2 ore fa:Inizia la movida estiva a Co-Ro ma la strada di Fabrizio Piccolo è piena di immondizia
19 ore fa:La Calabria sotto i riflettori della Rai: domani la prima delle due puntate di “Linea Verde”
1 ora fa:Per il CoRo Family Fest arriva "Zampalesta, u cane tempesta"
20 ore fa:La Vignetta dell'Eco
19 ore fa:Il comune di Villapiana, è all'esame della Corte dei Conti
4 ore fa:8 ore e 35 minuti da Reggio Calabria a Sibari, in una regione che vuole fare turismo. Ma fate sul serio?
3 ore fa:U' San Giuvanni e quell'antico "patto" del comparaggio che nasce da... U' Pùpulu
20 ore fa:“Il Coraggio della Vergogna”: a dieci anni dalla presentazione del libro di Carlo Di Noia
20 ore fa:Un’immersione nelle acque calabresi alla scoperta del Piroscafo Torino
19 ore fa:"Legalità' e sicurezza in Calabria": Europa Verde-Verdi esprime soddisfazione per l'approvazione del progetto

Approvata la proposta di legge sul vincolo idrogeologico, un risultato che premia il gioco di squadra

2 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO - «Riveste vitale importanza la seduta odierna della quarta Commissione Regionale – assetto e utilizzazione del territorio e protezione dell’ambiente, della quale ricopro il ruolo di segretario, poiché è stato conseguito un risultato che premia il gioco di squadra e l’attenzione profusa alle istanze dei tempi presenti, nella giusta contemperanza con il rispetto che si deve al territorio alle sue vocazioni. È stata infatti approvata la proposta di legge n.58/12^, di iniziativa dei colleghi consiglieri Cirillo e Raso recante “disposizioni in materia di vincolo idrogeologico", sulla quale siamo stati chiamati a confrontarci. Vitale importanza perché deriveranno numerosi e qualitativamente validi benefici per i cittadini, in quanto il testo prevede lo snellimento delle procedure burocratiche attualmente vigenti in materia e la responsabilizzazione, nel medesimo ambito, dei comuni, chiamati ad assolvere ad alcuni adempimenti utili al perseguimento delle singole pratiche inoltrate. Celerità ed efficacia, dunque, sono i capisaldi di questa iniziativa istituzionale, che mira a garantire servizi e risposte esaustive al cittadino nell’ottica del soddisfacimento del sempre primario bene pubblico, in questo caso della tutela e della salvaguardia del territorio». È quanto dichiara, in una nota, Pasqualina Straface, consigliere regionale di Forza Italia. «Il testo all’esame odierno della Commissione, una volta approvato dal Consiglio Regionale, andrà ad incidere profondamente sulle mutate esigenze frattanto sopraggiunte nel tempo, modificando l’attuale impianto legislativo che risulta essere obsoleto e farraginoso. La Legge regionale del 12 ottobre 2012, n. 45, afferente la “gestione, tutela e valorizzazione del patrimonio forestale regionale”, difatti, all’atto della sua promulgazione mirava a fissare delle regole certe in materia ambientale, preservando l’integrità dei luoghi e la basilare funzione pubblica della Regione Calabria a ciò deputata. Ebbene, oggi, non possiamo tuttavia esimerci dal constatare come il medesimo testo normativo, a distanza ormai di 10 anni dalla sua entrata in vigore, presenti persistenti ed evidenti elementi di rigidità che richiedono, ogni qualvolta si verifichi la sussistenza di condizioni soggette al vincolo idrogeologico, le preposte autorizzazioni per intervenire in merito. Al contrario, la proposta di legge è orientata alla più normale fruizione in materia di concessioni, facendo venire meno i suddetti elementi di irrigidimento vigenti senza mai inficiare la tutela dei territori. Il fine primario e ultimo al contempo dell’impianto normativo innovativo è, difatti, quello di snellire tutte le attività di piccola edilizia, ossia gli interventi di modesta entità per i quali non si ravvede la necessità di procedure altrimenti lunghe e dispendiose. L’obiettivo che si intende perseguire, dunque, non s’esaurisce in questo pur solo importante risultato. Da un lato, si realizzerebbe un vero e proprio sgravio di mole di lavoro attualmente in carico ai competenti uffici, con lo snellimento del 30-40% delle medesime pratiche; dall’altro, si andrebbe ad attuare in modo tangibile l’accelerazione dei procedimenti per il rilascio delle necessarie autorizzazioni edilizie e relativi “ecobonus”. Altro aspetto da sottolineare è quello di carattere finanziario. Dall’attuazione del testo normativo non deriva alcun onere finanziario a carico della Regione poiché si creano delle deroghe con una riduzione del lavoro, abbattendo il lavoro degli uffici regionali trasferendolo in parte alle amministrazioni comunali, senza ulteriore aggravio di lavoro o tempo. Preminente, pertanto, diventa il ruolo e le funzioni degli enti locali. Il testo legislativo – spiega Straface – ha come oggetto la finalità di velocizzare l’iter ammnistrativo per il rilascio dell’autorizzazione nelle aree sottoposte a vincolo idrogeologico, per le opere di modesta entità che comportano limitati movimenti di terreno, delegando ai comuni il rilascio di alcune tipologie di autorizzazione. Sono inoltre delegate ai comuni le funzioni amministrative relative al rilascio di autorizzazioni in materia di vincolo idrogeologico per interventi e attività che comportino in aree agricole movimenti terra non superiori a 500 metri cubi. Tutelare l’ambiente, quindi, seppur nell’ottica della semplificazione e nel contenimento della tempistica autorizzativa». 

(Fonte comunicato stampa) 

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.