8 ore fa:Sapia replica a Rapani: «Occorre elevare il livello della politica parlando di progetti e obiettivi»
10 ore fa:Servizi Sociali Cariati, indetto avviso pubblico per short list di esperti
7 ore fa:Inaugurata una sede di "Villapiana Futura" nello Scalo cittadino
7 ore fa: IC Crosia primo classificato al Concorso Nazionale “Agri-coltura: costruiamo l’atlante dei Paesaggi Rurali italiani”
11 ore fa:Mimmo Bevacqua presenta il suo libro “La mia forza è la moderazione”
9 ore fa:La Filt Cgil Calabria promuove la formazione di giovani ferrovieri
10 ore fa:La Calabria è uno scrigno di biodiversità. «Una carta vincente per a nostra Regione»
8 ore fa:Strada Statale 106, primo confronto tra la Regione e l'associazione "Basta Vittime"
6 ore fa:Viaggi di istruzione, un altro autobus fermato alla partenza per carenza di requisiti
9 ore fa:A Cosenza il seminario "Didattica digitale: a che punto siamo? Prospettive per il futuro"

Concessione contributi, la Regione premia le imprese che resistono alla 'ndrangheta

1 minuti di lettura

CATANZARO - «Con il recente avviso pubblico regionale per la concessione di contributi alle imprese che realizzano progetti di internazionalizzazione, la Regione Calabria ha introdotto, per la prima volta, il criterio della premialità a vantaggio delle imprese che resistono alla criminalità organizzata». 

Lo afferma Pietro Molinaro, presidente della Commissione Consiliare antindrangheta, che così continua: «È il primo effetto della legge regionale 51/2023 ispirata dall'imprenditore Nino De Masi ed approvata dal Consiglio regionale. L'avviso è pubblicato sul portale regionale "CalabriaEuropa" e prevede che nell'assegnazione dei punteggi per ottenere il contributo pubblico, siano riconosciuti 10 punti alle imprese che attestano di essere state vittime di atti di criminalità organizzata, fatti usurari ed estorsivi o di aver assunto nei procedimenti penali ad essi relativi il ruolo di testimoni di giustizia». 

«La novità - prosegue Molinaro - oltre ad avere una valenza concreta, ha anche un valore simbolico molto rilevante.  Si tratta di dare un riconoscimento chiaro di vicinanza e sostegno alle imprese che hanno avuto il merito ed il coraggio di non piegarsi alle richieste della criminalità organizzata ed hanno scelto la strada della denuncia e della legalità. Una chiara "scelta di campo" contro la criminalità organizzata, contro i condizionamenti al sistema produttivo, un pilastro di una legislazione regionale che è in prima linea a livello nazionale».

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.