16 ore fa:Teatro, musica e cinema: l'Unical porta in scena un cartellone dal grande respiro artistico
19 ore fa:Una delegazione di agricoltori calabresi pronti a partire per Bruxelles 
1 ora fa:È morto Tonino Mundo, uno dei leoni socialisti dello Jonio
3 ore fa:Le Lampare Bjc lanciano un appello al Sindaco Minò contro la chiusura della rete ferroviaria jonica
18 ore fa:Amedeo Fusco racconta Frida Kahlo a Venezia
15 ore fa:“Linea Bianca” in Sila per una puntata dedicata ai tesori delle montagne calabresi
1 ora fa:Tra le "Miglior Tesi di Laurea" della Iuav di Venezia c'è quella del rossanese Giulio Gigliotti
14 minuti fa:«Altro che due settimane...» per il Trenino della Sila si prospettano tempi lunghi
17 ore fa:Unical: Sfiduciato il Presidente del Consiglio degli Studenti Gregorio Collia
16 ore fa:Studenti della Tieri in visita ai cantieri del nuovo ospedale. Occhiuto li rassicura: «Concluderemo i lavori entro la terza media!»

La Regione Calabria commissaria il comune di Saracena per l'opposizione all'adesione ad Arrical

1 minuti di lettura

SARACENA - Continua il pugno duro della Regione Calabria nei confronti dei comuni che non hanno aderito ad Arrical (la nuova Autorità Rifuiti e Risorse Idriche Calabria) e dunque anche per il comune di Saracena.

«Apprendiamo dagli organi di stampa - commenta il sindaco Renzo Russo nella seduta odierna della Giunta Regionale - che è stato nominato un Commissario ad Acta incaricato di sostituirsi al Consiglio Comunale inadempiente. Una decisione che arriva nonostante le interlocuzioni avute con la Presidenza della Regione e con il commissario Gualtieri nei mesi scorsi e che evidenzia come la Giunta Regionale non abbia accolto le nostre richieste e di far aderire il nostro Comune ad Arrical contro la nostra volontà». 

Nei mesi scorsi, così come negli anni passati, l'amministrazione di Saracena si è opposta all'adesione all'Autorità regionale per l'acqua «per una serie di motivazioni, tra cui la necessità di salvaguardare - ha aggiunto Renzo Russo - la nostra autonomia in termini di gestione dell'acqua in tutte le sue fasi e la necessità di non aderire ad un sistema di gestione "centralizzato" di cui attualmente non si conoscono le modalità operative. Il nostro comune gestisce autonomamente l'intero ciclo, dalla captazione dalle sorgenti, all'adduzione alla rete cittadina, alla distribuzione tramite i nostri impianti, fino alla depurazione gestita dalla nostra Azienda Speciale: un modello virtuoso che sarebbe stato giusto continuare a tutelare in ossequio all'art. 147, comma 2 bis, del D.Lgs 152/2006».

«La decisione di oggi - conclude - amplifica l'amarezza ma siamo altresì consapevoli di aver interpretato e rappresentato al meglio quella che da sempre è la volontà del popolo di Saracena, che continueremo a difendere nelle sedi opportune non appena riceveremo le comunicazioni ufficiali e dopo una valutazione delle condizioni per continuare a chiedere il riconoscimento della nostra autonomia su un bene, come l'acqua, così prezioso per una comunità».

Rita Rizzuti
Autore: Rita Rizzuti

Nata nel 1994, laureata in Scienze Filosofiche, ho studiato Editoria e Marketing Digitale. Amo leggere e tutto ciò che riguarda la parola e il linguaggio. Le profonde questioni umane mi affascinano e mi tormentano. Difendo sempre le mie idee.