4 ore fa:Esplorare la Sila facendo trekking… con gli asini
3 ore fa:Emessi oggi due francobolli dedicati al Santo Natale
2 ore fa:Buone notizie per gli impianti di Lorica, Ferrara (M5s): «Si lavori per la definitiva e immediata apertura»
4 ore fa:Castrovillari, rimandato lo spettacolo del 4 dicembre. Prossimo appuntamento il 14 con Donatella Finocchiaro
3 ore fa:Il Tar Calabria boccia il ricorso contro il Referendum sulla fusione
1 ora fa:Festività natalizie, controlli più serrati: il Prefetto di Cosenza prepara il Piano territoriale anti Covid
2 ore fa:Calabria, in arrivo 24.100 dosi di vaccini anti-covid Moderna
3 ore fa:Open day, il Polo Liceale di Rossano si presenta ai futuri studenti
5 ore fa:La Calabria inizia a fare lobbying a Bruxelles, la missione di Occhiuto è una storica inversione di tendenza
3 ore fa:Cassano, 61mila euro per la manutenzione dei parchi e dei giardini comunali

Fondi agricoltura e pesca, Abate rimbrotta Gallo: «Quei fondi non sono regionali»

2 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO - L'intenzione è quella di non fare polemica ma se non lo è, poco ci manca. L'attacco frontale della senatrice Silvana Abate all'indirizzo della Regione Calabria e dell'assessore all'Agricoltura, Gianluca Gallo, sulla gestione dei fondi europei è un voler mettere in chiaro le carte e marcare il territorio. In sostanza, quello che dice la parlamentare eletta tra le fila del Movimento 5 Stelle è che i soldi che in questi mesi si stano "elargendo" al mondo dell'agricoltura e della pesca, in Calabria altro non sono che fondi della Unione Europea assegnati alla regione attraverso un serrato confronto con il Governo italiano e della commissione Agricoltura di cui la stessa senatrice fa parte. Anzi, la Abate dice di più: questi fondi «non sono una dazione per volere o meno della Regione alla quale spetta il compito di verificare e liquidare gli importi». E poi invoca alla «rivoluzione culturale» i cui tempi dovrebbero essere già maturi per arrivare «ad una crescita» dei calabresi. 

«Nelle ultime note diffuse (dalla Regione) - si legge nella nota della Abate - si comunica che sono in arrivo "sostegni" sia per gli agricoltori, in quanto è in corso una liquidazione di circa 77 milioni di euro, tra Domanda unica e Programma di sviluppo rurale (Psr), sia, per i pescatori attraverso il Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca (Feamp)».

Il Psr (Programma di Sviluppo Rurale) è lo strumento di programmazione comunitaria (e quindi europeo) basato su uno dei fondi SIE, il FEASR (Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale). Alla Calabria, per questa misura, dal 2016 al 2020 sono stati assegnati oltre un miliardo di euro. Il Feamp, invece, è il Fondo, anch'esso europeo, per la politica marittima, la pesca e l'acquacoltura ed è uno dei cinque fondi strutturali e di investimento europei (sempre fondi SIE) che si integrano a vicenda e mirano a promuovere una ripresa basata sulla crescita e l'occupazione in Europa e, per il periodo 2014-2020, alla Calabria sono toccati oltre 37milioni di euro.

«Misure, dunque, europee - precisa la senatrice - e a questa premessa va aggiunto anche il fatto che si tratta di un risultato ottenuto grazie alla sinergia istituzionale: pure in Calabria, infatti, questi fondi, sono stati sbloccati grazie alla formula dell'anticipazione voluta dal Governo e ampiamente discussa in Commissione Agricoltura al Senato, di cui faccio parte».

«Parliamo fin qui di un iter "normale", dunque, nessuna straordinarietà. E in Calabria - sottolinea la senatrice - l'operato della Regione, in materia, diventa ancora più normale se si considera che nel 2005 è stato istituito un ente pagatore denominato Arcea (che diverse volte ha creato non pochi problemi agli imprenditori agricoli) e da allora il pagamento di tutte le misure agricole sopra citate, per legge, deve essere autorizzato proprio da Arcea. Anche qui, quindi, nessun evento straordinario».

«Feamp, Feasr e Psr, facendo sintesi, sono misure europee, in accordo col Governo centrale, derivate dalle tasse che i cittadini pagano quindi, se gli agricoltori e i pescatori fanno domanda e ne hanno i requisiti, i relativi finanziamenti gli spettano di diritto. Non sono una dazione per volere o meno della Regione alla quale spetta il compito di verificare e liquidare gli importi».

Poi la polemica. «Purtroppo, però, nella nostra amata Calabria ancora si scambiano i diritti per favori e il dovuto per sostegni e così i casi di normalità diventano delle eccezionalità perché, nel passato, non si è avuto né un minimo di normalità e né di regolarità. Nella nostra Regione, infatti, il livello di consapevolezza dei propri diritti è ancora troppo basso. Ecco perché sostengo che è questo il momento di attuare una rivoluzione culturale ormai necessaria e improcrastinabile».

«Ritengo, e ho sempre sostenuto, che lo sviluppo del territorio passi prima da una evoluzione del pensiero. Anche in altri comparti i diritti dei calabresi sono stati per anni annientati e calpestati dalla vecchia politica e dalle istituzioni preposte. Mi riferisco alla sanità, ai trasporti e alle infrastrutture che hanno fatto diventare la nostra Regione l'ultima d'Europa».

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.