7 ore fa:Corigliano-Rossano, l’associazione “Rete Italiana Disabili” ringrazia il deputato Forciniti
7 ore fa:Domani si terrà la Conferenza sindaci: «Si chiede la revisione della legge di bilancio»
5 ore fa:Covid, nella Sibaritide-Pollino 27 nuovi positivi, 16 dei quali a Corigliano-Rossano
6 ore fa:Vaccini in Calabria, Renne (IdM): «Dopo un inizio caotico si procede con graduali miglioramenti»
12 ore fa:Corigliano-Rossano, concessi i domiciliari a Domenico “u' chiatto”
9 ore fa:Ciò che di già sapevo. Sbadigli sulla pandemia
12 ore fa:IL ROTOCALCO DELL'ECO - Una settimana di notizie in pillole
6 ore fa:Spoke Corigliano-Rossano, “chiudono” i reparti perché l’organizzazione è inesistente
8 ore fa:Chiusura del reparto di Rianimazione, il Movimento del Territorio chiama in causa il sindaco Stasi
8 ore fa:In Calabria oggi si contano 224 nuovi positivi e 7 vittime - TUTTI I NUMERI DEL CONTAGIO

«Alla rettitudine non ci sono opzioni»

3 minuti di lettura

Prima o poi avrei voluto farlo. E lo faccio adesso. Adesso voglio onorare di un tributo Dante che ho incontrato al liceo, ma che ho conosciuto grazie a letture approfondite, per caso, mentre ero anch’io nella selva oscura. Prima che dalle opere, è dall’uomo che ho imparato la prima lezione di vita e la più importante.

Lui si innamora di una donna, e scrive dell’innamoramento come di “Vita Nova”, si innamora della parola e scrive il “De Vulgari Eloquentia”, si innamora della politica e bacchetta coloro che ne fanno scempio e ripristina gli ambiti di competenza fra Stato e Chiesa e scrive il “De Monarchia”, lui vuole far parte del governo cittadino a Firenze e si iscrive alla corporazione dei Medici e degli Speziali.

Non si risparmia, ma è scomodo in quel clima rovente di contesa e viene escluso dalla vita politica fiorentina, accusato di peculato. In un clima di scontri intestini fra guelfi e ghibellini, e fra i guelfi le fazioni dei bianchi e dei neri: correnti di pensiero capaci di minare la stabilità del governo cittadino, una lotta senza quartiere per la supremazia che perfeziona uno spaccato simile alla storia contemporanea, dove solo l’integrità di un uomo come Dante Alighieri, nel pieno della corruzione, poteva, attraverso la ingiusta dolorosa esperienza, concepire il capolavoro che non ha pari nella letteratura mondiale. L’uomo onesto schiacciato dal potere che traccia il sentiero di una commedia divina, in cui tutta l’umanità rintraccia l’indizio di quanti vivono, esclusi, nella verità.

Lo accusano di peculato, lo esiliano e poi lo invitano a tornare a Firenze reo confesso. Dante non cede, è ferito e scrive il “Convivio”, come sa di sale lo pane altrui, e quanto è duro lo scendere e il salir per le altrui scale. Invita i suoi ospiti ad un banchetto dove serve ai commensali letteratura e poesia. Non tornerà mai a Firenze, continuerà a peregrinare ospite da questo e da quello, e in questo doloroso nomadismo avrà modo di maturare il senso della commedia divina di un uomo che, attraverso l’inferno di un quotidiano scabroso, attraverserà il purgatorio per giungere in Paradiso, cosi tracciando il destino degli uomini in un capolavoro universale ed eterno.

Un viaggio in cui la sola compagna è la Conoscenza e perciò lo accompagna Virgilio: l’uomo più colto a quel tempo. Ma per accedere al Paradiso ha bisogno dell’Amore perciò lo accompagna Beatrice. Una volta al cospetto dell’Eterno, superati i cori di Cherubini e Serafini è S. Bernardo in contemplazione perpetua. Dante è l’uomo onesto assediato da impostori. E’ archetipo di ogni tempo, capace di sabotare le avversità con il sublime.

Ci salva tutti, ci solleva, replica alle nefandezze con rigore, è un uomo integro.

Tributare onore al Vate, è atto dovuto. Quest’uomo sempre contemporaneo ci ricorda che alla rettitudine non ci sono opzioni, costi quel che costi. La sua vita scandita da coerenza non si è mai piegata, è esempio fulgido che acceca, e a dispetto di facili scorciatoie si erge a figura emblematica che non si sottrae alle più penose umiliazioni, che fa della propria morale un vessillo e delle proprie scelte un testamento a futura memoria. Resta Firenze macchiata dalla scelta deliberata di Dante di non voler tornare neanche da morto. E’sepolto a Ravenna.

E Ravenna vanta l’ulteriore gioiello insieme al Mausoleo di Galla Placidia.

Consapevole di non essere bastevole ad un tributo che immagino potente quale è stata sua vita e la sua opera, convoco August Rodin e la sua monumentale Porta dell’Inferno. In quest’opera scultorea troneggia “Il Pensatore” Dante. A guardarlo ti sembra di sentire il frastuono degli ingranaggi nella sua mente che si scervella per conciliare l’inconciliabile. Metto a fuoco “Il Bacio”: Paolo e Francesca annullati nel loro stesso bacio vincono l’inferno, e unitamente ad Ulisse, punito per la sua sete di conoscenza, conquistano la redenzione perché la salvezza passa dalle orde dell’Inferno. A Dante Alighieri, alla Sua Somma poesia, grata.

Ritratto di Dante, Salvador Dalì.


Il Corsivo è curato dalla reggenza dell'Eco dello Jonio con la preziosa collaborazione della prof.ssa Alessandra Mazzei che ogni settimana offre agli utenti la lettura in forma esclusiva di contributi autentici, attuali e originali firmati da personalità del mondo della cultura, della politica e della società civile di fama nazionale e internazionale

Sofia Vetere
Autore: Sofia Vetere

è capo Ufficio stampa del Teatro Stabile di Calabria e Direttore del Teatro Rendano. Responsabile del Progetto Cosenza Capitale della Cultura,Presidente delle Giurie Rende Book Festival e della Quadriennale Arti contemporanee a Rossano. Portavoce del Consorzio Nautico Blu Calabria. Ambasciatrice per la giornata internazionale della POESIA UNESCO 2019, Membro della Giuria del PREMIO Internazionale di Alta formazione Conservazione e Restauro istituito da C.O.R.E., che quest'anno ha premiato i Direttori dei Musei di Reggio, Corigliano-Rossano e dei Musei Vaticani. Tanta esperienza internazionale avvitata su una solida radice classica. Riceve il Premio AGIS per la divulgazione della Cultura 1990, il Premio Galeazzo da Tarsia nel 2016 e il Premio eccellenza Calabrese per la divulgazione della Cultura nel 2019.