10 ore fa:Patologie reumatiche, due giornate di approfondimenti all'Unical
8 ore fa:Baldino (M5s) attacca Occhiuto: «Con la faccia di bronzo fa campagna elettorale nell'Alto Jonio, luogo saccheggiato e depredato»
9 ore fa:Ballarati, autore castrovillarese, conquista anche Napoli
16 ore fa:Cosa si dice nella Calabria del nord-est: una settimana di notizie
Ieri:La pioggia bagna le piazze di Straface e Stasi: ma la campagna elettorale è già un bollore di attacchi
11 ore fa:Il Metropolita Polykarpos accolto a Corigliano-Rossano: giorno memorabile per la comunità greco-ortodossa cittadina
13 ore fa:Accordo Quadro Anci-Conai 2020-2024, giornata di approfondimento alla Provincia
14 ore fa:Amministrative a Co-Ro, presentata la lista della Lega a sostegno di Straface
Ieri:La Diocesi di Rossano Cariati si prepara alla 50^ edizione delle Settimane sociali dei cattolici
15 ore fa:Viaggio tra i Feudi della Sila Greca - Il Principato di Campana, Regno indiscusso dei Sambiase per oltre un secolo

Biglietto di andata e ritorno per una nuova “Città del Sole”

3 minuti di lettura

E’ l’alba. Un bus rosso arriva e, nell’aprirsi di porte, i finestrini appannati sgocciolano candide lacrime calde.

Rade parole riecheggiano nel lungo abitacolo. Il silenzio domina sovrano e attutisce lo stanco vocio. Un silenzio sordo e condiviso con gli altri animi assorti, mentre, miglio dopo miglio, si allontanano visi, voci e case familiari.

Andare, riandare, ritornare, ripartire.

“Tu quando scendi?” “E tu, quando sali?” “Torni per Natale?”

Scendere. Risalire.

Ricco è il lessico di questa letteratura di viaggio calabrese, e intriso di vecchie e nuove parole, vecchie e nuove fermate, mentre si percorrono nuove e vecchie strade.

Un viaggio che forse non avrà mai fine.

Un viaggio che inizia da lontano, in quella autostrada che è il Mediterraneo, crocevia di popoli e culture, da Samos a Crotone, passando per Velia e Mileto, onda su onda, soffio di vento dopo soffio di vento. 

Risolvere oggi l’annoso problema della carenza di lavoro nel Meridione d’Italia è un compito arduo, che spetta responsabilmente a ognuno di noi, anche e forse soprattutto quando siamo chiamati a esprimere le nostre preferenze nelle urne elettorali.

E se provassimo, intanto, a trasformare un grande problema epocale qual è l’emigrazione, in un’opportunità costruttiva?

Non solo l’Italia, ma anche i Paesi esteri (oggi come nel passato) sono le mete della nuova “diaspora”: Germania, Inghilterra, Spagna, Stati Uniti, ecc.

Nel corso delle ricerche antropologiche che sto effettuando negli ultimi anni, relativamente ai nuovi migranti che partono dall’Italia, ho potuto constatare che molti di loro sono ricercatori, esperti, scienziati e giovani laureati a pieni voti, disposti a mettere tutto il bagaglio di sapere e di esperienze, acquisito in tanti anni di studio e di lavoro, a disposizione di Università, istituti di ricerca e grandi aziende, in cambio della giusta e sacrosanta valorizzazione.

Sono loro che vengono sovente identificati come i cosiddetti “cervelli in fuga”.

E non di meno ci sono, fra i nuovi migranti, anche bravi chef, professionisti nel campo della ristorazione, dell’edilizia e di tanti altri settori economici.

Io preferirei andare oltre la solita frase “Eroe è chi resta!”, che spesso viene pronunciata per elogiare, con dissimulato intento retorico, coloro che fra tante difficoltà scelgono di rimanere in Calabria o in altre zone del Meridione d’Italia.

Ognuno sceglie il suo percorso di vita, e non c’è un oggettivo modus operandi e vivendi che valga indiscriminatamente per tutti. Si può “restare”, magari dando vita a un’attività produttiva nella speranza che tutto vada per il verso giusto, come si può scegliere di abitare nel Sud per due o tre anni prima di partire alla ricerca di nuove esperienze. E poi, chissà, di nuovo “ritornare” oppure ripartire per altre mete. Non c’è un modello unico di vita. E non si è “sconfitti” se si parte, come non si è “sconfitti” se si “ritorna”.

Non possiamo pensare di vivere in un “bel recinto” costituito dal “nostro” bel giardinetto, dal “nostro” bel mare, dal “nostro” bel cibo, dalle “nostre” belle tradizioni.

Di “nostro”, relativamente al patrimonio immateriale, non c’è niente, e tutto ciò che abbiamo la fortuna di vivere a livello esperienziale nella bella terra calabrese è il frutto di un millenario processo di interazione fra diverse culture, e di un’infinità di viaggi e di scambi commerciali, economici e sociali.

L’uomo è un animale sociale, sempre connesso con il mondo (oggi più che in passato, grazie alle comunicazioni telematiche) e in continua interazione con i suoi simili. E i contatti fra gli esseri umani creano un flusso incessante di idee e di pensieri.

E se pur ci compiacciamo talvolta nel cantare una bella canzone della tradizione calabrese che contiene, nella sua intensità strutturale, stilemi musicali provenienti dalla Grecia, dalle terre mediorientali o da quelle nordafricane, nel contempo impariamo l’inglese, la lingua più utilizzata al mondo.

Riuscire a cucire questa rete di conoscenze ed esperienze con ciò che ci circonda, e tentare di annodare ciò che viviamo quotidianamente qui in Calabria con le esistenze di chi sta parallelamente vivendo esperienze formative e lavorative in altre zone d’Italia e del mondo, è certamente una nuova e grande scommessa. Così come riuscire a interagire con la ricchezza culturale posseduta dai tanti migranti economici (provenienti dalle varie zone dell’Africa, dell’Est Europa e dell’Asia) che lavorano e abitano nelle tante città e paesi calabresi come Corigliano-Rossano, è un’opportunità che non possiamo lasciarci sfuggire.

L’interazione, lo scambio e l’accoglienza possono costituire un motivo di ulteriore opportunità di crescita economica e culturale, che non deve assolutamente passare attraverso lo sfruttamento, la creazione di barriere, l’indifferenza e l’emarginazione. E’ una sfida notevole, certo difficile e di non facile attuazione, ma è questa la strada che dobbiamo percorrere: realizzare una nuova “città del sole”, dove i raggi possano illuminare indistintamente tutti i suoi abitanti.

E allora, immagino ancora quell’aprirsi di porte di bus, quello scendere di goccioline sui finestrini al mattino presto. E immagino, nel mio sogno ad occhi aperti, di accompagnare mia figlia che parte per il suo viaggio.

Bus navetta, direzione aeroporto Crotone o Sibari. E poi si vola, verso nuove mete.

E il mio sogno, la mia speranza, è che esse siano sempre mete desiderate, mai imposte.


Il Corsivo è curato dalla reggenza dell'Eco dello Jonio con la preziosa collaborazione della prof.ssa Alessandra Mazzei che ogni settimana offre agli utenti la lettura in forma esclusiva di contributi autentici, attuali e originali firmati da personalità del mondo della cultura, della politica e della società civile di fama nazionale e internazionale

Antonio Bevacqua
Autore: Antonio Bevacqua

Cosentino doc, classe ’73, è laureato in Lettere Moderne, ha a lungo collaborato con il Centro di Documentazione demo-antropologico dell’Università calabrese, diretto da Ottavio Cavalcanti e ha pubblicato, con l’editore Squilibri, “I Tamburi della Sila”, esito di una lunga ricerca effettuata in Sila sulla tradizione dei “tummarini”, e, dopo anni, il Cd “Transumanza”. Nel 2004 fonda l’associazione Neilos di cui è presidente, che si occupa di ricercare e divulgare le tradizioni popolari del Sud Italia. Con l’omonimo gruppo musicale effettua numerose tournee in Italia e all’estero. Dal 2014 ha iniziato uno studio sulle nuove migrazioni dal Sud Italia, tenendo diverse lezioni-concerto in America. Nel 2018 pubblica con l’editore Ferrari di Rossano lo scritto di antropologia musicale “Casali”. Attualmente vive in Calabria dove insegna Filosofia e Storia al Liceo Classico San Nilo (Polo Liceale Rossano). Nel 2021 ha pubblicato il suo ultimo brano come cantautore intitolato “Le parole che”