuffato, destinato al commercio. Impedire questo scempio inaccettabile e questa distruzione sistematica della montagna, violentata da gente senza scrupoli, sta arrecando danni irreparabili alla natura, sta aumentando esponenzialmente i rischi di alluvione e di dissesto idrogeologico a valle e sta azzerando progressivamente uno dei potenziali turistici ed economici più importanti seppur ad oggi inutilizzati o ignorati di Rossano e del territorio. Ci auguriamo che tutte le istituzioni e le autorità competenti avvertano come prioritaria l'esigenza di attivare ogni ulteriore forma di controllo e repressione, stoppando la dilapidazione quotidiana e criminale di una delle più importanti ricchezze della Sibaritide.
Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.