1 ora fa:Sindacato lavoratori poste della Cisl di Cosenza: Confermato Benvenuto come segretario
4 ore fa:A Co-Ro prende il via "Lib(e)riamoci in Città" con la presentazione del libro di Tommaso Greco
2 ore fa:Crosia, inaugurato nella frazione Mirto il centro di raccolta comunale
3 ore fa:La Regione accelera sui vaccini: 18mila somministrazioni a domicilio
50 minuti fa:Innovazione digitale, a Corigliano-Rossano già disponibili i certificati anagrafici on-line
3 ore fa:Perseguitava l'ex compagna, arrestato un agente della Polizia municipale di Corigliano-Rossano
2 ore fa:La Regione al fianco delle aziende florovivaistiche: bando per oltre 800mila euro
3 ore fa: “È tempo di Volley” raccoglie consensi: nasce un’importante sinergia tra IC Tieri e Corigliano Volley
3 ore fa:Lunedì saranno svelati tutti i dettagli dell’atteso Rural Food Festival di Castrovillari
2 ore fa:Corigliano-Rossano, l’ultima “moda” politica: i Consigli comunali on the road

Di vento, di storie e malinconia

2 minuti di lettura

Oggi (sabato) tira vento.

È un vento che scompiglia i capelli e si diverte ad alzare le gonne; che fa volare in aria quei coriandoli dorati gettati per sposi da poco consacrati e li trasforma in pioggia benedicente; che irrompe in folate robuste e improvvise e versa l’acqua dai bicchieri più esili; bagna le ginocchia. Fischia nei microfoni delle piazze, zittisce musici e parlanti. È un attimo, ma basta. Anche lui dice “Io ci sono”. Noi accomodati, organizzati, acconciati (io un po’ meno, in verità; non che sia una novità!), lì compiaciuti, beati, ad attendere l’atteso, a gioire di noi, di riflessioni, amicizie, canzoni senza tempo, rime che conosci e riconosci, non scalfite dai secoli. E lui che si presenta senza invito, a dire la vita che scorre continua, su un binario parallelo a quello della nostra corsa consapevole.

A volte ci sorregge, quando l’aria è ormai stantìa, quando non sai più chi sei, o chi ti è accanto non ti vede e forse in fondo non ti ha mai guardato; per questo non sai se amato. Via di qui, esci, scappa: il vento parla; è il ponente che ti spinge fuori, sbatte porte, apre finestre, scosta le tende a paesaggi dimenticati, trascurati, tralasciati. Ossigeno vitale che entra in corpo tutto insieme a darti respiro; a darti forza. Aria. Fresca, libera, tua. Di nuovo. Pulita. Carica di domani.

A volte ci sconvolge, travolge, abbatte, azzera. Prende le tue cose più care, carte, progetti, oggetti, affetti… e li porta lontano da te, inafferrabili, intrattenibili, non più tuoi. E tu resti inebetito, intontito, attònito senza capire. Almeno per un po’. Tanto in realtà. Finché la smetti di fare contrasto ai venti della vita e ti senti parte tu stesso di quell’etereo impalpabile fluire di correnti, incroci, energie diverse che si misurano tra loro. Alta pressione. Bassa pressione. Ciclone. Anticiclone. E tu in mezzo, particella corporea a cui non bastano le forze per fare attrito. Resistere. Saggio quando impari ad entrare in quell’equilibrio di forze, fisiche. Non solo fisiche.

A volte ci vela gli occhi di nuvole e sabbia, di ricordi; di lunghi bagni a raccontarsi in questo stesso mare quando non sapevi e mai immaginavi; di assenze che i giorni non bastano a colmare. Di tanto altro. Storie vissute o che è solo un caso se non hai vissuto.

Sa portare vicino ciò che è lontano il vento; se vuole. Tuo. Non tuo. O forse non più. O forse sempre. Un’onda mediterranea qui davanti (sei Africa, Grecia, Siria…?) alza la cresta sulle altre, si gonfia, si abbassa, ora rimonta più forte, piena di sé e di anime silenti; ora è schiuma bianca, bianchissima sui miei piedi incerti, in questa ciottolosa spiaggia di fine agosto oggi più pungente che mai di malinconia e respiri corti che si annodano in gola. I ragazzi giocano lontano; la mia bambina più piccola, appena più in là, è anche lei bianca di schiuma; soffice la sua, carica di gioia immensa di vita e di scoperta. Benedizione! La mia, di schiuma, ribolle, mi sembra quasi che pizzichi sulla pelle di sale mentre si disfa e si scioglie, paga di sé, della sua missione,  che forse includeva anche me. O continua con me. Come con te.  Perché la Vita non conclude. E non sa di nomi, la vita. Quest’albero respiro trèmulo di foglie nuove. Sono quest’albero. Albero, nuvola; domani libro o vento: il libro che leggo, il vento che bevo. Grazie, Vitangelo, creatura a me sempre cara della sicula penna pirandelliana.

Alessandra Mazzei
Autore: Alessandra Mazzei

Diploma classico, laurea in Lettere classiche a La Sapienza, Master in Pedagogia, insegue una non facile conciliazione tra bios theoretikos e practikos, dimensione riflessiva e solitaria, e progettualità concreta e socialmente condivisa. Docente di Italiano e Latino, già Assessore alla Cultura e Turismo di Rossano, impegnata in diverse associazioni socio-culturali, ma, prima e più di ogni altra cosa, mamma, felice, di Chiara Stella, Gabriele e Sara Genise. Ha grande fiducia nelle capacità dei giovani, degli studenti, di quelli che poi restano e di quelli che vanno pensando un giorno di tornare. Spera di poter contribuire, insieme a loro e ad amici ottimisti, alla valorizzazione di questa terra di cui sente da sempre la forza delle radici, accanto al bisogno di paesaggi culturali ampi e aperti. Ama la scrittura, che vive, al pari dell’insegnamento, come itinerario di ricerca e crescita personale, da coltivare in forme individuali e collettive.