2 ore fa:Rete idrica a Trebisacce: pronti 45.000 euro
4 ore fa:Altro allarme, a Corigliano-Rossano è in sofferenza anche la Pediatria
5 ore fa:Uffici di prossimità, Cassano partecipa alla manifestazione di interesse
5 ore fa:Corigliano-Rossano, il Museo Diocesano presenta il restauro dipinto di San Francesco di Paola
25 minuti fa:Corigliano-Rossano, «Garantire il rispetto della libertà di ciascuno alla propria sessualità»
42 minuti fa:In Calabria pochi tamponi processati e boom di guariti (+666) - TUTTI I NUMERI DEL CONTAGIO
2 ore fa:Luigi de Magistris Presidente, nasce il comitato promotore Corigliano-Rossano
11 minuti fa:Sanità, Turano (FI): «Pronti alle barricate per la difesa dei nostri ospedali»
1 ora fa:Al via alle prenotazioni per gli ultra 40enni anche in Calabria
1 ora fa:Cariati nei borghi autentici d’Italia

Malavolta contro la Regione: «Il sistema portuale calabrese non è solo Gioia Tauro»

1 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO - «Dal sito istituzionale della Regione Calabria, abbiamo appreso esserci grande soddisfazione, da parte dell'assessore alle Infrastrutture regionale, Domenica Catalfamo, per quanto riguarda il trasferimento della proprietà a Rfi del collegamento ferroviario Rosarno-San Ferdinando e del relativo impianto». Questo è quanto si legge nella nota stampa del Comune di Corigliano-Rossano che, ancora, prosegue e aggiunge senza nascondere indignazione: «Grande soddisfazione perché questa iniziativa si inserisce nel rilancio dell'area di Gioia Tauro, si tratta di lavori finanziati dal Pnrr con investimenti per 60 milioni di euro... Ma la rete portuale in Calabria - si precisa ancora - non può essere identificata sempre e solamente con Gioia Tauro.  Niente di male, sia chiaro, ma come terzo comune della Calabria per popolazione, ci chiediamo dove sia la programmazione per il porto di Corigliano-Rossano e aggiungiamo anche per gli altri porti calabresi. Solo il 22 marzo scorso, la stessa Catalfamo, affermava, in seguito alla nomina da parte del ministro Enrico Giovannini, quale presidente dell'Autorità di sistema portuale dell'ammiraglio Agostinelli che: Servono significativi investimenti sui porti di Crotone e Corigliano Rossano».

«Il commissario Agostinelli – era spiegato in una nota del 22 marzo 2021 – ha assicurato che nell'ultimo anno l'Autorità, pur scontando un consistente sottodimensionamento di organico e le ulteriori difficoltà derivanti dalla situazione commissariale, ha concentrato i propri sforzi e tante attività sui porti di Corigliano e Crotone. Il commissario ha anche dichiarato che si proseguirà in questa direzione e che l'Autorità di sistema portuale dovrà anche avviare la pianificazione di competenza che, necessariamente, coinvolgerà anche i Comuni sede dei porti».

 Ad oggi - va avanti la nota del palazzo di città - non sappiamo quasi nulla di questa pianificazione ma scopriamo di consistenti investimenti su Gioia Tauro. Come amministrazione comunale siamo perplessi per la direzione presa dalla Regione e anche per il silenzio degli svariati parlamentari, senatori, sottosegretari in maggioranza al Governo e che dovrebbero rappresentare anche il nostro territorio.

La rete portuale nella regione Calabria non può essere solo Gioia Tauro.

«La Regione ha deciso di investire solo sul porto di Gioia Tauro? Mi auguro che si assuma la responsabilità delle sue scelte - ha commentato il vicesindaco, con delega a Porto e Zes, Claudio Malavolta - la responsabilità di decidere di rinunciare ad avere una rete portuale di tutta la regione Calabria. Gli altri porti calabresi possono svolgere un ruolo molto importante in ambito regionale e nazionale. Invece si decide di ignorarli rinunciando così alla possibilità di uno sviluppo armonico dei trasporti marittimi regionali e snobbando gli sforzi ambientali e le risorse economiche impiegate per la loro realizzazione».

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.