35 minuti fa:Fillea Cgil sull'alta velocità: «La regione chieda al governo il potenziamento degli interventi di Rfi»
2 ore fa:Federalismo differenziato? I calabresi potrebbero non pagare le bollette dell'elettricità. Ecco perché
19 ore fa:Cgil Longobucco promuove un evento sui diritti delle donne
2 ore fa:A Mirto la prima edizione del Trionto Tarantella Festival
19 ore fa:Mormanno: i tamburi di Monte Cerviero diventano associazione
4 ore fa:La Pro Loco di Trebisacce sfrattata da palazzo Massafra... dopo appena un mese
20 ore fa:A Laino Borgo sta per partire la quinta campagna di scavi archeologici di Santa Gada
5 minuti fa:Il Centro Antiviolenza Fabiana apre le porte ai cittadini per sensibilizzare sui temi della disparità di genere
1 ora fa:Unical ricerca medici altamente qualificati, in programma una nuova call
2 ore fa:Pubblicate le prime gare della Cuc dell'unione dei Comuni Co.Ro. Pnrr

Tra realisti e moralisti... nulla di nuovo nella landa desolata della Sibaritide

2 minuti di lettura

Nella landa desolata della Sibaritide nulla da segnalare. I peones seguono i ritmi lenti dell’attesa, continuando a lavorare a capo chino mentre il sole scotta. Il gringo aspetta sornione, carico di soldi (nessuno sa quanti), sulle alture del canyon mentre un manipolo di desperados rimane guardingo, con il colpo in canna alla Colt, sempre pronto al blitz. Intanto nel saloon il bartender mesce whiskey caustico e un paffuto sceriffo osserva sull’uscio dell’entrata lo scorrere di un tempo che non passa mai.

Baker Hughes, come da programma, stamani ha presentato il progetto industriale che ha in testa per il grande Porto di Corigliano-Rossano, in una sala gremita, a tratti attenta, molto coreografica. Niente di nuovo rispetto a quanto un mese fa avevamo ascoltato a Catanzaro. Ma soprattutto nulla di nuovo sul fronte delle posizioni, che rimangono cristallizzate, tra favorevoli, possibilisti e assolutamente contrari.

Molta teoria, poca sostanza. Tante lezioni, soprattutto di etica e morale civica e ambientale e nessuna soluzione. L’unica soluzione è quella di un progetto che mira, in qualche modo, a contribuire a dare un senso ad una grande infrastruttura che da quando è stata realizzata - cinquant’anni fa – non ha fatto altro che essere ricovero per la marineria peschereccia di Schiavonea. Null’altro.

Il più grande porto dello Jonio, per dimensioni, e il più sottosviluppato del Mediterraneo.

Ora, questi “pazzi” di Baker Hughes vogliono venire qui a fare profitto. Perché – parafrasando il sindaco Stasi - «sicuramente non vengono qui a fare beneficenza». Producono, fanno business. In cambio di cosa? Lo sapremo al termine di una concertazione sulla quale la politica vuole (ma soprattutto deve) puntare tanto. A partire dai posti di lavoro.

Ecco, se oggi i manager di Nuovo Pignone BH sono stati bravissimi a dare un quadro chiaro sull’entità e l’impatto territoriale dell’investimento, lo sono stati meno rispetto all’impatto sociale che questa industria avrà sul fronte occupazionale. Avere un piano industriale senza dare un numero preciso sull’impatto lavorativo, lascia crepe in quel muro di insinuazioni e pregiudizi che c’erano, ci sono e continueranno ad esserci… nonostante tutto.

Nonostante, ad esempio, quanti pur di essere bastian contrari sono arrivati addirittura a sventolare la bandiera dell’etica. Come l’ex parlamentare Francesco Forciniti che – una volta ricevuta conferma che nel porto non si farà altro che realizzare moduli per l’estrazione del gas nei diversi giacimenti del mondo – ha ripescato il leitmotiv dell’industrializzazione di stampo neocolonialista. Benissimo, giusto, condivisibile. Viene da chiedersi, però, perché questo stesso ragionamento (sullo “stampo neocolonialista”) non sia stato fatto dall’allora deputato pentastellato quando all’epoca del governo Conte 1 venne sdoganata l’energia green a batteria. La stessa che da un lato sta rendendo più pulito l’occidente e dall’altro sta distruggendo tante altre parti del mondo dove vengono estratte le materie prime per realizzare proprio quelle batterie. Dettagli.

Gli unici che avrebbero avuto più diritto tra tutti a parlare oggi erano i pescatori che – dicevamo – in quella grande darsena ci vivono da 50 anni e che continuano a pagare, a loro spese, le fustigazioni dell’Europa. Ecco, i pescatori oggi c’erano ma solo con una piccola delegazione. Che, in realtà, non ha espresso, poi, tutto quel dissenso che in tanti rumoreggiano da mesi. Mastro Tonino Gattuso docet.

Insomma, nulla di nuovo sotto al sole nella landa della Sibaritide che – si spera – in futuro non resti poi così desolata!

 

Marco Lefosse
Autore: Marco Lefosse

Classe 1982, è schietto, Idealista e padre innamorato. Giornalista pubblicista dal 2011. Appena diciottenne scrive alcuni contributi sulla giovane destra calabrese per Linea e per i settimanali il Borghese e lo Stato. A gennaio del 2004 inizia a muovere i passi nei quotidiani regionali. Collabora con il Quotidiano della Calabria. Nel 2006 accoglie con entusiasmo l’invito dell’allora direttore de La Provincia, Genevieve Makaping, ad entrare nella squadra della redazione ionica. Nel 2008 scrive per Calabria Ora. Nell’aprile 2018 entra a far parte della redazione di LaC come corrispondente per i territori dell’alto Jonio calabrese. Dall’1 giugno del 2020, accoglie con piacere ed entusiasmo l’invito dell’editore di guidare l’Eco Dello Jonio, prestigioso canale di informazione della Sibaritide, con una sfida: rigenerare con nuova linfa ed entusiasmo un prodotto editoriale già di per sé alto e importante, continuando a raccontare il territorio senza filtri e sempre dalla parte della gente.