14 ore fa:Equilibri territoriali
59 minuti fa:Co-Ro Futura, elettrificazione jonica: «Altro che successo, i lavori dovevano essere chiusi già da 4 anni»
29 minuti fa:Carceri Calabria, Scutellà (M5S): «Carenza agenti allarmante»
15 ore fa:Sila3Vette 2024 Winter Challenge, il fascino della Sila tra due mari
17 ore fa:L'associazione Apparté ricorda Fabrizio De Andrè a 25 anni dalla scomparsa
19 ore fa:Sci nordico, domenica si torna a gareggiare in Calabria per il "Quinto Trofeo Altopiano della Sila"
2 ore fa:Amore malato, arrestato un 21enne che perseguitava la ex minorenne
17 ore fa:Nuovo Ospedale, Occhiuto «stanzia le risorse» per completare opera
1 ora fa:Ancora un'aggressione in carcere: detenuto in partenza si scaglia contro un poliziotto
19 ore fa:Avanzata una proposta di legge per istituire "Agenzia Regionale per l'energia della Calabria"

Crisi politica a Trebisacce: l'Opposizione chiede le dimissioni del sindaco Aurelio

1 minuti di lettura

TREBISACCE - Continua la crisi politica a Trebisacce. Dopo la precisazione (ultieriore) dei consiglieri Claudio Roseto, Daniela Nigro, Carlotta Andriolo e del presidente del Consiglio comunale Salvatore Carlomagno che prendono le distanze dal "loro" sindaco ma non si dimettono, ecco il punto di vista del consigliere di Opposizione “Gruppo insieme si può”, Domenica De Marco.

«Onestamente pensavo che fosse più semplice dare un contributo alla crescita del proprio paese, ritenendo che anche dall’opposizione si possa contribuire a migliorare le scelte della maggioranza e quindi essere costruttivi. Però mi chiedo dopo quindici mesi di legislatura se i miei pensieri, non solo non siano consoni ma possono essere attuali e in qualche misura applicati».

«Abbiamo cercato di dare un contributo costruttivo, segnalando carenze e disservizi, denunciando abusi e formulando proposte. A dire la verità tutto è rimasto come prima, non avendo mai ricevuto o percepito riscontro. Ora capisco i dissapori all’interno della maggioranza e questa crisi politica che poi è la conseguenza di rapporti personali lacerati e soprattutto dell’assenza di comunione tra intenti. Oggi il paese è all’abbandono. Non lo dico io che può sembrare di parte in quanto opposizione, ma basta girare e parlare con la gente per rendersi conto. Il distacco con i cittadini è notevole. Allora mi chiedo di nuovo: «È meglio continuare a campare, anziché porre fine ad un’esperienza politica inefficace ed inesistente, oppure dare la possibilità ai cittadini di poter scegliere di nuovo un’amministrazione che sia capace di intraprendere al meglio le istanze dei cittadini, dare risposte ai problemi e soprattutto dare un’immagine nuova di una cittadina moderna e ambiziosa come vuole essere Trebisacce»?

«Il tempo passa inesorabile e Trebisacce sta pagando un prezzo altissimo, sia in termini di progettazione, programmazione, efficienza e soprattutto di immagine distrutta in soli pochi mesi. Prenda atto che non ha più maggioranza senza giocare a chi avrebbe la responsabilità della caduta dell’amministrazione. I cittadini non aspettano altro e mai come ora sarebbero contenti di avere il commissario».

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.